Da 30 anni con voi! - D'intesa con RignanoNostra.it e GrottaPaglicci.it - Seguiteci su Facebook


 

Giovanni Tancredi, un rignanese di San Marco in Lamis che si candida per un posto da consigliere comunale a Palazzo Badiale.

Giovanni Tancredi, un papà prestato alla politica. Alla conquista di uno scranno comunale a San Marco in Lamis.

Giovanni Tancredi, 48 anni, papà di tre figli e marito, si rimette in gioco a San Marco in Lamis e si candida quale aspirante consigliere comunale a Palazzo Badiale. Lo fa in un gruppo di amici e colleghi della politica, lo fa al fianco del medico-chirurgo Tiziano Paragone, candidato primo cittadino per conto della coalizione "Con Tiziano - Bene Comune".

Raffaele Daniele.

Raffaele Daniele (Civilmenti per San Marco): fatti e non parole.

Fatti e non parole, parrebbe questo il succo essenziale della lettera inviata ad una testata locale dal candidato sindaco di “CivilMenti per Sanmarco”, Raffaele Daniele, a San Marco in Lamis. Lo fa con un discorso puntiglioso sulle accuse rivoltegli dagli avversari politici che spaziano dal programma e dagli impegni assunti, alle sue passate esperienze politiche dipinte come transumanza e non come evoluzione formativa e politica dello stesso.

Un momento della commemorazione, in primo piano don Luigi Ciotti orante (Foto di Pasquale Gatta).

Omicidio fratelli Luciani. Oggi commemorazione alla Stazione di San Marco in Lamis con don Luigi Ciotti.

Sono passati esattamente 4 anni dall'omicidio di Mafia dei fratelli Aurelio e Luigi Luciani. Oggi commemorazione alla Stazione di San Marco in Lamis con don Luigi Ciotti, presidente nazionale di Libera.

Raffaele Daniele, avvocato, è il quinto candidato-sindaco di San Marco in Lamis

Ci siamo. Anche Raffaele Daniele, già consigliere comunale, ha sciolto ogni riserva e scende in campo alle prossime amministrative come candidato sindaco nella lista “CivilMENTI per San Marco” , vicina alla Lega di Salvini.

Fast-Confsal:Treno-Tram, continua la "commedia" in Capitanata

Le ultime novità sul treno-tram e gli interventi, tra i quali quello dell’assessore pugliese ai trasporti Anita Maurodinoia sollecitano la Fast-Confsal di Capitanata ad intervenire