Antonio Del Vecchio
15/04/17

Venerdì Santo: hanno dominato le Pie Donne, a Rignano e le Fracchie a S.Marco

Il Parroco Don Santino tra il vice Don Antonio e 'don' Mario Ardolino Il Parroco Don Santino tra il vice Don Antonio e 'don' Mario Ardolino

RIGNANO G. – SAN MARCO IN L. Una serata per davvero densa di intime ed intense emozioni quella vissuta ieri sera durante lo svolgimento del sacro rito del Venerdì Santo, a Rignano Garganico.

Hanno sfilato nell’ordine per la principali vie del centro storico e nel resto della cittadina: in primis, le sessanta pie donne vestite e velate di nero, portando seco i cuscini contenenti i sacri segni della Passione-Crocifissione; quindi, la Santa Croce con dietro il parroco Don Santino Di Biase, il vice Don Antonio Gianfelice e il prossimo sacerdote don Mario Ardolino; a seguire, Gesù morto, accompagnato dagli incappucciati vestiti di bianco con dietro, la statua della Vergine Addolorata (da poco restaurata) il sindaco uscente Vito Di Carlo in fascia tricolore e  il comandante dei VV.UU. Antonio Paglia; infine, il popolo orante.  Ad aprire il corteo ci hanno pensato, invece,  la camionetta dei Carabinieri  e più distanziati i volontari della Protezione Civile (A.VV.FF.C) seguiti da Matteo con la sua  ‘Tremmola’, il tradizionale strumento in legno che, battendo, emette particolari suoni, facendo le veci delle campane, ‘legate’ in  segno di lutto sino alla cerimonia della Resurrezione. La Processione dopo qualche ora ha fatto ritorno nella Chiesa Matrice, da dove era partita. E qui, il Parroco dopo aver commentato ad uno ad uno  i sacri ‘segni’ sopraccitato e impartita la Benedizione ha sciolto l’assemblea.  Nella vicina San Marco in Lamis la funzione è stata assai più intensa e affascinante, a causa  della maggiore partecipazione popolare e soprattutto per via delle tradizionali  ‘Fracchie’ di cui tutto è risaputo, che hanno illuminato con le loro alte fiamme il cammino della Vergine Addolorata  al seguito di Gesù Morto. Da segnalare che in Piazza Madonna delle Grazie  gli innumerevoli visitatori e i cittadini, hanno potuto ammirare ( e lo si potrà fare anche nei giorni seguenti), l’esposizione scultorea delle gigantografie di Nick Petruccelli (una quindicina) dedicate proprio alla Passione e alla Fede. Come annunciato,  le altre opere pittoriche e scultoree su lo stesso ed altri temi (una settantina) sono esposte da qualche giorno al Liceo – Ginnasio ‘Giannone e lo resteranno fino al 18 aprile.

Letto 419 volte Ultima modifica il Domenica, 16 Aprile 2017 08:20
Vota questo articolo
(0 Voti)
Antonio Del Vecchio

Già funzionario della Regione Puglia in campo culturale, giornalista e pubblicista. Ha diretto vari periodici con scritti a carattere politico e socio – culturale, tra Bari, Foggia e rispettive province.

Dal 1979 ha collaborato e collabora con testate, anche digitali, quali La Gazzetta del Mezzogiorno, l’Attacco, Garganopress, Sanmarcoinlamis.eu, Rignanonews.com.

E’ autore e curatore di parecchi volumi sui beni culturali, sulla storia locale, sull’emigrazione e sulle tradizioni di Rignano, del Gargano, della Puglia e dell'Italia.