Il primo sito web dedicato ai Rignanesi e ai Garganici nel mondo!

CulturaEventiCenni StoriciMondoItaliaPugliaGarganoRignano G.

Benvenuti in una terra fantastica, con donne e uomini straordinari. Tra saperi e sapori, da scoprire assieme...

Fai un gesto solidale

HOTEL GARDEN ***

 
A San Giovanni Rotondo (FG)
 
Per prenotare 

LA TV LIBERA DEL GARGANO

LA MASSIMA

Non sempre si resta incudine, spesso si torna martelli. Lo dico a quegli stolti che usano le minacce invece delle parole! Chi scrive lo fa perché crede in questa arte e non si tirerà mai indietro di fronte a qualsivoglia pressione di questo o di quello stolto (Nonna Papera) :-D

SAGRE IN ITALIA

 
Sagre in Italia

Che tempo fa?

Min Max
Ven. coperto 14 26
Sab. molto nuvoloso pioggia 9 18
Dom. quasi sereno 7 20
Scegli la città

L'orgoglio e il piacere di gridarlo a gran voce...

Home Notizie dal Gargano L'esondazione del Candelaro mette in ginocchio l'agricoltura rignanese
L'esondazione del Candelaro mette in ginocchio l'agricoltura rignanese PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 5
ScarsoOttimo 
Le news - Notizie dal Gargano
Scritto da Administrator   
Lunedì 02 Dicembre 2013 23:03

Per via della pioggia e delle conseguenti inondazioni

di Antonio Del Vecchio

RIGNANO GARGANICO. Ci risiamo, la pioggia caduta fitta ed abbondante in questi giorni in tutta la Capitanata ha sommerso anche in territorio di Rignano Garganico decine e decine di ettari di terreni, danneggiando gravemente semine e colture stagionali, specie quelle cerealicole, destinate in parte ad ammuffire sotto la coltre d'acqua. Non è la prima, né sarà l’ultima volta che ciò accade. Lo è per via del torrente Candelaro (nelle foto di Enzo Pazienza e Pasquale Bergantino) e dei suoi affluenti maggiori (Salsola e Triolo) che attraversano in lungo e in largo la piana sottostante (circa 4500 ettari). "Meglio la neve! - dicono i coltivatori - se è vero, come è vero, che sotto di essa c'è il pane".

 

Talune aziende sono completamente rovinate e costrette a riseminare, non appena il bel tempo permetterà di farlo, ma non si sa come, ossia se ripetere la stessa coltura, o rimediare in alternativa con la messa a dimora di pomodori, ortaggi e quant'altro. Fermata anche la coglitura delle olive. Ulteriori danni, non di meno minori si riscontrano tra le opere strutturali ed infrastrutturali: strade ridotte a colabrodo, ponti e ponticelli intransitabili.

Al momento il quadro si presenta assai nero: il torrente Candelaro e i suoi affluenti, che attraversano in lungo e in largo questa parte del Tavoliere, dal ponte di Brancia a quello di Ciccalento, si sono ingrossati a dismisura e rischiano la piena; i terreni viciniori risultano allagati e in qualche caso anche le masserie isolate. Lo spettacolo diluviale si presenta parimenti nelle località Mezzanagrande, Maranella, Grotte Sarri, ecc. Così pure nella fascia che si estende tra il Candelaro e la strada provinciale pedegarganica.

La situazione che si osserva, secondo alcuni osservatori, sarebbe per davvero drammatica, in quanto ad essere colpiti duramente sarebbero gli agricoltori e i cittadini di Rignano Garganico. A loro avviso, ci troviamo di fronte ai molti problemi che da anni vengono trascurati, come per esempio: la puntuale manutenzione dei corsi d'acqua, delle idrofore, delle tubature e dei canali di sicurezza, un intervento costante sulla viabilità e soprattutto aiuti di sostegno a breve scadenza in caso di danni per calamità naturali.


Add a comment
Ultimo aggiornamento Giovedì 05 Dicembre 2013 13:49
 

Cercateci su Facebook

Un volume su Don Cella

Translate

Vi seguiamo ovunque!

     

Il nostro Carosello



Module by: Camp26.Com

Storie di Guerra

 

I personaggi

ANCHE RIGNANO E I RIGNANESI PIANGONO LA SCOMPARSA DI BENITO MUNDI

APPASSIONATO DI GROTTA PAGLICCI, SE N'E' ANDATO IN PUNTA DI PIEDI. IN TANTI IN PAESE LO CONOSCEVANO E LO APPREZZAVANO COME UOMO DI CULTURA E COME AMICO

di Antonio Del Vecchio

SAN SEVERO. Benito Mundi se n’è andato via in punta di piedi e senza clamore. Tant’è che, oltre ai familiari, solo pochi amici stretti hanno saputo della sua morte  ed hanno potuto partecipare per tempo ai funerali. Tutti gli altri amici ed estimatori (e ne aveva tantissimi in ogni centro della provincia!) sono venuti a conoscenza viva via della sua improvvisa scomparsa con il passa parola solo più tardi, anche perché nessuno avrebbe creduto mai  che un uomo della sua tempra e dinamicità potesse scomparire da un momento all’altro, a 76 anni. Un ‘età, quest’ultima, considerata ai nostri tempi ancora giovane e, per giunta, mai dimostrata se non in meno.

Leggi tutto...

Il nostro Carosello



Module by: Camp26.Com

Collabora con noi

[googlef4d640c4b52fc484.html]