22/09/17

I Frati Cappuccini di San Giovanni Rotondo a tutela della verità e della loro onorabilità

SAN GIOVANNI ROTONDO. I Frati Minori Cappuccini di San Giovanni Rotondo sono costernati e respingono con forza le deliranti affermazioni, diffamatorie e calunniose, esposte durante la trasmissione “Le iene” del 26 marzo, costruite sulla base delle dichiarazioni di una ex dipendente del Convento di San Giovanni Rotondo, sig.ra Anna Verde, licenziata per “giustificato motivo”, rese dopo essersi vista respingere in due gradi di giudizio il relativo ricorso presentato dinanzi al giudice del lavoro.

Padre Pio e Rignano, tra fragranze aromatiche e una strana apparizione

RIGNANO GARGANICO. Tra le tante vicende che hanno interessato, direttamente o indirettamente, la figura e la vita di Padre Pio da Pietrelcina, ce n'è una assolutamente inedita: una storia inverosimile, fatta di strane fregranze e di incredibili lievitazioni. Ci troviamo intorno al terzo decennio del nostro secolo. A Rignano vengono portati da Napoli i resti di una presunta martire, Santa Vittoria, le cui origini sono tuttora ignote. E' il 18 giugno 1930.

La Grande Statua di San Pio: si riparte! Eletto Antonio Paglia presidente della fase 2.0

RIGNANO GARGANICO. Come già annunciato nei giorni scorsi arriva la fase 2.0 del progetto per la realizzazione de "La Grande Statua di San Pio" a Rignano Garganico, che dovrà passare necessariamente attraverso un piano di rilancio complessivo del più piccolo comune del Parco Nazionale del Gargano. L'altra sera eletto anche il nuovo presidente nella figura di Antonio Paglia, culture di tradizioni locali, profondo conoscitore del progetto e convinto sostenitore dell'opera grandiosa fin dalla sua ideazione.

La Grande Statua di San Pio e il Museo di Grotta Paglicci: facciamo presto e rilanciamo il turismo!

RIGNANO GARGANICO. Il progetto de "La Grande Statua di San Pio" e l'apertura-rilancio del Museo di Grotta Paglicci. Sono i grandi temi di cui si discute da anni e che riguardano strettamente il decollo turistico di Rignano Garganico, paesino dell'entroterra della Montagna del Sole, che negli ultimi anni ha subito (o voluto subire) una paurosa deflessione dal punto di vista dell'immagine e della presenza sui mass-media.

Il Presepe Vivente di Rignano tra i bambini ospedalizzati di Casa Sollievo della Sofferenza

RIGNANO GARGANICO. Il Presepe Vivente di Rignano Garganico espatria a San Giovanni Rotondo per dare vita ad una insolita rappresentazione natalizia presso l'Ospedale Casa Sollievo della Sofferenza. L'iniziativa è stata voluta dall'Associazione presepistica rignanese in collaborazione con la sezione sangiovannese dell'AGAPE, sodalizio che si occupa di leucemie e tumori del bambino.

Padre Pio e Rignano, un libro di Angelo e Antonio Del Vecchio

RIGNANO GARGANICO. Nella prima parte del volume si parla della vita e della spiritualità di Don Pietro Ricci, la cui saggezza colpisce e affascina il giovane Padre Pio, forse bisognoso a quei tempi di avere accanto una figura guida che lo metta in guardia contro gli illusori impulsi, le titubanze e il pessimismo dell’età e lo fortifichi con le certezze della vocazione e del ministero. Si trova subito in sintonia e la corrispondenza che si accende è un continuo crescente di simpatia e di confidenza amicale, come dimostrano le lettere.

Michele Mangiacotti e la tragedia della II Guerra Mondiale, tra bombe e fucilazioni

SAN GIOVANNI ROTONDO. Michele Mangiacotti, classe 1922, è uno dei pochi reduci della II Guerra Mondiale rimasti ancora in vita a San Giovanni Rotondo. Ci racconta la storia dal basso delle “cose” viste e delle peripezie da lui vissute dopo l’ 8 Settembre ’43, come i bombardamenti anglo americani di Napoli, l’occupazione nazista della caserma di Nola, la contestuale fucilazione per motivi di rappresaglia di 11 ufficiali italiani e la fuga dalla guerra e dalla deportazione dei soldati sbandati, come lui.