Il primo sito web dedicato ai Rignanesi e ai Garganici nel mondo!

CulturaEventiCenni StoriciMondoItaliaPugliaGarganoRignano G.

Benvenuti in una terra fantastica, con donne e uomini straordinari. Tra saperi e sapori, da scoprire assieme...

Fai un gesto solidale

HOTEL GARDEN ***

 
A San Giovanni Rotondo (FG)
 
Per prenotare 

LA TV LIBERA DEL GARGANO

LA MASSIMA

Non sempre si resta incudine, spesso si torna martelli. Lo dico a quegli stolti che usano le minacce invece delle parole! Chi scrive lo fa perché crede in questa arte e non si tirerà mai indietro di fronte a qualsivoglia pressione di questo o di quello stolto (Nonna Papera) :-D

SAGRE IN ITALIA

 
Sagre in Italia

Che tempo fa?

Min Max
Mer. sereno 16 30
Gio. sereno 19 33
Ven. sereno 21 35
Scegli la città

L'orgoglio e il piacere di gridarlo a gran voce...

Home Personaggi
Personaggi
L'ULTIMO FASCISTA D'ITALIA HA 102 ANNI: ECCO LA STORIA DELLA CAMICIA NERA LUIGI CARFAGNA DA RIGNANO GARGANICO PDF Stampa E-mail
Le news - Personaggi
Scritto da Administrator   
Giovedì 05 Dicembre 2013 13:31

E' RIMASTO FEDELE AL DUCE PREFERENDO LA GALERA E LA TORTURA, E' UNO DEGLI UOMINI PIU' ANZIANI DELLO STIVALE

di Antonio Del Vecchio

RIGNANO GARGANICO. Nasce a Rignano Garganico il 31 dicembre 1911 da Giuseppe e da M. Michela Nardella  nella casa avita di Via P. Antonio Fania 20, stabile dove nacque pure nel 1804 il vescovo francescano di Potenza, vicario e poi generale mancato dell’ordine minoritico, raffinato uomo di cultura e scrittore tra i più noti e scomodi della Roma di Pio IX.  Il 30 dicembre 1933 alla visita di Leva sostenuta presso il Distretto Militare di Foggia, è fatto rivedibile, forse per questioni di misure, e pertanto destinato a seguire le sorti della classe 1913. Il 5 aprile del 34 riceve la cartolina di chiamata per il servizio militare. Raggiunge Voghera. Dopo alcune settimane di addestramento  è assegnato al 13 Reggimento Cavalleggeri del Monferrato – Deposito di Voghera, dove sarà trattenuto fino al 12 marzo del 1936. Il primo Luglio dello stesso anno riceve dal Distretto Militare di Foggia il congedo illimitato.


Add a comment
Ultimo aggiornamento Giovedì 05 Dicembre 2013 13:48
Leggi tutto...
 
I RITRATTI IMMORTALI DI SILVIO ORLANDO TORNANO A PRENDERE FORMA SU FACEBOOK PDF Stampa E-mail
Le news - Personaggi
Scritto da Administrator   
Mercoledì 04 Dicembre 2013 12:11

RIGNANO GARGANICO. Scorci di un tempo che non torna più. E' l'idea che si fa l'attento lettore-seguace dell'artista e fotografo Silvio Orlando, conosciuto in ogni dove per i suoi scatti e per le emozione che riesce a trasmettere con le sue immagini d'autore. Silvio, da poco ove-sessanta, dopo una lunga carriera da fotografo professionista, ha deciso di rimettersi in gioco attraverso il web e le possibilità infinite che offrono i social-network.


Add a comment
Ultimo aggiornamento Giovedì 05 Dicembre 2013 13:49
Leggi tutto...
 
ANDREA VILLANI, DAI CAMPI RIGNANESI AL MASSACRO DI RODI EGEO PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 
Le news - Personaggi
Scritto da Administrator   
Lunedì 02 Dicembre 2013 05:43

storia ricostruita da Antonio Del Vecchio

RIGNANO GARGANICO. Parla l'ex-combattente Andrea Villani (*). Prima di partire per la guerra, ho trascorso interamente  la mia fanciullezza ed adolescenza nelle campagne di Rignano Garganico, lavorando sodo, dapprima come garzone e poi come bracciante agricolo nelle diverse masserie dei Ricci, famiglie facoltose di agricoltori ed allevatori che assieme ai Demaio assorbivano  gran parte l’occupazione della manodopera  locale. Ricordo bene il primo giorno di lavoro. Avevo appena compiuto il decimo anno d’età e concluso la IV Elementare con scarso profitto, quando, a fine giugno,  fui strappato dai banchi di scuola ed avviato direttamente e senza alcuna pausa di vacanza, ai lavori nei campi, lavori che a quei tempi erano molto duri e debilitanti, specie per i ragazzi della mia età . Infatti, un bel mattino, accompagnato da mio fratello Nicola, dopo aver percorso un tragitto a piedi piuttosto lungo e faticoso, mi ritrovai a spazzare presso la  tenuta di don Pietro Ricci, situata alle pendici del paese in località Marcivico.


Add a comment
Leggi tutto...
 
MATTEO SALVATORE PDF Stampa E-mail
Le news - Personaggi
Scritto da Administrator   
Sabato 30 Novembre 2013 22:23

Una testimonianza di Antonio Del Vecchio

Per la prima volta  ho contatto diretto con  Matteo Salvatore nel settembre del 1972. E questo grazie ad una ‘spintarella !’, di cui si dirà. Il suo nome, comunque, mi è noto fin dagli anni ’50,  grazie ad alcune sue canzoni di grido, come Zompa Cardillo, Se te la pigli vascia vascia, la Bicicletta, scandite per le vie popolate della “Rotta” (antico quartiere di Rignano) dalla radio-giradischi della massaia aggiornata o della sarta e ricamatrice di turno, attente ad allietare il lavoro delle apprendiste.  Ovviamente il tutto alternato con i successi più recenti del repertorio napoletano o di San Remo, Dieci anni dopo, ormai giovincello,  mi ‘assordano’ sui lidi di Siponto e dintorni (Luoghi da me frequentati di tanto in tanto assieme ad amici e raggiunti con gli automezzi di linea o di fortuna e con l’affitto dell’immancabile costume da bagno): Azzìcchete  a me Ninnella mia, lu vicchie, ecc.


Add a comment
Ultimo aggiornamento Domenica 01 Dicembre 2013 14:12
Leggi tutto...
 
GABRIELE, L’UFFICIALE SAMMARCHESE SCAMPATO AI DUE FRONTI DELLA II GUERRA PDF Stampa E-mail
Le news - Personaggi
Scritto da Administrator   
Mercoledì 27 Novembre 2013 20:18

Fu miracolo di Padre Pio? Ecco la tormentata storia di Piccirella tra Lager e carri bestiame

di Antonio Del Vecchio

SAN MARCO IN LAMIS. Proseguiamo nella nostra carrellata sulle ‘storie – esperienze’ dei militari garganici sopravvissuti alla II Guerra Mondiale. Singolare quella patita, dopo l’8 settembre,   dall’ufficiale sammarchese Gabriele Piccirella. Fu  dapprima vittima, suo malgrado,   della deportazione nazista attraverso gli interminabili viaggi nei carri bestiame e la vita di sussistenza nei Lager, e poi  della deludente esperienza vissuta tra i combattenti della Repubblica Sociale Italiana, meglio noto come Salò. Eventi che lo segnarono per sempre e lo resero in seguito assertore e praticante scrupoloso del ‘modus est in rebus’ di romana memoria, sia nel privato che nella sua professione di avvocato e nella funzione di pretore onorario, esercitate entrambe  per lungo tempo nella sua città.


Add a comment
Ultimo aggiornamento Mercoledì 27 Novembre 2013 20:23
Leggi tutto...
 
LA STORIA DI GUERRA DI FORTUNATO LAMOLA DI RIGNANO GARGANICO PDF Stampa E-mail
Le news - Personaggi
Scritto da Administrator   
Mercoledì 27 Novembre 2013 20:07

Nella II Guerra Mondiale uscì indenne dal freddo polare della Russia e dai lager tedeschi

di Antonio Del Vecchio

Fortunato La Mola, classe 1916, scomparso alcuni anni or sono,  fu uno dei pochi fortunati ad uscire indenne da due situazioni tragiche della II Guerra Mondiale, come la campagna in Russia e l’internamento nei lager nazisti. Ecco il racconto che egli ci fece quando era ancora in vita e voglioso di parlare della sua tormentata esperienza. Erano passati 70 anni da siffatti accadimenti.  Negli anni 1937-38, dopo aver svolto regolarmente il suo obbligo di leva per sedici mesi di fila presso il Distretto Militare di Milano (vedi foto-ricordo), viene mandato a casa in congedo assoluto, per seguitare il lavoro usato nelle campagne, ma anche per godersi un po’ di gioventù. Erano gli anni di gloria del Duce, con sfilate di tipo militaresco in ogni dove. Anche a Rignano se n’è vista qualcuna, in occasione della venuta di questo o di quel gerarca di provincia, che seguivano da vicino la costruzione dell’edificio delle Scuole Elementari.


Add a comment
Leggi tutto...
 
PREMIO LETTERARIO PER GRAZIA D’ALTILIA A GIUSSANO PDF Stampa E-mail
Le news - Personaggi
Scritto da Administrator   
Giovedì 21 Novembre 2013 08:42

Una spina di fico d'india del Gargano ha punto i cuori dei duri padani

di Antonio Monte da Milano

GIUSSANO. Domenica 17 c.m. si è svolta la premiazione del Premio Letterario Nazionale di Narrativa, giunta alla sesta edizione, presso la biblioteca Don Rinaldi Beretta in Giussano, antico e famoso comune della Brianza, fulcro della Padania politica  "Lega Nord". Premiata la nostra concittadina garganica, Grazia D'Altilia, riscuotendo gli applausi e i riconoscimenti del pubblico  presente e numeroso.


Add a comment
Ultimo aggiornamento Giovedì 21 Novembre 2013 08:46
Leggi tutto...
 
UNO DEGLI ULTIMI SOPRAVVISSUTI DELLA II GUERRA MONDIALE A SAN MARCO IN LAMIS PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 
Le news - Personaggi
Scritto da Administrator   
Martedì 19 Novembre 2013 19:51

L’aviere Raffaele Donatacci scampa alla morte nel lager, grazie al suo mestiere di barbiere

di Antonio Del Vecchio
SAN MARCO IN LAMIS. Raffaele Donatacci, classe 1922, soldato aviere, deportato nei campi di concentramento nazisti dal 1943 al 1945 è uno degli ultimi sopravvissuti della II Guerra Mondiale a  San Marco in Lamis. Dopo una serie di fortunose peripezie, prima sul fronte greco – albanese e poi in Germania , si salva alla fine, grazie alla sua bravura di barbiere. Ecco la sua storia. Dopo una vigilia trascorsa in casa, tra pianti, sospiri e raccomandazioni, finalmente giunge l’ora della partenza, quella verso l’ignoto: la guerra. E’ una delle tante mattine d’aprile del 1942 (il giorno non lo ricorda più). Accompagnato dai suoi familiari e con un fagotto contenente roba spicciola (biancheria intima e qualche tozzo di pane e formaggio) si reca in  Largo Piano, per prendere la corriera per Foggia.

Add a comment
Leggi tutto...
 
NICOLA DEMAIO, REDUCE RIGNANESE SCAMPATO AL LAGER DI DACHAU PDF Stampa E-mail
Le news - Personaggi
Scritto da Administrator   
Domenica 17 Novembre 2013 07:48

Storie di caduti e sopravvissuti garganici nella II Guerra Mondiale

di Antonio Del Vecchio

RIGNANO GARGANICO. La Seconda Guerra Mondiale è ricca di storie, vicende umane e situazioni reali al limite dell'immaginario. Tra queste c'è la vicenda di Nicola Demaio, classe 1924, nato a  Rignano Garganico  ed ivi deceduto alcuni anni or sono. A distanza di sessant'anni dalla fine della Guerra e del rientro in patria era riuscito ad ottenere il dovuto riconoscimento da parte del governo tedesco per la sua prigionia nel campo di sterminio di Dachau.


Add a comment
Leggi tutto...
 
A tutti i Rignanesi: votale Ilenia Draisci come atleta dell'anno PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 4
ScarsoOttimo 
Le news - Personaggi
Scritto da Administrator   
Sabato 16 Novembre 2013 08:14

ROMA. E’ partito il sondaggio online per l’elezione de “L’Atleta dell’anno”. Tutti gli appassionati di atletica possono esprimere il proprio voto cliccando sulla pagina Facebook della Federazione Italiana di Atletica Leggera (https://www.facebook.com/fidal.it). E’ sufficiente entrare nella sezione dedicata al sondaggio, selezionare un atleta dall’elenco e poi convalidare la propria preferenza attraverso il bottone "VOTA" in fondo alla pagina. Tra le altre è presente la rignanese Ilenia Draisci, tra le più importanti velociste italiane. L'affascinante Ilenia vive a Pomezia, ma è originaria del più piccolo comune del Parco Nazionale del Gargano. A tutti i giovani rignanesi l'appello a far vincere la nostra compaesana. Votate, votate, votate!!!


Add a comment
Leggi tutto...
 
SOLE A CATINELLE HA UN ISPETTORE DI PRODUZIONE DEL GARGANO PDF Stampa E-mail
Le news - Personaggi
Scritto da Administrator   
Giovedì 14 Novembre 2013 23:11

Si tratta del giovane Alberto Monte, originario di Sannicandro Garganico

RIGNANO GARGANICO. Un garganico, Alberto Monte, ha collaborato in qualità di Ispettore di Produzione a realizzare il film, Sole a Catinelle, record d'incassi, protagonista Checco Zalone. Alberto vive sin dalla nascita con la famiglia a Varazze nel milanese. Qui vi si era trasferita da Sannicandro Garganico durante gli anni del boom.


Add a comment
Leggi tutto...
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 1 di 19

Cercateci su Facebook

Un volume su Don Cella

Translate

Vi seguiamo ovunque!

     

Il nostro Carosello



Module by: Camp26.Com

Storie di Guerra

 

I personaggi

PREMIO LETTERARIO PER GRAZIA D’ALTILIA A GIUSSANO

Una spina di fico d'india del Gargano ha punto i cuori dei duri padani

di Antonio Monte da Milano

GIUSSANO. Domenica 17 c.m. si è svolta la premiazione del Premio Letterario Nazionale di Narrativa, giunta alla sesta edizione, presso la biblioteca Don Rinaldi Beretta in Giussano, antico e famoso comune della Brianza, fulcro della Padania politica  "Lega Nord". Premiata la nostra concittadina garganica, Grazia D'Altilia, riscuotendo gli applausi e i riconoscimenti del pubblico  presente e numeroso.

Leggi tutto...

Il nostro Carosello



Module by: Camp26.Com

Collabora con noi

[googlef4d640c4b52fc484.html]