Antonio Del Vecchio
26/11/14

Garanzia giovani: parte il progetto”diamo spazio al sapere” ad Apricena

Apricena. Ada Soccio Apricena. Ada Soccio

APRICENA – Il Comune di Apricena entra nel programma “Garanzia Giovani” della Regione Puglia con il progetto “Diamo spazio al sapere”. Possono presentare domanda i giovani di età tra i 16 e i 29 anni, che abbiamo prima espletato la procedura di iscrizione al portale “Garanzia Giovani”.

I termini scadono il prossimo 15 dicembre alle ore 14.00. La domanda può essere inoltrata tramite raccomandata A/R al Comune di Apricena (c.so Gen. Torelli, 59, fa fede la data di invio), tramite indirizzo di posta elettronica certificata personale al protocollo comunale (Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.) oppure consegnata a mano presso gli uffici comunali. Saranno selezionati 4 giovani a cui sarà riconosciuto un rimborso spese per dodici mesi. “Si tratta di una iniziativa importante che da la possibilità a dei ragazzi di inserirsi in un contesto formativo e lavorativo che abbiamo portato avanti grazie alla collaborazione dell’Ufficio sei Servizi Sociali”, commenta l’Assessore Agata Soccio. “Rinnovo l’invito a chi possiede i requisiti ad iscriversi al portale regionale per poter prendere parte alla selezione”. “Stiamo già pubblicando sul sito del Comune di Apricena la documentazione relativa al bando “Diamo spazio al sapere”, con annesso il modulo da presentare agli uffici. Ma prima è importante, per chi non lo avesse ancora fatto, iscriversi al portale”. PROCEDURA DI ISCRIZIONE. Per l’adesione a “Garanzia Giovani” occorre semplicemente iscriversi al portale sistema Puglia (www.sistema.puglia.it) cliccando su “Registrazione”, posto nella sezione in alto a destra della home. Successivamente si dovrà cliccare sul banner “GARANZIA GIOVANI” (quello di colore verde e grigio) situato nella colonna destra della home page. È possibile entrare in questa sezione anche attraverso il link diretto www.sistema.puglia.it/garanziagiovani. In seguito si andrà al link “Procedura di Adesione” nella sezione “Iscriviti al progetto”. In alternativa ci si può iscrivere direttamente sul portale governativo all’indirizzo www.garanziagiovani.gov.it. Le due procedure sono equivalenti.IMPORTANTE: SOLO DOPO AVER COMPLETATO QUESTA PROCEDURA E’ POSSIBILE PRESENTARE LA DOMANDA PER IL PROGETTO “DIAMO SPAZIO AL SAPERE”.SINTESI DEL PROGETTO. “DIAMO SPAZIO AL SAPERE” intende fornire ad Apricena, grazie all’aiuto e al sostegno dei volontari in Sevizio Civile, una serie di servizi formativi, culturali e ricreativi che, incentivando allo studio e alla formazione, promuovono e favoriscono negli alunni lo sviluppo dell'autoefficacia personale e riescono quindi a prevenire e combattere la dispersione scolastica che attanaglia il nostro territorio. Le linee strategiche su cui il progetto intende intervenire al fine di rimuovere le principali cause di dispersione scolastica sono: l’attività didattica e pedagogica all’interno di contesti educativi extrascolastici di supporto a quelli scolastici (per es. il doposcuola); l’attività volta a potenziare i livelli di autostima, di fiducia e di autoefficacia dei bambini e dei ragazzi, intesi come variabili personali da promuovere attraverso modalità espressive, ludiche, artistiche e culturali, da realizzarsi in diversi contesti extrascolastici (ad esempio, laboratori); iniziative sociali di incontro/scambio e sostegno alle famiglie dei ragazzi/e coinvolti nel progetto.

 

Letto 858 volte
Vota questo articolo
(1 Vota)
Antonio Del Vecchio

Già funzionario della Regione Puglia in campo culturale, giornalista e pubblicista. Ha diretto vari periodici con scritti a carattere politico e socio – culturale, tra Bari, Foggia e rispettive province.

Dal 1979 ha collaborato e collabora con testate, anche digitali, quali La Gazzetta del Mezzogiorno, l’Attacco, Garganopress, Sanmarcoinlamis.eu, Rignanonews.com.

E’ autore e curatore di parecchi volumi sui beni culturali, sulla storia locale, sull’emigrazione e sulle tradizioni di Rignano, del Gargano, della Puglia e dell'Italia.