Redazione
20/12/13

La storia della Chiesa di San Rocco in una ricerca storica di Antonio Del Vecchio

RIGNANO GARGANICO. Un edificio di culto, oltre ad essere un luogo sacro per il rito e la preghiera, lo è anche dal punto di vista della storia, specie quando lo stesso s’immedesima e interpreta la vita di una comunità. Lo è di più se l’oggetto di fede e di venerazione è anche il Santo Patrono. E’ il caso di San Rocco, a Rignano Garganico. Da qui l’esigenza di mettere su una storia dell’edificio e del medesimo Santo. E’ quanto si è fatto con il presente opuscolo. Dalla ricerca si apprende che l’edificio è sorto nella prima metà del ‘500, in coincidenza con la diffusione nell’Italia Meridionale della fama e della venerazione verso questo grande ‘guaritore’ degli appestati. L’edificio originario che ospitava anche i domenicani non c’è più.

Al suo posto l’attuale chiesa che nel corso dei secoli ha subito una infinità di restauri e rifacimenti. Quelli del secolo scorso sono opera degli emigrati ‘americani’, come è testimoniato in una lapide marmorea. I più recenti sono opera in parte del Comune (anni ’80), in parte degli ‘amici di San Rocco’ e per ultima della Parrocchia.

 

Antonio Del Vecchio, La Storia della Chiesa di San Rocco, patrono di Rignano Garganico, ill. foto e testi in e-book, RignanoNews.com, 2014, pp. 10.

Letto 905 volte Ultima modifica il Venerdì, 20 Dicembre 2013 14:12
Vota questo articolo
(1 Vota)