Antonio Del Vecchio
14/01/18

Addio Faelina, la comunità di Rignano ti sarà sempre riconoscente per i tuoi gratuiti servizi di guaritrice!

RIGNANO GARGANICO. Raffaelina Orlando, 85 anni, l’ultima “guaritrice” di Rignano Garganico, da qualche giorno  non c’è più. La sua scomparsa ha lasciato un immenso vuoto non solo nella famiglia, ma soprattutto nella comunità, per quanto si dirà.

Qui, la donna  era, infatti, conosciuta da tutti per la sua abilità di rimettere a posto ogni parte dello scheletro osseo. Non aveva titoli di studio, se non la licenza elementare. Ciononostante, immedesimava in sé sia l’acume del fisiatra e dell’ortopedico, sia l’abilità del fisioterapista, del tecnico ortopedico e dell’infermiere. Bastava che ti tastasse leggermente la parte offesa, per capire subito dove c’era la frattura o la slogatura. Si tratta di un dono di natura, ereditato dalla madre Palmuccia, che a sua volta aveva esercitata l’arte  a tempo perso, occupata  com’era  a crescere  la sua numerosa famiglia. Ed è per questo che la defunta era conosciuta anche come “Faelina de  Palemmucce”, per distinguerla dalle altre di pari nome. Nonostante fosse acciaccata da tempo, la donna, che era assai ben voluta dai paesani per via del suo carattere buono e disponibile, aveva esercitato la sua arte gratuitamente sino all’ultimo momento, anche perché  viveva da sola, vedova  com’era del marito Giovanni da oltre un decennio  e per di più priva di prole da accudire. Ed è per questo che Faelina era molto amata da nipoti e pronipoti. Chi scrive, da Faelina, che viveva in un lindo e bene arredato sottano , ci andava spesso, non solo per soccorso, ma anche per motivi di ricerca. La donna era una miniera di notizie sulle tradizioni e abitudini dei suoi compaesani. In casa aveva una maxi fotografia incorniciata dai suoi fratelli falegnami, mastro Beppe e mastro Michele (il primo, abile ed affermato violinista è venuto meno alcuni decenni fa), raffigurante il cognato Gabriele, deceduto sul fronte libico nell’ultima Grande Guerra. La sua storia, in parte ricostruita sulle notizie fornite da Faelina, è contenuta nel volume “Io Parto Non so se Ritorno / Storie dei soldati rignanesi caduti nella II Guerra Mondiale”, edito nel 2013. Va precisato che la prima parte del titolo del libro “Io Parto non so se Ritorno”  riporta pari pari  la frase incisa, alla vigilia della sua partenza in guerra, da Gabriele sul ‘finestrello’ del  pagliaio, dove amava rifugiarsi durante le sue pause di lavoro in montagna. Titolo che dà alla storia, oltre all’insolita originalità, un sotteso sapore tragico. Al libro Faelina ci teneva tanto, non solo per la pezza messaci, ma soprattutto per la venerazione  che aveva nei confronti del congiunto, coltivata  per tanti anni attraverso  la fotografia in parola, ereditata peraltro dai suoceri. Per cui ogni volta che chi scrive passava nei paraggi, la donna puntualmente  gli rammentava: “Tonì, è uscito il libro?”, riferendosi alla promessa e non ancora realizzata seconda edizione, essendo completamente esaurita la prima sin dai  tempi della sua presentazione. E la donna lo sapeva bene, tenendoci molto ad incettare un certo numero di copie da regalare ai suoi famigliari. Ora - ci si chiede la gente – chi sostituirà Faelina nella sua funzione di ortopedica a buon mercato e senza prenotazioni?   La direzione e redazione della presente testata giornalistica esprime alla famiglia Orlando estrema vicinanza e partecipazione al suo dolore.   

 

Letto 821 volte
Vota questo articolo
(0 Voti)
Antonio Del Vecchio

Già funzionario della Regione Puglia in campo culturale, giornalista e pubblicista. Ha diretto vari periodici con scritti a carattere politico e socio – culturale, tra Bari, Foggia e rispettive province.

Dal 1979 ha collaborato e collabora con testate, anche digitali, quali La Gazzetta del Mezzogiorno, l’Attacco, Garganopress, Sanmarcoinlamis.eu, Rignanonews.com.

E’ autore e curatore di parecchi volumi sui beni culturali, sulla storia locale, sull’emigrazione e sulle tradizioni di Rignano, del Gargano, della Puglia e dell'Italia.