Angelo Del Vecchio

Angelo Del Vecchio

E' nativo di Foggia, ma vive a Rimini dal 2009.

Ha passato la prima parte della sua vita girando l'Italia facendo ogni tanto ritorno nella sua cara Rignano Garganico, il più piccolo comune della Montagna del Sole.

E' giornalista-pubblicista dal 2004 ed è direttore responsabile del quotidiano sanitario nazionale Nurse24.it, dell'agenzia di stampa "on line" Garganopress e di molte riviste e periodici sparsi lungo lo Stivale Italico.

Ha collaborato con varie testate giornalistiche locali, interregionali, nazionali e straniere, tra cui La Gazzetta del Mezzogiorno, Il Meridiano, Il Quotidiano di Foggia, L'Attacco, Il Corriere Adriatico, Telenorba, Telefoggia, Teleradioerre, Tele Blu, Tele Dauna, Teleradiopadrepio, Rete Smash Gargano, Ondaradio, Inforadio, Radio Centrale, Radionorba, Radio Manfredonia Centro, Il Messaggero, L'Avvenire, Repubblica, Il Corriere del Mezzogiorno, il settimanale Protagonisti, i settimanali satirici Cuore e La Peste, i periodici Gargano Nuovo e Meridiano 16, il circuito Euronews. Inoltre, ha collaborato alla realizzazione di trasmissioni per conto di Rai e Mediaset (Linea Blu, Linea Verde, Tg2, Tg3 Puglia, Mistero, La Macchina del Tempo). Al suo attivo ha 12 volumi pubblicati, redatti tra il 2000 e il 2012.

Ha conseguito la Laurea in Infermieristica il 26/11/2012 presso l'Università degli Studi di Bologna - Polo di Rimini e Cesena. La sua tesi di laurea "CleanHands 1.0" è stata premiata nel 2013 dal Collegio Ipasvi di Rimini e dall'Associazione Nazionale Infermieri Prevenzione Infezioni Ospedaliere (Anipio, Pesaro).

URL del sito web: http://www.facebook.com/pages/Angelo-Riky-Del-Vecchio/309351422497200?ref=hl

URL del sito web: http://www.angelodelvecchio.eu Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
27/04/17

L'opposizione al Comune di San Marco in Lamis impugna l'ordinanza del giudice foggia che ha reintegrato l'ex-sindaco Angelo Cera

SAN MARCO IN LAMIS. "Rendiamo noto alla cittadinanza che in merito alle pubbliche dichiarazioni dell’On. Angelo Cera (sedicente sindaco), nulla è cambiato rispetto alle scorse settimane in quanto il Consiglio comunale, come è risaputo, è stato ufficialmente sciolto dal Presidente della Repubblica da qualche mese e chi svolge attualmente le funzioni di sindaco è sempre il vicesindaco Raffaele Fino.". E' quanto si legge in una nota diffusa dalla sezione del Partito Democratico di San Marco in Lamis. 

Luigi: "Caro Gesù, voglio una mano tutta nuova"

RIGNANO GARGANICO. "Voglio una mano nuova", sono le parole di Luigi, uno dei tre bambini colpiti dall'ordigno esplosivo il giorno di Capodanno a Rignano Garganico. Lo ha riferito al parroco del piccolo centro della Montagna del Sole, don Nazareno Galullo, piombato appositamente a Casa Sollievo della Sofferenza per far visita ai tre piccini e dar conforto alle loro famiglie.

I colpevoli della tragedia di Capodanno si costituiscano, i loro volti forse immortalati dalle telecamere

RIGNANO GARGANICO. Gli inquirenti che indagano sull'esplosione di Capodanno sembrano essere sulle tracce dell'idiota o degli idioti che hanno lasciato incustodito l'ordigno poi esploso tra le mani di tre sfortunati ragazzina la mattina di Capodanno a Rignano Garganico. E' quanto emerso in maniera ufficiosa stamane negli ambienti del Municipio, dove non si fa altro che cercare di trovare il o i colpevoli, rei di aver superficialmente abbandonato il colpo artificiale.

Esplosione di Capodanno: ora le famiglie vogliono far causa al comune di Rignano Garganico

RIGNANO GARGANICO. All'indomani dalla tragedia che ha colpito le famiglie di tre bambini di Rignano Garganico, vittime inconsapevoli di un gioco più grande di loro e dell'inaccortezza di adulti idioti, ora scoppiano le polemiche nel piccolo paesino. Sul caso stanno indagando i Carabinieri del locale comando per lesioni gravi e abbandono di materiale inesploso. A ciò va aggiunto l'assenza di qualsivoglia ordinanza da parte del sindaco Vito Di Carlo relativamente al divieto di esplodere colpi artificiali la notte di San Silvestro (o le notti precedenti).

Boom di accessi per il sito internet del Presepe Vivente di Rignano Garganico

RIGNANO GARGANICO. E' un boom di accessi per il portale dedicato alla storia degli ultimi tre lustri del Presepe Vivente di Rignano Garganico, come noto realizzato dai giornalisti, storici e scrittori Angelo Antonio Del Vecchio. Contro ogni aspettativa il sito internet diventa il punto di riferimento non solo per i Rignanesi in sede e fuori sede, ma soprattutto per i tanti visitatori che vogliono saperne di più sulla Natività Cristiana più importante della Puglia.

Ecco un film di Luigi Comencini ispirato al compianto Giuseppe Montesano, commissario, questore e prefetto

RIGNANO GARGANICO. Per prepararsi alla commemorazione per i 25 anni dalla dipartita terrena di Giuseppe Montesano (scomparso a Bologna nel 1990), figlio di Rignano, ispettore, commissario, questore e prefetto, la testata RignanoNews.com presenterà dei film e dei romanzi a lui ispirati, realizzati da valenti registi, scrittori e autori e inscenati da notissimi attori del panorama nazionale ed internazionale. Qui in alto presentiamo "La donna della domenica", un film del 1975 diretto da Luigi Comencini, con Marcello Mastroianni nei panni del commissario rignanese. È tratto dall'omonimo romanzo del 1972 di Carlo Fruttero e Franco Lucentini. Qui in basso la trama e la critica al film. Buona visione.

Dal 2014 un Presepe Vivente che sia veramente di tutti i Rignanesi, recuperiamo le menti eccelse che hanno abbandonato l'evento

RIGNANO GARGANICO. Tutti gli artisti, i letterati, i giornalisti e gli studiosi rignanesi si sono allontanati dal Presepe Vivente e questo non è un bene. Dal 2014 come Circolo Culturale "Giulio Ricci" inviteremo il sindaco Vito Di Carlo e il presidente dell'Associazione presepistica Luciano Draisci a ripensare all'eventualità di richiamare "alle armi" le menti rignanesi più eccelse, che tanto stanno facendo bene fuori sede e che oggi per questioni che non stiamo qui a spiegare si sono allontanati dal paese natio, col cuore infranto e con tanta nostalgia per i bei tempi rosei che furono.

Il capitano del Foggia Calcio chiamato a tagliare il nastro inaugurale del Presepe Vivente di Rignano Garganico

RIGNANO GARGANICO. In un’atmosfera tipicamente invernale, ha preso il via la XVI edizione del Presepe Vivente di Rignano Garganico. La manifestazione, un po' sottotono rispetto agli anni precedenti, ha visto comunque la partecipazione di diverse centinaia di visitatori. Per l'occasione, come comunica l'Associazione organizzatrice dell'evento, presieduta dall'imprenditore Luciano Draisci, a tagliare il nastro inaugurale il giovane capitano dell’A.C. Foggia Calcio, Cristian Agnelli. Al suo fianco il sindaco Vito Di Carlo e lo stesso Draisci. Agnelli ha passeggiato lungo il percorso creato per riscoprire gli antichi mestieri, le tradizioni culturali ed enogastronomiche dell’antico borgo garganico.

Vigilia di Natale, la notte delle streghe a Rignano Garganico

Tra le tante storie, vere o false che siano, della tradizione popolare rignanese, c'è pure quella delle "streghe". Si tratta delle cosiddette "mascjiare" (fattucchiere), capaci di preparare pozioni miracolose e guarire con semplici imposizioni di mani dai mali più comuni, come l'emicrania, il mal di pancia e "l'affascenature" (il malocchio). Di "streghe" rignanese se ne contano negli anni a centinaia e alcune (o alcuni) sono tuttora in attività. Quella della "mascjiare" è una vicenda che si tramanda da secoli in tutto il meridione italico, dove "fattucchiere" buone si mischiano facilmente a "maghe" perfide e senza scrupoli.

Auguri di un Buon Natale a tutti i lettori di RignanoNews.com

Il direttore Angelo Del Vecchio e il vice-direttore Antonio Del Vecchio, congiuntamente alla Redazione e a tutti i soci del Circolo Culturale Giulio Ricci augurano a tutti i lettori di RignanoNews.com un felicissimo Natale. Si spera di essere tutti più buoni e di pensare alla necessaria rinascita culturale e sociale del più piccolo Comune del Parco Nazionale del Gargano.