Antonio Del Vecchio
23/12/13

Anche Michele Monetti se n’è andato, in punta di piedi e con tanta umiltà, colpito dal mal del secolo

RIGNANO GARGANICO. E’ morto Michele Monetti, 82 anni, uomo pubblico da ogni punto di vista, a Rignano Garganico. Dopo aver fatto fortuna fuori, grazie allo suo spirito di sacrificio e innato savoir faire, era rientrato in paese da circa un trentennio. Qui aveva investito tutte le sue risorse economiche e imprenditoriali nell’acquisto dei terreni montani in località Difensola e nell’abbellimento degli stessi, con la costruzione di una splendida ed accogliente abitazione, interamente  immersa tra le pietre e il verde. Onnipresente a tutte le manifestazioni pubbliche, ha dato sempre il suo prezioso e disinteressato apporto costruttivo e diretto allo sviluppo e all’ammodernamento del paese nativo che egli amava sopra ogni cosa. 

Iscritto a Forza Italia, sin dal 1994, aveva  militato attivamente  e finora era rimasto saldamente legato al movimento, senza mai risparmiare le sue forze. Anzi era fortemente addolorato perché, per questioni di ricovero in ospedale era venuto meno il suo voto alla coalizione “Rignano Futura”, generando così un incredibile ed inopportuno pareggio alle ultime amministrative. Ora sicuramente Michele guiderà dall’alto il perseguimento di questi ideali e con il suo immancabile sorriso sornione continuerà a sostenere i suoi compagni, senza mai inimicarsi, per questo, la simpatia dei suoi avversari che, nonostante avesse idee avverse, lo stimavano tanto.

 

Addio Michele, Rignanonews.com e il Circolo Culturale "Giulio Ricci" si uniscono al dolore della famiglia e dell’intera comunità per la perdita di una delle sue figure più limpide e fattive!

Letto 1620 volte Ultima modifica il Lunedì, 23 Dicembre 2013 22:38
Vota questo articolo
(1 Vota)
Antonio Del Vecchio

Già funzionario della Regione Puglia in campo culturale, giornalista e pubblicista. Ha diretto vari periodici con scritti a carattere politico e socio – culturale, tra Bari, Foggia e rispettive province.

Dal 1979 ha collaborato e collabora con testate, anche digitali, quali La Gazzetta del Mezzogiorno, l’Attacco, Garganopress, Sanmarcoinlamis.eu, Rignanonews.com.

E’ autore e curatore di parecchi volumi sui beni culturali, sulla storia locale, sull’emigrazione e sulle tradizioni di Rignano, del Gargano, della Puglia e dell'Italia.