Antonio Del Vecchio
14/12/15

La musica meglio della politica, specie quella dei JuKe - box anni '60 di Antonio Monte da Milano

 MILANO. La cultura contadina garganica paragona la politica alla vecchia caldaia cosparsa di fuliggine ancora sul fuoco, chiunque si avvicini si riempie il pancino togliendo il contenuto a poco a poco e si sporca sicuramente, ecco perché preferisce la musica soprattutto quella degli anni sessanta.

La politica è come la matematica, calcolata e senza opinioni: invertendo l’ordine dei candidati le fregature non cambiano le situazioni. Gli onesti sempre più poveri e soli, i furbi che approfittano di loro. La musica della politica è fatta di menzogne forse è meglio ascoltare quella dei sogni, ecco allora che sovente mi ritorna in mente quella degli Anni Sessanta, le cui note semplici, facili e nostrane si sono affermate in terre lontane facendo dimenticare guai e povertà e riempivano le case di allegria e felicità.Non avevamo ancora l’età per amare e già volavamo nel cielo infinito. Il vecchio juke-box, in ogni osteria, diffondeva armonia e in fretta   si faceva la “colletta del gettone” per ascoltare tre canzoni.Noi nullatenenti, viaggiavamo liberi con la mente. Con la fantasia abbiamo visitato il Continente nero dove “ i  Vatussi, altissimi negri, ballavano l’hully-gulli”. Con vuota la pancia abbiamo visitato la Francia “ a S. Tropez, ballando il twist  vestiti in lamé”. Abbiamo praticato la pesca subacquea nelle località più belle “con il fucile, le pinne e gli occhiali, dove il mare era una tavola blu”. Senza accedere al mutuo avevamo il cielo in una stanza e “ la stanza era senza pareti  con alberi infiniti”. Per farci perdonare qualche scappatella si diceva alla compagna, stretta su una mattonella, “cuore, tu stai soffrendo, cosa posso fare per te, io sono innamorato, senza te più pace non c’é”… “senza te, che farei senza te morirei”. Dal lento si passava al rock con movimenti ricchi di frenesia senza conoscere i dolori della sciatalgia e si donavano “ semplici baci dove uno solo ne valeva almeno tre”. Si ammirava lo sguardo femminile con “una strana espressione negli occhi”. Il compagno era comprensivo con la propria compagna ed invitava gli amici a farla  ridere spiegando il perché: “ha pianto troppo insieme a me”. La fidanzata a sua volta era espansiva e rassicurante e al fidanzato diceva: “ non essere geloso se con gli altri ballo il twist, non essere invidioso se con altri ballo il rock, con te, con te che sei la mia passione, io faccio il ballo del mattone”. La sera era festa grande, di bella musica ce ne era tanta, si ballava fino al cantar del gallo, sprigionando tutti insieme l’allegria e l’euforica libertà.  “La libertà non era sopra l’albero, non era neanche il volo di un moscone; la libertà era lo spazio libero, la libertà era partecipazione”. Quindi, partecipiamo, e aiutiamo i nostri musicisti garganici, cantori e organizzatori di manifestazioni folkloristiche, a divulgare le note nostrane. Le note aiutano a stare meglio, a sognare, a non pensare i momenti difficili.  Attraverso le note sono avvenute le contestazioni, si è sprigionato il “va pensiero” dei patrioti soffocati dalla tirannia. Le note della tarantola hanno scatenato le donne pugliesi a ribellarsi al duro lavoro cui i padri-padrone le sottoponevano nel quotidiano. E’ doveroso tutelare l’entusiasmo di tanti giovani e concedere lo spazio necessario per realizzare le loro invenzioni, i loro progetti affinché creinoun pezzo di storia e portino il gusto dei sapori della nostra terra. Inventare altre note esaltanti come quelle che sono volate per terre lontane dipingendo le mani e la faccia di blu e che hanno ridato ai nostri Emigranti orgoglio e virtù.  Sosteniamo i promotori dei GAL e che la musica di gruppo sii sempre l’Hully-Gulli.  

 

 

 

 

 

Antonio Del Vecchio

Già funzionario della Regione Puglia in campo culturale, giornalista e pubblicista. Ha diretto vari periodici con scritti a carattere politico e socio – culturale, tra Bari, Foggia e rispettive province.

Dal 1979 ha collaborato e collabora con testate, anche digitali, quali La Gazzetta del Mezzogiorno, l’Attacco, Garganopress, Sanmarcoinlamis.eu, Rignanonews.com.

E’ autore e curatore di parecchi volumi sui beni culturali, sulla storia locale, sull’emigrazione e sulle tradizioni di Rignano, del Gargano, della Puglia e dell'Italia.