Lo sconfinato amore per il Gargano, terra natìa

Amo l’aspro territorio / ogni angolo del Promontorio / così selvaggio e scosceso / le scalinate del paese / le salite, le sue discese. / Amo i poveri e i benefattori / le usanze e le tradizioni / chi trascura il proprio aspetto / esprimendosi non corretto / fa cultura in dialetto. / Amo chi al cane selvatico / lancia il companatico / persone perfette / che san donare con affetto / il sorriso, il rispetto. / Amo chi produce l’utilità / nonostante la siccità / con lavoro massacrante / sotto il sole scottante / dall’alba al tramonto suda in ogni istante./ Amo chi tanto ne ha bisogno / e mai chiede il sostegno / quell'orgoglio contadino/ che sa di Divino / per come accetta il suo destino. / Amo chi non pretende l’utile con autorità. / Amo chi si rende utile alla comunità. /

500 mila euro alla Fondazione Buona Samaritano per combattere l'usura

FOGGIA. Il Ministero dell'Economia e delle Finanze ha concesso alla Fondazione Buon Samaritano un contributo di 500.000,00 € a valere sui fondi di prevenzione previsti dall'art.15 della legge antiusura 108/96. A riprova dell'azione incisiva e meritoria che la Fondazione svolge da circa vent'anni a servizio della comunità foggiana, é giunto l'importante riconoscimento da parte dello stato,che ha così inteso mettere in campo azioni e strategie finalizzate ad alleviare il grave disagio economico e la sofferenze vissute da tantissime famiglie.

Un fiore, volume edito nel 1906 per commemorare P. Antonio Maria Fania, ora in digitale e gratis

RIGNANO GARGANICO. Nel 1906 venne inaugurata a Rignano la lapide marmorea in ricordo di Padre Antonio Maria Fania, francescano dell'Ordine minoritico, sommo studioso e vescovo di Marsico-Potenza. Per l'occasione venne preparato anche un libretto commemorativo, che qui riportiamo in veste digitale dopo 107 anni dalla prima stesura.

Un volume sulla storia di Don Leonardo Cella da Rignano

Papa Benedetto XVI una volta ha parlato dei 'santi sconosciuti', quelli che non hanno l'aureola e forse mai l'avranno, quelli ignoti al grande pubblico. Cristiani che hanno vissuto eroicamente ma senza clamori, con pudore, la fede in Gesù, offrendo tutta la loro vita per la diffusione del Vangelo e il servizio al prossimo. Don Leonardo Cella, forse, è uno di questi santi sconosciuti. E dobbiamo essere grati ad Antonio Del Vecchio per averci raccontato la sua vita. E di averla raccontata senza cedimenti ad una agiografia retorica e sdolcinata ma secondo lo stile (delle “tre s”!) proprio di questo religioso nativo di Rignano Garganico: severo, serio e sereno.

Rignano Garganico, tra pietre e segni della storia

Scheda Bibliografica. Rignano Garganico tra pietre e segni della storia / Testimonianze di architettura e di arte minore di Antonio Del Vecchio; fotografie e sopralluoghi di Vito Del Vecchio, Mario Ardolino e Paolo Gentile, copertina di Arcangela Campaniello, Regione Puglia – CRSEC, 2009, 2 e.digitalizzata e graficamente sistemata da Coop. Araiani, pp. 208, ill. 21cm ( Guide Culturali,4), in testa al front.: Regione Puglia Assessorato Diritto allo Studio, 1 Rignano Garganico; 1 Antonio Del Vecchio. Classificazione: 729.138

Michele Mangiacotti e la tragedia della II Guerra Mondiale, tra bombe e fucilazioni

SAN GIOVANNI ROTONDO. Michele Mangiacotti, classe 1922, è uno dei pochi reduci della II Guerra Mondiale rimasti ancora in vita a San Giovanni Rotondo. Ci racconta la storia dal basso delle “cose” viste e delle peripezie da lui vissute dopo l’ 8 Settembre ’43, come i bombardamenti anglo americani di Napoli, l’occupazione nazista della caserma di Nola, la contestuale fucilazione per motivi di rappresaglia di 11 ufficiali italiani e la fuga dalla guerra e dalla deportazione dei soldati sbandati, come lui.

Primarie PD: Matteo Renzi vince anche a Rignano, scarsa l'affluenza

RIGNANO GARGANICO. Successo pieno anche a Rignano Garganico per Matteo Renzi che con i suoi 71 voti su 107 dei votanti totali si è attestato al 66,35%. Segue Civati che con i suoi 19 voti si ferma a 17,75%, mentre al terzo posto finisce Cuperlo con 17 voti e 15,85% sul totale delle schede votate e scrutinate, in quanto assenti quelle nulle e bianche.

Via le tasse grazie ai 480.000 euro annui delle pale eoliche?

Abbattere le tasse in paese utilizzando i fondi rivenienti dalla convenzione con l'azienda "Gargano Energia"? Le pale eoliche potrebbe offrire "respiro" ad una popolazione sull'orlo del collasso finanziario. La notizia gira da tempo a Rignano Garganico ed oggi arriva la novità della disponibilità, seppur ufficiosa, dell'impresa energetica a voler rivedere l'accordo con l'Amministrazione Comunale e donare i 480.000 euro annui alla gente del piccolo centro agitato attraverso il finanziamento del servizio raccolta urbana.

Quel Museo di Grotta Paglicci proprio non sa' da fare, Enzo Pazienza rifiuta la gestione

Dopo anni d'attesa e di sperperi di denaro pubblico la montagna ha partorito il topolino. Ci riferiamo al mai inaugurato Museo di Grotta Paglicci e del Paleolitico del Parco Nazionale del Gargano, la cui apertura è attesa invano da anni e per la cui realizzazione sono stati spesi finora oltre 4,5 miliardi di vecchie lire. Ad oggi, rispetto ai progetti e alle mirabolanti promesse della politica a tutti i livelli (cittadina, garganica, regionale e ministeriale) rimane solo una ex-Chiesa, quella del Purgatorio, adibita ad Auditorium e perennemente chiusa; una Museo multimediale presso l'ex-asilo mai del tutto ultimato e già bisognoso di restauri; una mai ultimata ristrutturazione dell'ex-Municipio che un tempo ospitava la mostra-museo sul noto giacimento paleolitico e che da fin troppo tempo è chiuso al pubblico per via di lavori mai terminati. A ciò va aggiunto l'abbattimento del 100% della presenza turistica in paese negli ultimi 7 anni.

Nasce il sito internet del Presepe Vivente di Rignano Garganico

Nasce il portale internet del Presepe Vivente di Rignano Garganico, la più grande Natività della Puglia nel più piccolo comune del Parco Nazionale del Gargano. L'idea è venuta ai giornalisti e scrittori Angelo Antonio Del Vecchio e vuole essere un supporto gratuito all'evento natalizio più importante del Meridione italico e nel contempo trasformarsi in un "libro aperto", dove pubblicare quello che negli ultimi tre lustri è accaduto in paese e fuori dal paese riguardo alla manifestazione natalizia.