Antonio Del Vecchio
20/08/17

C’è stata per davvero Festa grande per i 50 anni di vita insieme per Maria e Pasquale, a Rignano G.

RIGNANO GARGANICO. Ieri c’è stata Festa grande in casa Vincitorio, a Rignano Garganico. E questo per i cinquant’anni di matrimonio di Pasquale e Maria, una coppia esemplare nella vita, nel lavoro e soprattutto nella famiglia.

Cinquant’anni di storia, d’amore, di liti, di cose dette e non dette, di presenze e di assenze, di giochi e di sorrisi, di lacrime e di sconforto: sono stati sempre solidali l’un l’altra, si sono  rispettati ed è per questo che ieri hanno  festeggiato un grande evento, con i figli, le nuore, i nipoti, i parenti e gli amici. Hanno coronato il loro sogno d’amore,  dopo  un fidanzamento durato alcuni anni, tra andate e ritorni, per via dell’irrequietezza di lui, frastornato da quante le giravano intorno. Questo durò fino al 19 agosto 1967, allorché a 26 anni lui e di alcuni anni in meno lei, decisero di convolare in nozze. La cerimonia fu celebrata, come quella odierna,  nella chiesa Madre dell’Assunta, officiata dal longevo arciprete Don Giovanni Draisci, che, per l’occasione li arringò con una delle sue omelie più belle e segnanti, ovviamente  ispirata alle risapute ed evangeliche Nozze di Cana. Così che il cavallo scalpitante fu domato e Maria divenne per sempre  la compagna unica e vera  della sua vita. Lo seguì in Germania,  condividendo quale novella emigrante  oltre alla vita, anche il lavoro. La loro unione fu presto benedetta dalla nascita della prima figlia Anna e poi da quella di Nicola e Roberto. Dopo un decennio di lavoro e di sacrifici, costruito il loro nido, rientrarono in paese. Intanto, Pasquale aveva maturato bene il suo mestiere di muratore, specializzandosi soprattutto nell’intonaco. Solo lui, in paese e dintorni,  sapeva realizzare  pareti lisce ed uniformi , quasi marmoree. Trovò subito lavoro presso le ditte locali, anzi  se lo contesero, per via della sua straordinaria bravura. Non contento di questo ad un certo punto si mise in proprio e continuò la sua opera nei piccoli appalti e subappalti. La sua organizzazione crebbe e nel giro di pochi anni e la sua impresa si ingrandì man mano nel capitale e nel lavoro. Da uno a due dipendenti di ieri, oggi ce ne ha quasi venti. Tanto da permettergli di concorrere ad appalti pubblici e privati con poste  sempre più alte. Attualmente è una delle imprese edilizie più grandi ed equipaggiate del comprensorio, grazie anche al lavoro fattivo e direzionale dei suoi due figli. Con tale bagaglio operativo ed esperienziale oggi la stessa  ha la possibilità di farsi valere anche in campo nazionale. Così che Pasquale, partito come manovale  al seguito dei piccoli cantieri di suo fratello Luigi che non c’è più, si può dire che oggi è una invidiabile ed invidiata impresa che tutti ammirano e di cui ognuno vorrebbe essere dipendente. La S.Messa  di ringraziamento è stata celebrata nella stessa Chiesa della prima volta ed officiata con viva partecipazione e commozione dal parroco Don Santino Di Biase, coadiuvato dal chierico Mario Ardolino. Dopo l’aperitivo gustato presso il rinomato Ristorante ‘La Campana’ di Pietro Novelli , il pranzo e la festa sono continuati fino ad ora inoltrata presso l’agriturismo ‘Tenuta Tancredi’, ai piedi del paese, allietato  dal Trio ‘I Colori della musica’ di un dj super qual è e  si è rivelato in tutte le fasi della festa, Matteo Giardino, di Monte Sant’Angelo. Senza di lui e della sua opera creativa, tutto sarebbe andato avanti  in modo annoiato e spento. Tra gli avvenimenti più significative della serata, oltre al taglio della tradizionale torta, hanno per davvero commosso la letterina ai genitori letta dal figlio Nicola e la  predetta storia d’amore pubblicata su varie testate giornalistiche on live e ovviamente su face book. Tutti i commensali si sono ritrovati sentimentalmente coinvolti nella musica e nel canto di Giardino, che ha sciorinato il suo ricco repertorio, fatto di classici di tutte le epoche dagli anni ’60 ad oggi. Per i palati più raffinati sono stati riproposti in perfetta lingua inglese gli storici ed intramontabili  Only You  dei Platters (1955)e di You Are  My Destiny di Paul Anka (1963).  La redazione e il direttore della presente testata giornalistica, rinnovano  agli sposi e alla famiglia i più fervidi auguri  per questo e per  tutti gli altri  gioiosi  eventi che verranno.

N.B. Articolo integrato con la cronaca del 'consumato' evento

 

Letto 541 volte
Vota questo articolo
(0 Voti)
Antonio Del Vecchio

Già funzionario della Regione Puglia in campo culturale, giornalista e pubblicista. Ha diretto vari periodici con scritti a carattere politico e socio – culturale, tra Bari, Foggia e rispettive province.

Dal 1979 ha collaborato e collabora con testate, anche digitali, quali La Gazzetta del Mezzogiorno, l’Attacco, Garganopress, Sanmarcoinlamis.eu, Rignanonews.com.

E’ autore e curatore di parecchi volumi sui beni culturali, sulla storia locale, sull’emigrazione e sulle tradizioni di Rignano, del Gargano, della Puglia e dell'Italia.