Il primo sito web dedicato ai Rignanesi e ai Garganici nel mondo!

CulturaEventiCenni StoriciMondoItaliaPugliaGarganoRignano G.

Benvenuti in una terra fantastica, con donne e uomini straordinari. Tra saperi e sapori, da scoprire assieme...

Fai un gesto solidale

HOTEL GARDEN ***

 
A San Giovanni Rotondo (FG)
 
Per prenotare 

LA TV LIBERA DEL GARGANO

LA MASSIMA

Non sempre si resta incudine, spesso si torna martelli. Lo dico a quegli stolti che usano le minacce invece delle parole! Chi scrive lo fa perché crede in questa arte e non si tirerà mai indietro di fronte a qualsivoglia pressione di questo o di quello stolto (Nonna Papera) :-D

SAGRE IN ITALIA

 
Sagre in Italia

Che tempo fa?

Min Max
Lun. poco nuvoloso 24 33
Mar. quasi nuvoloso 22 35
Mer. quasi nuvoloso 22 38
Scegli la città

L'orgoglio e il piacere di gridarlo a gran voce...

Home Saperi & Sapori DON LEONARDO CELLA, UN SANTO MODERNO
DON LEONARDO CELLA, UN SANTO MODERNO PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 2
ScarsoOttimo 
Le news - Saperi & Sapori
Scritto da Administrator   
Giovedì 23 Agosto 2012 10:08

SARA' PUBBLICATO PER I TIPI DELLA MARITATO GROUP EDITORE DI ROMA IL NUOVO VOLUME DEL GIORNALISTA, STORICO E SCRITTORE ANTONIO DEL VECCHIO

di Lucio Brunelli (*)

RIGNANO GARGANICO. Papa Benedetto XVI una volta ha parlato dei 'santi sconosciuti', quelli che non hanno l'aureola e forse mai l'avranno, quelli ignoti al grande pubblico. Cristiani che hanno vissuto eroicamente ma senza clamori, con pudore, la fede in Gesù, offrendo tutta la loro vita per la diffusione del Vangelo e il servizio al prossimo. Don Leonardo Cella, forse, è uno di questi santi sconosciuti. E dobbiamo essere grati ad Antonio del Vecchio per averci raccontato la sua vita. E di averla raccontata senza cedimenti ad una agiografia retorica e sdolcinata ma secondo lo stile (delle “tre s”!) proprio di questo religioso nativo di Rignano Garganico: severo, serio e sereno.

Così la biografia di don Leonardo diventa un affresco avvincente, neorealista mi verrebbe da dire, di un pezzetto di storia italiana. Molto più insomma della celebrazione di una gloria locale. Un viaggio nella memoria di questo nostro paese smemorato, dove (Pasolini docet) un potere omologante che se la ride del Vangelo ha fatto tabula rasa delle radici di un popolo: il Sud povero, contadino, ma pieno di umanità, dove la tradizione cristiana era impastata con l'anima stessa della gente.
E allora lo vediamo, come in un film in bianco e nero, questo bambino che gioca a piedi nudi, con i pantaloni corti anche d'inverno “perché nessuno aveva la possibilità di farsi un cappotto nuovo, tranne i ricchi”. E poi mentre fa il giro del paese, portando appeso al braccio il recipiente di lamiera ricolmo di latte, che suona il campanello per richiamare l'attenzione degli abitanti e in dialetto vanta la bontà del suo prodotto. Lo vediamo mentre, a sette anni, inginocchiato, chiede a voce alta alla Madonna la grazia di guarire una persona cara.
Scrive Antonio del Vecchio che resta un mistero l'origine della sua vocazione. Ma la spiegazione forse è semplice: è Dio che chiama nella sua assoluta gratuità, e nel caso di Leonardo trovò un terreno fertile nell'ambiente familiare in cui la fede, i precetti della Chiesa e della morale cristiana, erano alimenti naturali come il latte senza contraffazioni, ingerito fin dalla nascita.
Eccolo dunque don Leonardo Cella, giovane sacerdote. Salesiano perché umanamente attratto dall'esempio di un religioso salesiano, don Angelo Gentile, suo compaesano. Pieno di talento organizzativo, intelligente, colto. Destinato dunque a una buona carriera, e infatti diventa uno dei responsabili della provincia meridionale della famiglia di don Bosco. Solo che poi, ad un certo punto, il suo incarico di responsabilità lo porta a cercare buoni sacerdoti pronti a partire per la missione salesiana in Madagascar dove c'è bisogno di nuove leve. Ma non sembra trovare nessuno adatto o disponibile. E allora decide di partire lui. Ha sessant'anni. Potrebbe appunto, a quell'età, pensare alla sua tranquilla carriera ecclesiastica e poi a una meritata pensione. Invece no. E per lui comincia una nuova vita. Nella grande isola africana trascorrerà dieci anni, forse gli anni più intensi e appassionati della sua vita. Si innamora, letteralmente, di quella terra e di quella popolazione. Fino al punto di chiedere di essere seppellito lì. I suoi scritti dal Madagascar sono le cose più commoventi. Come questa lettera a un familiare, alla vigilia del Natale: “Ora sono le 10 di sera e viene spenta la luce, ho acceso il lume a petrolio, come ai tempi di quando  eravamo piccoli, se ti ricordi... Qui non c’è il consumismo. Italia, quasi quasi non ti accorgi che è festa”.
Resta serio e severo, come sempre, nell'adempimento dei suoi doveri sacerdotali. Ma c'è un accento nuovo di tenerezza, di amore in quel suo sereno consumarsi sino alla fine per il bene e per la salvezza delle persone che gli sono state affidate. Rignano e il Magadascar, i poli geografici ed affettivi della sua vita. Il paesello nativo e l'universalismo cattolico:  miscela 'glocal', si direbbe oggi, il globale a partire dalla concretezza del locale; apertura che in lui è uno sviluppo naturale, senza strappi.
Sapeva che sarebbe stata dura, laggiù, in mezzo all'Oceano, e infatti la sua salute ne sarà fatalmente compromessa.  Mentre era in viaggio per Tananarivo aveva scritto: “Ho ricevuto più di quanto ho dato. Ve ne ringrazio.  Chiedo scusa se non ho saputo dare di più.  Pregate per me”. Il riassunto di una vita, l'epitaffio di un santo sconosciuto che ora, grazie a questo bel libro, abbiamo la possibilità di conoscere, di ammirare. Di affezionarci anche alla sua avventura umana e cristiana
Lucio Brunelli    1

(*) Giornalista Tg2 Rai

* * *

Autore:
Antonio Del Vecchio

Titolo:
DON LEONARDO CELLA
Dal Gargano al mondo salesiano

Prefazione di Lucio Brunelli

Maritato Group Editore - Roma

In collaborazione con Ventonuovo.eu e Rignanonews.com

Rignano Garganico
2012

Pagg. 176

 


Add a comment
 

Cercateci su Facebook

Un volume su Don Cella

Translate

Vi seguiamo ovunque!

     

Il nostro Carosello



Module by: Camp26.Com

Storie di Guerra

 

I personaggi

Anche Rignano piange la scomparsa di Bonifacio De Giovanni
Aveva 58 anni, in gran parte trascorsi alla guardia medica del paese
                      
di Antonio Del Vecchio

RIGNANO GARGANICO. La notizia della scomparsa di Bonifacio De Giovanni anche a Rignano  è  stata  accolta con viva costernazione. E questo non a torto. E qui, infatti, dove egli ha svolto gran parte della sua vita di sanitario, assolvendo con doveroso attaccamento e passione il servizio di guardia medica. Tanto da essere rispettato e beneamato da tutti e i suoi consigli puntualmente apprezzati e soprattutto seguiti. Una folla immensa ha seguito i suoi funerali, celebrati a San Marco in Lamis, sua città natale, dove le sue spoglie sono state tumulate al cospetto della moglie e dei figli in lacrime, unitamente agli altri familiari ed amici stretti, affranti. 
Leggi tutto...

Il nostro Carosello



Module by: Camp26.Com

Collabora con noi

[googlef4d640c4b52fc484.html]