Antonio Del Vecchio
24/07/16

Piccola grande festa per il pensionamento di Marilena Soccio, segretaria comunale, a Rignano Garganico

Nel "cuore" del bosco, Marilena Soccio (al centro) festeggia l'imminente pensionamento assiene al gruppo dei commensali Nel "cuore" del bosco, Marilena Soccio (al centro) festeggia l'imminente pensionamento assiene al gruppo dei commensali

RIGNANO GARGANICO.  Detto, fatto. Piccola grande festa “privata”, svoltasi ieri nel cuore del bosco, a San Marco in Lamis.

A promuoverla è stata la segretaria comunale di Rignano Garganico, Marilena Soccio unitamente al marito già  medico specialistico, entrambi nativi e residenti nella prima città. Tanto  per il pensionamento dell’interessata, destinata dal primo agosto prossimo a lasciare definitivamente il servizio attivo, per indossare forse  le vesti della casalinga tutto fare. Non a caso la prima dimostrazione del suo “savoir faire” l’ha intesa dimostrare da subito, preparando personalmente ed offrendo ai suoi ospiti  un lauto banchetto, a base di piatti della cucina locale e di prodotti biologici del posto. Aiutata nell' "ardua" impresa dal marito Tonino e dalle figlie Maria Lea e Maria Angela, C’era tutto lo staff di amministratori e dipendenti del Comune di servizio (pressoché ininterrotto dal 1981 ad oggi), con il   sindaco Vito Di Carlo in testa.  Precisamente festa e pranzo hanno avuto luogo all’aperto davanti alla casetta di una delle tante “cesine” che un tempo fornivano lavoro e sussistenza ad una miriade di famiglie contadine, che qui avevano tutto, persino una edicola con l’immancabile statua di San Michele, cui rivolgere la preghiera quotidiana, come nel caso. L’anzidetta casa di campagna è fornita anche di forno, cisterna, orto e quant’altro, indispensabile per vivere anche oggi in tranquillità lontana dal chiasso e confusione della vita moderna e a contatto con la natura e lo Spirito del divino.  A qualche chilometro di distanza, c’è anche l’antica ed ambita “ casa - vigna” di Pasquale Soccio, dove ha composto il suo “Gargano segreto”, opera assai apprezzata ed avvertita dal  letterato sammarchese, considerato  uno dei più grandi e seguiti del Novecento Italiano. Nel pomeriggio inoltrato la comitiva si è sbizzarrita, giocando a calcetto e a golf, dominato letteralmente da due simpatici animatori nati nell’arte dello sport e in quello della parola, quali si sono  rivelati i Giovanni e Michela.   La festa, come pure la tavola, è durata fino a tarda sera, allorché la “festeggiata” ha avuto modo di salutare commossa il pubblico presente con un “Arrivederci!”, che significa un “ non perdersi” in un mondo dove la memoria di cose e persone talvolta durano lo spazio di un giorno. Per Marilena non sarà così, perché lascia in Rignano una traccia indelebile non solo della professione ma anche della sua intensa umanità.

N. B. per saperne di più sulla segretaria Soccio, si veda: rignanonews.com, sanmarcoinlamis.org, stato quotidiano; l’Attacco.     

 

Letto 703 volte Ultima modifica il Domenica, 24 Luglio 2016 13:01
Vota questo articolo
(0 Voti)
Antonio Del Vecchio

Già funzionario della Regione Puglia in campo culturale, giornalista e pubblicista. Ha diretto vari periodici con scritti a carattere politico e socio – culturale, tra Bari, Foggia e rispettive province.

Dal 1979 ha collaborato e collabora con testate, anche digitali, quali La Gazzetta del Mezzogiorno, l’Attacco, Garganopress, Sanmarcoinlamis.eu, Rignanonews.com.

E’ autore e curatore di parecchi volumi sui beni culturali, sulla storia locale, sull’emigrazione e sulle tradizioni di Rignano, del Gargano, della Puglia e dell'Italia.