I ritratti immortali di Silvio Orlando tornano a prendere forma su Facebook

RIGNANO GARGANICO. Scorci di un tempo che non torna più. E' l'idea che si fa l'attento lettore-seguace dell'artista e fotografo Silvio Orlando, conosciuto in ogni dove per i suoi scatti e per le emozione che riesce a trasmettere con le sue immagini d'autore. Silvio, da poco ove-sessanta, dopo una lunga carriera da fotografo professionista, ha deciso di rimettersi in gioco attraverso il web e le possibilità infinite che offrono i social-network.

Per Natale buoni spesa a famiglie bisognose, a Monte Sant'Angelo bando in scadenza

MONTE SANT'ANGELO. "In vista del prossimo Natale il Comune di Monte Sant’Angelo intende donare alle famiglie bisognose della città ‘buoni spesa’, da spendere in negozi convenzionati, al fine di superare o ridurre le condizioni di non autonomia economica almeno per il periodo natalizio”. Così presenta l bando il Vice Sindaco e Assessore alla Politiche Sociali e alla Solidarietà della Città di Monte Sant’Angelo, Felice Scirpoli. Il bando scade il 16 dicembre.

Il commercio del corpo: ruolo, etimologia, significato

RIGNANO GARGANICO. I fatti di cronaca delle ultime settimane hanno bombardato le orecchie dei fruitori di giornali e telegiornali con parole come squillo, prostituta, escort, ecc. Questi termini che, tra l’altro, sono tutti sinonimi, hanno, nel significato, un senso comune che esprime una situazione di disagio e di povertà sia morale che economica. Molte delle parole solitamente adoperate per indicare l’atto della prostituzione, infatti, hanno in sé una radice che indica, a seconda dei casi, l’azione del commercio, della vendita e dell’esposizione sul mercato.

Lo sconfinato amore per il Gargano, terra natìa

Amo l’aspro territorio / ogni angolo del Promontorio / così selvaggio e scosceso / le scalinate del paese / le salite, le sue discese. / Amo i poveri e i benefattori / le usanze e le tradizioni / chi trascura il proprio aspetto / esprimendosi non corretto / fa cultura in dialetto. / Amo chi al cane selvatico / lancia il companatico / persone perfette / che san donare con affetto / il sorriso, il rispetto. / Amo chi produce l’utilità / nonostante la siccità / con lavoro massacrante / sotto il sole scottante / dall’alba al tramonto suda in ogni istante./ Amo chi tanto ne ha bisogno / e mai chiede il sostegno / quell'orgoglio contadino/ che sa di Divino / per come accetta il suo destino. / Amo chi non pretende l’utile con autorità. / Amo chi si rende utile alla comunità. /

500 mila euro alla Fondazione Buona Samaritano per combattere l'usura

FOGGIA. Il Ministero dell'Economia e delle Finanze ha concesso alla Fondazione Buon Samaritano un contributo di 500.000,00 € a valere sui fondi di prevenzione previsti dall'art.15 della legge antiusura 108/96. A riprova dell'azione incisiva e meritoria che la Fondazione svolge da circa vent'anni a servizio della comunità foggiana, é giunto l'importante riconoscimento da parte dello stato,che ha così inteso mettere in campo azioni e strategie finalizzate ad alleviare il grave disagio economico e la sofferenze vissute da tantissime famiglie.

Un fiore, volume edito nel 1906 per commemorare P. Antonio Maria Fania, ora in digitale e gratis

RIGNANO GARGANICO. Nel 1906 venne inaugurata a Rignano la lapide marmorea in ricordo di Padre Antonio Maria Fania, francescano dell'Ordine minoritico, sommo studioso e vescovo di Marsico-Potenza. Per l'occasione venne preparato anche un libretto commemorativo, che qui riportiamo in veste digitale dopo 107 anni dalla prima stesura.

Un volume sulla storia di Don Leonardo Cella da Rignano

Papa Benedetto XVI una volta ha parlato dei 'santi sconosciuti', quelli che non hanno l'aureola e forse mai l'avranno, quelli ignoti al grande pubblico. Cristiani che hanno vissuto eroicamente ma senza clamori, con pudore, la fede in Gesù, offrendo tutta la loro vita per la diffusione del Vangelo e il servizio al prossimo. Don Leonardo Cella, forse, è uno di questi santi sconosciuti. E dobbiamo essere grati ad Antonio Del Vecchio per averci raccontato la sua vita. E di averla raccontata senza cedimenti ad una agiografia retorica e sdolcinata ma secondo lo stile (delle “tre s”!) proprio di questo religioso nativo di Rignano Garganico: severo, serio e sereno.

Rignano Garganico, tra pietre e segni della storia

Scheda Bibliografica. Rignano Garganico tra pietre e segni della storia / Testimonianze di architettura e di arte minore di Antonio Del Vecchio; fotografie e sopralluoghi di Vito Del Vecchio, Mario Ardolino e Paolo Gentile, copertina di Arcangela Campaniello, Regione Puglia – CRSEC, 2009, 2 e.digitalizzata e graficamente sistemata da Coop. Araiani, pp. 208, ill. 21cm ( Guide Culturali,4), in testa al front.: Regione Puglia Assessorato Diritto allo Studio, 1 Rignano Garganico; 1 Antonio Del Vecchio. Classificazione: 729.138

Michele Mangiacotti e la tragedia della II Guerra Mondiale, tra bombe e fucilazioni

SAN GIOVANNI ROTONDO. Michele Mangiacotti, classe 1922, è uno dei pochi reduci della II Guerra Mondiale rimasti ancora in vita a San Giovanni Rotondo. Ci racconta la storia dal basso delle “cose” viste e delle peripezie da lui vissute dopo l’ 8 Settembre ’43, come i bombardamenti anglo americani di Napoli, l’occupazione nazista della caserma di Nola, la contestuale fucilazione per motivi di rappresaglia di 11 ufficiali italiani e la fuga dalla guerra e dalla deportazione dei soldati sbandati, come lui.

Primarie PD: Matteo Renzi vince anche a Rignano, scarsa l'affluenza

RIGNANO GARGANICO. Successo pieno anche a Rignano Garganico per Matteo Renzi che con i suoi 71 voti su 107 dei votanti totali si è attestato al 66,35%. Segue Civati che con i suoi 19 voti si ferma a 17,75%, mentre al terzo posto finisce Cuperlo con 17 voti e 15,85% sul totale delle schede votate e scrutinate, in quanto assenti quelle nulle e bianche.