Antonio Del Vecchio
04/03/17

In una lettera, la prova della prima visita compiuta da San Pio, 100 anni fa, a Rignano Garganico

In una lettera, la prova della prima visita compiuta da San Pio, 100 anni fa, a Rignano Garganico

RIGNANO GARGANICO. Ecco la lettera - prova della prima visita che San Pio compì il 10 maggio 1917, a Rignano Garganico A confermarlo è la missiva dell’11 maggio del medesimo anno, inviata al sacerdote Don Pietro Ricci, che gli sarà maestro e confidente fino alla morte di quest’ultimo, avvenuta, come già scritto nel dicembre 1920*. Con essa si intende ringraziare il predetto maestro e confidente spirituale de “L’ospitalità e gentilezza usate alla povera mia persona” che si conclude con “Bacio i bambini”, ossia i figli dei coniugi Ricci – Martucci, di cui si dirà a conclusione:  Pasqualino Ricci (1915 – Roma 2008) che sarà sindaco di Rignano per due mandati nelle legislature1948 – 1952 e 1956 – 1960; i fratelli Antonio (1917 – 1940)  e Teresina (1913 – 1929).  Ecco il testo della lettera, datata 11 maggio 2017: “Stimatissimo don Pietro, la pace del divino Spirito possegga sempre il vostro cuore e quello di tutte le persone a voi care nel tempo e nella eternità! Con tali voti io ottengo ringraziarvi assieme all’ottima vostra famiglia per l’ospitalità e gentilezza usate alla povera mia persona. Vorrei ringraziare in un modo meno indegno che sia possibile del bene fattomi, ma mi mancano parole adatte a ciò fare. Mi sforzerò di ricambiarvelo con l’umile, assidua e riconoscente preghiera dinanzi a Gesù. Ieri sera al mio ritorno da costì mi giunse un telegramma del p .provinciale che mi notificava che il reverendissimo padre generale mi accordava l’ubbidienza per accompagnare la sorella a Roma. Immaginatevi il mio contento. Veramente questo giorno fu una continua indigestione di consolazione. Viva Gesù! Alla tomba dei santi Apostoli vi prometto di pregare moltissimo per la felicità vostra e per la vostra rispettabile famiglia. Ossequio e rinnovo i miei ringraziamenti a voi, a don Pietro (rnd, il già citato nipotePietro Ricci), alla di lui Signora (Lucia Martucci), nonché a tutti gli altri amici e conoscenti. Bacio i bambini e con ogni stima vi abbraccio. P.Pio, cappuccino. Abbiate gli ossequi di tutta la religiosa famiglia”.  Come già scritto, di questa “Giornata speciale” (si veda anche v. nominato in calce) la pronipote Katia Ricci (nota docente e critica d’arte) ha scritto un bellissimo racconto che sarà pubblicato prossimamente, al fine di tramandarne memoria alle giovani generazioni.

N.B. Si veda volume di Angelo e Antonio Del Vecchio: “Padre Pio e Rignano Garganico” , Edizioni Padre Pio da Pietrelcina, 1e 2009, 2e.2010. Foto copertina 1e.

 

Letto 702 volte
Vota questo articolo
(0 Voti)
Antonio Del Vecchio

Già funzionario della Regione Puglia in campo culturale, giornalista e pubblicista. Ha diretto vari periodici con scritti a carattere politico e socio – culturale, tra Bari, Foggia e rispettive province.

Dal 1979 ha collaborato e collabora con testate, anche digitali, quali La Gazzetta del Mezzogiorno, l’Attacco, Garganopress, Sanmarcoinlamis.eu, Rignanonews.com.

E’ autore e curatore di parecchi volumi sui beni culturali, sulla storia locale, sull’emigrazione e sulle tradizioni di Rignano, del Gargano, della Puglia e dell'Italia.