Antonio Del Vecchio
03/04/17

Mercoledì 5, ad ‘Artefacendo’ confronto serrato tra Poesia (Ferrara) ed Arte (Petruccelli), a San Marco in Lamis

FOGGIA. Come preannunciato, mercoledì 5 aprile, alle ore 18.00, si terrà presso l’accogliente saletta  dei locali di  “Artefacendo”, ubicati nella centralissima Villetta Comunale,  il previsto incontro tra arte e poesia, a San Marco in Lamis. 

Si tratta della presentazione del volume “Gargano /  Poesie di Franco Ferrara in dialetto sui paesi garganici / L’Arte di Nick Petruccelli”. Interverranno per l’occasione, oltre agli autori e ai promotori dell’iniziativa, i giornalisti e cultori delle tradizioni, Geppe Inserra, Angelo Capozzi e Antonio Del Vecchio. Gli stessi, tra l’altro metteranno in luce i ‘chiaro-oscuri” del libro. In particolare affonderanno il bisturi sulle analogie e similitudini che intercorrono tra l’arte dello pittore- scultore Nick Petruccelli, autore delle illustrazioni contenute nel libro  e poesia di Franco Ferrara, che fa proprie reinterpretando nel proprio linguaggio e stile talune liriche riferite ai vari paese del Promontorio. Secondo chi scrive il connubio artistico tra Petruccelli e Ferrara, sarebbe assai stretto.  “Ad accomunarli – si legge tra l’altro nella presentazione, oltre alla medesima terra d’origine’ ,  le tradizioni, gli usi e costumi e lingua, è soprattutto la medesima concezione e filosofia della vita. Entrambi amano praticare e disquisire tra la gente comune, cogliendo e nutrendosi delle loro necessità esistenziali, che diventano materia prima delle loro opere. Ferrara, secondo il dire del presentatore, si esprime attraverso la lingua materna o dialetto che dir si voglia, col quale colorisce ed accresce l’immediatezza del contenuto, dandogli vigore e musicalità. Petruccelli raggiunge la medesima meta, attraverso la cosiddetta forma primitiva, ossia, talvolta abbozzata ed incompiuta, iun altri casi grezza e rude ed in altre situazioni ancora impalpabile ed eterea…”. Secondo gli organizzatori, si tratterebbe  di un incontro - confronto assai utile del nuovo corso di Artefacendo, al fine di dare maggiore visibilità alla città, rilanciandola a tutto gas verso l’agognato sviluppo turistico, possibile attraverso la valorizzazione delle ‘sue cose’, come i due Conventi e i monumenti , gli usi e costumi e soprattutto la grandezza  dei suoi uomini di ieri e di oggi in ogni campo dello scibile e dell’arte, quale appunto è considerato il Petruccelli.  . 

 

 

Letto 123 volte
Vota questo articolo
(0 Voti)
Antonio Del Vecchio

Già funzionario della Regione Puglia in campo culturale, giornalista e pubblicista. Ha diretto vari periodici con scritti a carattere politico e socio – culturale, tra Bari, Foggia e rispettive province.

Dal 1979 ha collaborato e collabora con testate, anche digitali, quali La Gazzetta del Mezzogiorno, l’Attacco, Garganopress, Sanmarcoinlamis.eu, Rignanonews.com.

E’ autore e curatore di parecchi volumi sui beni culturali, sulla storia locale, sull’emigrazione e sulle tradizioni di Rignano, del Gargano, della Puglia e dell'Italia.