Antonio Del Vecchio
04/01/14

“Tutte li fèste jèssene e meneèssene, Pasque Epifanije non ce maje menesse”!

Epifania, dipinto di Giotto Epifania, dipinto di Giotto

“Tutte li fèste jèssene* e meneèssene, Pasque Epifanije non ce maje menesse”!

RIGNANO GARGANICO. Tutte le feste ‘andassero’ e ‘venissero’, Pasqua Epifania non mai  venisse!”. Traduzione letteraria  di un detto antico di scongiuro. A parte il  Presepe Vivente, che finisce quest’anno con un giorno di anticipo, il ciclo delle tradizioni natalizie si chiude definitivamente con l’avvento di Pasqua Epifania. 

Con il suo arrivo si rinnova anche un’altra tradizione antica. Ecco il racconto che ne fanno due anziani e longevi coniugi*: Angelo Resta, deceduto qualche anno fa quasi centenario; Nunzia, novantaquattro anni. Lei: “La sera si 'vestiva' la tavola, questo alla vigilia dell’Epifania. Si prendeva mezza panetta di pane, si metteva sulla ”buffetta”, la bottiglia dell’acqua, la forchetta, il coltello, come quando uno doveva mangiare. Dicevano che quando era mezzanotte venivano a mangiare i morti, che dicevano: Tutte li fiste jèssere e meneèssere e Pasqua Epifanie maje ‘nge venesse! traduzione letterale: tutte le feste andassero e venissero, e Pasqua Epifania non arrivasse mai). Allora finivano tutti i giorni di festività, il giorno di Pasqua Epifania ognuno ritornava a casa sua, alla propria dimora. Si faceva quello perché dicevano che la notte venivano ché dovevano mangiare”. Lui: mia madre mi raccontava che a Pasqua Epifania si facevano le stesse funzioni (religiose) della notte di Natale e più belle ancora. Una comare di mia madre passava per il Purgatorio (la chiesa e via) mentre andava a casa sua. Vide che la chiesa stava aperta e pensò: Vedi si dice già la messa! Entro e me la sento un poco! Ed è entrata. Com'è entrata ha visto una comare sua che era morta. Pensò – La comare è morta e sta qui!. La comare morta andò da lei e le disse: - Vattene via, altrimenti la chiesa si chiude e resti dentro!. Era la mezzanotte tra il cinque e il sei. Questa se n’è uscita; come se n’è uscita si è serrata la porta ed è rimasto un lembo della gonna nella porta e si è strappata”.  Lei: “I morti giravano tutta la strada processionale. Partivano dalla chiesa Madre e giravano tutta la strada processionale, nel centro storico e poi si perdevano”. Lui: “raccontano che la notte di Pasqua Epifania esce la processione dei morti. C’era un pastore in campagna, alla proprietà di Don Antonio De Maio. Questo pastore, (Come se dicessi domani, è Pasqua Epifania!), doveva portare  un capretto al padrone, si doveva alzare subito la mattina per portarlo. Questo si alzò con questo pensiero. Si è svegliato e ha visto che c’era la luna, come un cuore di mezzogiorno. Disse: - Mamma mia si è fatto giorno, adesso che vado dal padrone cosa mi deve dire? Prima orologi non se ne usavano. . Questo prende il capretto, se lo mette addosso e sentito suonare la campana: din don. “Madonna- ha detto- è mezzogiorno!". Invece era mezzanotte. Allora ecco che vede scendere la processione da sopra. Veniva dalla via di San Rocco (chiesa). Com’è arrivata vicino, eccoti che vede il compare che andava davanti a tutti, perché portava la croce. Lei: “Quello era morto per ultimo”. Lui: - Mi piacerebbe sapere se sono veri questi fatti! Si è fermato vicino e ha detto: - compare e tu cosa vai facendo? Si è messa la mano alla fronte e ha detto: -Ah, questa è la processione di Pasqua Epifania! Se n’è andato alla casa, ha raccontato tutto alla moglie ed è morto. Andavano tutti in fila con le candele accese. Dove andavano alla fine?  Lei: “E chi lo sa!”.  

 

 

N.B. *Intervista audio registrata, raccolta da Antonio Del Vecchio e Angelo Capozzi e contenuta nel libro Natale tra ieri e oggi. Tradizioni, usi e costumi di Rignano Garganico, Regione Puglia – Crsec, 2000.

*jèssene dal latino eo-is-ivi-itum-ire=andare, cong. imp.=  andassero

 

Letto 1166 volte Ultima modifica il Sabato, 04 Gennaio 2014 18:32
Vota questo articolo
(0 Voti)
Antonio Del Vecchio

Già funzionario della Regione Puglia in campo culturale, giornalista e pubblicista. Ha diretto vari periodici con scritti a carattere politico e socio – culturale, tra Bari, Foggia e rispettive province.

Dal 1979 ha collaborato e collabora con testate, anche digitali, quali La Gazzetta del Mezzogiorno, l’Attacco, Garganopress, Sanmarcoinlamis.eu, Rignanonews.com.

E’ autore e curatore di parecchi volumi sui beni culturali, sulla storia locale, sull’emigrazione e sulle tradizioni di Rignano, del Gargano, della Puglia e dell'Italia.