Antonio Del Vecchio
16/01/14

Per conoscere il Paleolitico di Grotta Paglicci, oltre ai libri, ci sono anche interessanti ed essenziali 'opuscoli - guida'

Il tema della valorizzazione – fruizione- conoscenza  dei reperti paleolitici di Grotta Paglicci, oltre ad essere affidato a dei veri e propri volumi, meglio noti come ‘cataloghi ragionati’, i primi tre editi dalla Regione Puglia, l’ultimo da privato.

Si tratta di un ‘opuscolo - guida’ ben congegnato e finalizzato. Lo stesso costituisce, infatti,  un ulteriore e valido strumento informativo, al fine di richiamare sul posto visitatori, anche estranei alla realtà culturale locale, convogliandovi quel grosso flusso turistico che investe nel periodo estivo le zone costiere del Gargano e nelle altre stagioni, per motivi religiosi, la vicina San Giovanni Rotondo. Altresì, essendo l’argomento trattato con estrema e chiara sintesi di tipo didattico, diventa anche un mezzo istruttivo di tipo preventivo per le scolaresche della fascia dell’obbligo che si accingono a visitare l’attuale Museo Paleolitico. Tra breve l’opuscolo in parola sarà anche scaricabile dal sito Web.

Paglicci /Rignano Garganico / Mostra Iconografica Permanente,a cura di Antonio Del Vecchio,   Regione Puglia, 1988 pp. 12

Paglicci /Rignano Garganico / Mostra Iconografica Permanente,a cura di Antonio Del Vecchio, 2e. ampliata,Regione Puglia, 1998 pp. 20

 

Letto 1099 volte Ultima modifica il Giovedì, 16 Gennaio 2014 18:04
Vota questo articolo
(0 Voti)
Antonio Del Vecchio

Già funzionario della Regione Puglia in campo culturale, giornalista e pubblicista. Ha diretto vari periodici con scritti a carattere politico e socio – culturale, tra Bari, Foggia e rispettive province.

Dal 1979 ha collaborato e collabora con testate, anche digitali, quali La Gazzetta del Mezzogiorno, l’Attacco, Garganopress, Sanmarcoinlamis.eu, Rignanonews.com.

E’ autore e curatore di parecchi volumi sui beni culturali, sulla storia locale, sull’emigrazione e sulle tradizioni di Rignano, del Gargano, della Puglia e dell'Italia.