Angelo Del Vecchio
21/10/15

Lettera aperta ad Enzo Pazienza, presidente del Centro Studi Paglicci

Carissimo Enzo Pazienza,

io non capisco tutta la tua rabbia, anzi forse si, però non puoi ignorare che proprio tu qualche mese fa ti vantavi qui sopra che il Centro Studi Paglicci era titolare della gestione delle strutture. A noi fa piacere se a gestire sia il CSP e ci batteremo per questo. Però non puoi negare che su Grotta Paglicci, nonostante le cavolate scritte su Facebook dal SINICHICCHIO, c'è stato un blocco e una involuzione, forse dovuti anche al fatto che sei stato candidato alle ultime elezioni comunali.

I Rignanesi lo sai meglio di me non perdonano e tu di fatto ti sei bruciato (fa male ma è così). Non è pensabile che oltre il CSP non ci possano essere altre strutture emergenti che possano occupare uno spazio ormai morto. Inoltre, è grazie all'amministrazione comunale di Ciccino Orlando e del suo fido scudiero Antonio Gisolfi che la grotta, il museo e il centro visite sono state massacrate e tu eri al nostro fianco a fare quelle battaglie. Ora ti senti minacciato da una minaccia che è solo nella tua fantasia. E ci dispiace. Per il resto un grande in bocca al lupo per tutto e ti rinnoviamo l'invito a partecipare alla Prima Giornata Nazionale dedicata a Grotta Paglicci (Rignano Garganico, 13 agosto 2016) e a seguirci su www.grottapaglicci.it.

Non vogliamo nessuna guerra, ma solo collaborare per lo sviluppo del paese.

Portavoce Coordinamento Amici di Grotta Paglicci

Angelo Del Vecchio

 

PS = Per noi stai facendo una cosa non consona al tuo ruolo e di fatto ti stanno tirando fuori dai giochi.

 

* * *

 

Ecco quanto scritto la Enzo Pazienza sul proprio profilo Facebook:

 

A VOI CHE CONTINUATE A PARLARE A VAMPERA, CHE CONTINUATE A SCRIVERE CAZZATE SENZA SENSO, CHE CONTINUATE A NASCONDERVI DIETRO LA MASCHERA DELL'INVIDIA E DELL'IPOCRISIA, E A NASCONDERE LA REALTA' DEI FATTI, COSI' NON SI VA DA NESSUNA PARTE. Il Museo di Grotta Paglicci non è aperto al pubblico perchè non sono mai stati completati i lavori di ampliamento, ripeto "dopo essere stati investiti un milione e mezzo di €". Eppure il Centro Studi Paglicci ha cercato in tutti i modi di tenere vivo l'immagine di Paglicci, facendo non pochi sacrifici, ci siamo impegnati a tenere aperto al pubblico il Centro Visite durante i periodi estivi e feriali, mettendo a disposizione tempo, esperienza, denaro, e tutto il proprio materiale didattico, cartaceo e visivo. Oggi si spera solo che intervenga la Regione Puglia affinchè si possa finalmente completare il percorso archeologico del Museo in corso Giannone. In seguito saranno gli enti preposti a decidere per la gestione. Eppure sembra che in questo paese da parte di qualche Ignoto, l'invidia e l'ignoranza prenda sempre il sopravvento sulla realtà dei fatti, in un paese come questo dove piano piano ci stanno togliendo tutti i servizi, dove la legalità diventa un opzional, guarda caso questi ignoti si preoccupano di cosa??????? se avete le PALLE sappiate affrontare i veri problemi, o per lo meno di dire un minimo di verità. Da parte mia, non voglio più impegnarmi ad aprire da volontariato il Centro Visite, e da questo momento oserò querelare chiunque si permetta a infamare me e l'associazione che rappresento "Centro Studi Paglicci". Dispiace molto ma il rispetto e l'educazione valgono di più di una scritta o di una parola. A scriv' e a parlà sim brav tutt' quant.

 

Enzo Pazienza su https://www.facebook.com/enzo.pazienza.7?fref=ts 

Letto 1199 volte Ultima modifica il Mercoledì, 21 Ottobre 2015 06:58
Vota questo articolo
(0 Voti)
Angelo Del Vecchio

E' nativo di Foggia, ma vive a Rimini dal 2009.

Ha passato la prima parte della sua vita girando l'Italia facendo ogni tanto ritorno nella sua cara Rignano Garganico, il più piccolo comune della Montagna del Sole.

E' giornalista-pubblicista dal 2004. Ha diretto dal 2012 al 2016 il quotidiano sanitario nazionale Nurse24.it, poi ceduto a terzi. In precedenza è stato direttore dell'agenzia di stampa "on line" Garganopress e di molte riviste e periodici sparsi lungo lo Stivale Italico. Attualmente si occupa dell'ufficio stampa di AssoCare.it e della rivista NurseNews.it.

Ha collaborato con varie testate giornalistiche locali, interregionali, nazionali e straniere, tra cui La Gazzetta del Mezzogiorno, Il Meridiano, Il Quotidiano di Foggia, L'Attacco, Il Corriere Adriatico, Telenorba, Telefoggia, Teleradioerre, Tele Blu, Tele Dauna, Teleradiopadrepio, Rete Smash Gargano, Ondaradio, Inforadio, Radio Centrale, Radionorba, Radio Manfredonia Centro, Il Messaggero, L'Avvenire, Repubblica, Il Corriere del Mezzogiorno, il settimanale Protagonisti, i settimanali satirici Cuore e La Peste, i periodici Gargano Nuovo e Meridiano 16, il circuito Euronews. Inoltre, ha collaborato alla realizzazione di trasmissioni per conto di Rai e Mediaset (Linea Blu, Linea Verde, Tg2, Tg3 Puglia, Mistero, La Macchina del Tempo). Al suo attivo ha 12 volumi pubblicati, redatti tra il 2000 e il 2012.

Ha conseguito la Laurea in Infermieristica il 26/11/2012 presso l'Università degli Studi di Bologna - Polo di Rimini e Cesena. La sua tesi di laurea "CleanHands 1.0" è stata premiata nel 2013 dal Collegio Ipasvi di Rimini e dall'Associazione Nazionale Infermieri Prevenzione Infezioni Ospedaliere (Anipio, Pesaro).

 

Sito web: www.angelorikydelvecchio.it