Antonio Del Vecchio
01/06/18

Bene accolta in tutto il Gargano la nomina di Conte a Presidente del Governo

SAN MARCO IN LAMIS. Accolta con viva soddisfazione, a San Marco in Lamis e dintorni, la nomina del docente universitario di Diritto Privato, Giuseppe Conte, a Presidente del Consiglio dei Ministri.

Lo è a San Giovanni Rotondo, quale città di adozione – residenza  per antonomasia, dove il padre ha assolto per diversi decenni il suo compito di segretario comunale. Altresì, vi  ha frequentato le scuole medie. Ma lo è di più soprattutto tra gli ex alunni e i maturati, come lui, al Liceo Classico “Pietro Giannone” della vicina San Marco in Lamis, attualmente II.SS. Una scuola, quest’ultima, che ha avuto docenti ed alunni illustri in tutti i tempi. Basta citare in proposito, tra l’altro: Joseph Tusiani, che qui ha insegnato negli anni giovanili, stimato come il miglior letterato italo-americano e uno dei massimi latinisti del mondo; il preside-docente-poeta Michele Coco, che dell’anzidetta scuola sapeva vita morte e miracoli; il compianto magistrato di “mani pulite” di Capitanata, Rocco Antonio D’Amelio, che qui ha sostenuto gli esami finali negli anni’60; l’architetto, Antonio Pio Saracino, noto per i suoi arditi progetti a livello planetario; docenti universitari di levatura nazionale, quali il fisico Piero Massaro e il filosofo Giovanni Cera dell’ateneo barese; Cosma Siani, italianista, alla Sapienza di Roma; nonché, Matteo Martelli all’Università di Urbino. Tra i suoi compagni di scuola, alcuni anche di Rignano Garganico, vi è pure Ludovico Delle Vergini, magistrato in quel di Firenze. Manco a farlo a posta, nella predetta città c’è anche Dario Nardella, primo cittadino della stessa e figlio di sammarchese puro sangue. Nonché  è stato compagno di tanti altri ancora, di cui al momento sfuggono i nomi. Senza parlare, poi, del grande paleontologo e studioso del Paleolitico di Grotta Paglicci, Arturo Palma di Cesnola, al contrario, fiorentino doc, ma cittadino onorario della succitata  Rignano Garganico. A questo punto, non possiamo che augurare al neo Presidente Conte:  Ad Maiora!  

 

Letto 156 volte
Vota questo articolo
(0 Voti)
Antonio Del Vecchio

Già funzionario della Regione Puglia in campo culturale, giornalista e pubblicista. Ha diretto vari periodici con scritti a carattere politico e socio – culturale, tra Bari, Foggia e rispettive province.

Dal 1979 ha collaborato e collabora con testate, anche digitali, quali La Gazzetta del Mezzogiorno, l’Attacco, Garganopress, Sanmarcoinlamis.eu, Rignanonews.com.

E’ autore e curatore di parecchi volumi sui beni culturali, sulla storia locale, sull’emigrazione e sulle tradizioni di Rignano, del Gargano, della Puglia e dell'Italia.