Da 30 anni con voi! - D'intesa con RignanoNostra.it e GrottaPaglicci.it - Seguiteci su Facebook


 

Seduta consiliare piuttosto dibattuta e fattiva, al Comune di Rignano Garganico

Seduta del Consiglio Comunale piuttosto dibattuta e fattiva, quella di ieri sera, 31 maggio, a Rignano Garganico.

A presiedere l’organismo ci ha pensato il sindaco Luigi Di Fiore, assistito dal segretario comunale Matteo Mimma. Assente un consigliere dell’opposizione, così pure il pubblico. All’ordine del giorno appena quattro punti, tutti approvati con voto unanime e con immediata esecutività delle relative delibere. Gli argomenti riguardavano per lo più le prescrizioni su le aliquote di tassazione nei diversi settori, per lo più riconfermate o addirittura. ridotte per via del Covid.

Le osservazioni dell’opposizione, poste puntualmente dai consiglieri Michele Ciavarella, già sindaco della cittadina e consigliere comunale di lungo corso, e Matteo Stanco in sella per la prima volta, hanno riguardato tutti i punti, oltre alle comunicazioni ed interrogazioni poste all’inizio della seduta. Tra l’altro, ad accendere gli animi è stata la proposta di cambio di guardia al Pug, detenuta da circa un ventennio dall’architetto Michele Fatigato di Foggia. E questo per favorire il percorso veloce verso l’adozione definitiva, bloccata da talune titubanze degli amministratori in carica.

Apriti cielo! A questo punto, il capogruppo della minoranza Ciavarella è insorto con foga, perché, così facendo si rinviava sine die l’importante strumento urbanistico e nel contempo il futuro sviluppo della cittadina. Per di più ha rimproverato la maggioranza di aver tenuto in cassetto il documento, dopo l’avvenuta adozione da parte dei loro precedessori e dalle forze politiche. Accusa respinta seduta stante e con la medesima foga, sia dal primo cittadino Di Fiore, sia dal suo vice ed assessore al ramo, Giosuè Del Vecchio, scaricando i ritardi ai titolari ai precedenti governi. Nel solco del dibattito si è inserito il consigliere Antonio Aniceto, rilevando pure lui passate responsabilità, coadiuvato nel discorso dal collega di maggioranza, Pasquale Di Carlo.

Per di più sul piano dell’edilizia a che serve uno strumento del genere , ora che il settore è saturo e le case inoccupate, per via del calo demografico e dello spopolamento? Status quo che non riguarda il solo centro storico, ma anche le zone urbanistiche di più recente espansione. Solo un evento straordinario potrebbe invertire la rotta, come l’acquisto a tappeto da parte di futuri turisti o l’avvio della moltiplicazione delle nascite.

Circa il turismo, c’è da segnalare il prossimo arrivo in paese di un Rignanese-americano, che già sta affittando un appartamento da trasformare successivamente in acquisto per uso suo e della famiglia. Tanto in vista dell’ottenimento della cittadinanza italiana per ius sanguinis. Un evento, a parere di molti, da considerare quasi miracoloso, perché accade ad un discendente di un rignanese, emigrato negli USA addirittura nel primo decennio del secolo scorso.

Le interrogazioni hanno provocato il dibattito anche su altri importanti temi, come quello dei cani randagi e dell’apertura del Museo di Grotta Paglicci, a cui hanno risposto documentati sia il sindaco, sia la consigliera-assessora al ramo, l’avvocato Viviana Saponiere. Sul tema della giornata ecologica (svolta con successo) e sui temi collegati della nettezza urbana, ha risposto con dovizia di argomentazioni, il consigliere delegato Paky Longo, mentre sui lavori pubblici in corso o in previsione, mattatore unico è stato il citato responsabile al ramo Del Vecchio.

Dopo l’esaurimento dei lavori, il clima si è stemperato e, al suono del campanello di fine lavori, tutti gli interessati si sono allontanati dalla sala consigliare con l’animo sereno e la coscienza soddisfatta per aver assolto positivamente il loro ruolo di eletti e rappresentanti della collettività, a prescindere dalla propria ideologia e banco politico.

Per saperne  di più sull'evento  basta consultare il sito facebook del Comune, da dove è possibile seguire il video sul tema  girato in diretta per conto dell’Ente dal giovane e dinamico Donato Pio Palumbo.

Antonio Del Vecchio
Author: Antonio Del VecchioEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Antonio Del Vecchio (foto di Vanni Natola) è giornalista, scrittore, storico e appassionato di archeologia antica e moderna. Ha al suo attivo oltre 60 pubblicazioni cartacee su storia, tradizioni, emigrazione, tesori archeologici e racconti. E' stata la penna storia della Gazzetta del Mezzogiorno ed oggi scrive per diverse testate giornalistiche cartacee e on line.