Il primo sito web dedicato ai Rignanesi e ai Garganici nel mondo!

CulturaEventiCenni StoriciMondoItaliaPugliaGarganoRignano G.

Benvenuti in una terra fantastica, con donne e uomini straordinari. Tra saperi e sapori, da scoprire assieme...

Fai un gesto solidale

HOTEL GARDEN ***

 
A San Giovanni Rotondo (FG)
 
Per prenotare 

LA TV LIBERA DEL GARGANO

LA MASSIMA

Non sempre si resta incudine, spesso si torna martelli. Lo dico a quegli stolti che usano le minacce invece delle parole! Chi scrive lo fa perché crede in questa arte e non si tirerà mai indietro di fronte a qualsivoglia pressione di questo o di quello stolto (Nonna Papera) :-D

SAGRE IN ITALIA

 
Sagre in Italia

Che tempo fa?

Min Max
Gio. quasi sereno 21 34
Ven. sereno 22 34
Sab. quasi sereno 22 36
Scegli la città

L'orgoglio e il piacere di gridarlo a gran voce...

Home
DONATO DEL PRIORE INTERVIENE SULL'ULTIMO CONSIGLIO COMUNALE PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 4
ScarsoOttimo 
Le news - Lettere e commenti
Scritto da Administrator   
Mercoledì 11 Maggio 2011 17:24
LETTERA APERTA DEL CAPOGRUPPO DI AMORE PER RIGNANO - LA MINORANZA "AMORE PER RIGNANO" FUORI DALL'ASSISE PER PROTESTA
 
RIGNANO GARGANICO. Consiglio comunale di mattina o di tardo pomeriggio? E’ il dilemma che sin dall’insediamento della giunta Gisolfi affligge la lista politica di opposizione “Amore per Rignano”, che si è battuta da sempre perché le sedute fossero spostate alle ore serali. Così pure  i vicini di banco de “La Vianova”.Tutto questo per permettere ad un maggior numero di cittadini  di assistere ai lavori, specie per chi è quotidianamente occupato nelle campagne sottostanti. E’ accaduto anche sabato scorso. Da qui il risentimento di Donato Del Priore, avvocato, capogruppo della prima lista, che ha preso subito carta e penna e ha scritto la presente lettera ‘aperta’, indirizzata al primo cittadino e a tutti i consiglieri comunali, compreso il Segretario. Lettera che pubblichiamo integralmente per dovere di cronaca...
 
di Donato Del Priore (*) 
 
“Egregi colleghi consiglieri, credo che veramente siamo giunti al capolinea: un vero e reale atto di responsabilità politica potrebbe far risvegliare in alcuni consiglieri quel sentimento tanto caro ai rignanesi che in una sola parola si chiama ONESTA’. Qual’è l’atto di responsabilità politica? TUTTI A CASA SENZA PERDERE ALTRO TEMPO. Avremo un commissario che guiderà un’amministrazione e farà solo l’ordinario. AL VOTO !!! Non è una disfatta ma una vera presa di coscienza politica: soprattutto quella di non arrecare altro danno. L’uso della  politica di alcuni amministratori, in questi quattro anni, è paragonabile ad uno strame. Pensate: il sindaco viene votato direttamente dal popolo. Quindi c’è partecipazione popolare. Un sindaco che convoca tre Consigli Comunali all’anno, di sabato e DI MATTINA…non ha la minima idea di che cosa possa SIGNIFICARE PARTECIPAZIONE POPOLARE. Quando si è convocati in un certo tipo di assise il politico spera che ci sia gente, soprattutto per far valere le proprie ragioni. Macchè qui a Rignano Garganico siamo fuori dal mondo. Due sono le possibili scusanti: una è la parte economica, di sabato gli impiegati non lavorano e, quindi, l’amministrazione non spenderebbe???? Stiamo parlando di tre consigli all’anno!!!L’altra , ed è quella vera: SI HA PAURA DELLA PARTECIPAZIONE POPOLARE, SI HA PAURA DEL CONFRONTO POLICO DI FRONTE AL POPOLO!!! Ce ne sarebbe una terza…ma la dico: SI HA PAURA DI PARLARE IN PUBBLICO. Ebbene io, nella qualità di capogruppo consiliare del gruppo politico “ Amore per Rignano “ confermo quanto detto al sindaco, alla presenza di alcuni consiglieri comunali, nella seduta del C.C. del 30.04.2011, andata deserta, e cioè: i consiglieri di Amore per Rignano non parteciperanno più ai consigli comunali convocati di mattina, in segno di protesta per mancanza di partecipazione popolare e per una scellerata scelta antidemocratica. Ormai è da tempo che lo diciamo. Noi abbiamo gli strumenti per la partecipazione polare: solamente Amore per Rignano fino ad oggi ha tenuto molte assemblee cittadine per informare la cittadinanza sulle problematiche del paese,   soprattutto su ciò che questa amministrazione ha promesso durante la campagna elettorale ma che Bla …Bla…Bla…solo parole, ANZI SOLO DANNI. Era opinione diffusa che il nuovo sindaco portasse una ondata di novità, del nuovo. No, una vera iattura per Rignano. Rignano non ha bisogno di consiglieri che amministrano solo l’ordinario, Rignano ha bisogno di persone capaci di amministrare la cosa pubblica con idee innovative e di sviluppo economico e sociale: l’ordinario è amministrabile dal commissario. Il mio, credetemi, non è un semplice sfogo morale ma politico e da buon padre di famiglia. Rignano sta morendo sì, tutti lo diciamo, ma che facciamo. I miei figli sono stati costretti ad uscire dalla Regione per lavorare, i figli dei rignanesi saranno costretti a fare altrettanto, già lo stanno facendo. I nostri giovani che cosa faranno??? La POLITICA VERA DEVE DARE UNA RISPOSTA. Ma in questo modo, come si sta amministrando, non si va da nessuna parte, anzi peggio di così…
 
(*) Capogruppo della Lista “Amore per Rignano”

Add a comment
Ultimo aggiornamento Giovedì 12 Maggio 2011 05:32
 

Cercateci su Facebook

Un volume su Don Cella

Translate

Vi seguiamo ovunque!

     

Il nostro Carosello



Module by: Camp26.Com

Storie di Guerra

 

I personaggi

Rignano piange la scomparsa di Vincenzo Danza, il comunista!
Da tutti era amato e rispettato per la sua coerenza politica e simpatia - Classe 1926, operaio tutto fare, ex-emigrato e militante del partito fin dalla prima ora
 
di Antonio Del Vecchio 
 
RIGNANO GARGANICO. Vincenzo Danza, il Comunista per antonomasia, non c’è più. Lascia un grande vuoto non solo nella famiglia, ma anche nella collettività, a favore della quale aveva dedicato la sua intera vita, militando con coerenza ed attivismo nel partito di Togliatti, quello che lo tenne a battesimo sin dalla prima gioventù. Ma non per questo si sentiva un nostalgico o  uomo d’altri tempi. Anzi, ha seguito sempre con viva attenzione, senza mai rinnegare la sua origine, il difficile percorso di rinnovamento del Partito negli ultimi vent’anni. Lui non guardava mai alle “sigle”, ma al contenuto. Dove scorgeva il “rosso”, ossia il simbolo-sostanza della “sinistra”. là stava lui, spesso in compagnia dell’inseparabile amico e compagno “Isepp’ ” (Giuseppe). Entrambi conservavano gelosamente nel portafoglio la prima tessera di partito e sul petto l’antico distintivo del “falce e martello”. 
Leggi tutto...

Il nostro Carosello



Module by: Camp26.Com

Collabora con noi

[googlef4d640c4b52fc484.html]