Antonio Del Vecchio
15/11/15

Ennesimo battesimo di fuoco per il poeta apricenese Franco Ferrara in quel di Foggia

 
   

FOGGIA. Ennesimo battesimo di fuoco per il poeta apricenese, Franco Ferrara.  Il 13 novembre 2015 alle ore 16,30 ha presentato all’Università Crocese – Scuola di Tradizioni, Sezione Folklore e Ricerca di Capitanata in Foggia il suo secondo libro "Natùrë pë li Trattùrë dë Stòrjë Prucënésë" (NATURA PER I TRATTURI DI STORIA APRICENESE). Si tratta di  una raccolta di poesie in Lingua Dialetto di Apricena e Italiano.

Per la seconda volta l’illustre personaggio è stato ospite gradito nella CASA DELLA CULTURA, dove ha  portato a conoscenza la storia, la cultura e le tradizioni del suo  paese natale. A tessere l’elogio del poeta sono intervenuti a più riprese i  docenti Angelo Capozzi e Pino Donatacci, autori anch’essi di opere sul tema ed onnipresenti animatori della struttura. La serata ha visto, altresì, la partecipazione di Giacinto Sica, Lello Mancini e Luigi Marmorino. Il Ferrara è un poeta che si è fatto da sé. Ecco il suo ricco ed essenziale “curriculum vitae”. Diplomato Ragioniere all’Istituto Tecnico Commerciale “Angelo Fraccacreta” di San Severo (Fg), ha continuato lo studio di materie umanistiche. Seppure manifesta la sua creatività poetica sin dall’età scolatica, sia in italiano, sia in dialetto,  diventa  poeta maturo più tardi. Si fa conoscere al pubblico solo nel 2013  con “Caccia alla Natura” una raccolta di poesie in lingua italiana. L’anno successivo dà alle stampe “La Lingua Dialettale dalla Pronuncia alla Scrittura”, una guida alla scrittura della lingua del dialetto e subito dopo “La Rima nella Poesia Dialettale” una guida alla rima nella lingua del dialetto. Continua l’anno di grazia. Nel medesimo anno, esordisce  con “Memòrje de Stòrje Prucenése” (Memoria di Storia Apricenese) una raccolta di poesie in lingua dialetto di Apricena e italiano, chiudendo poi con  “Tre Paròle” (Tre Parole ), una poesia in lingua dialetto di Apricena e italiano sulla trilogia della parola del noto letterato italo-americano,  Joseph Tusiani, originario di San Marco in Lamis. Prosegue nel 2015, mettendo in vetrina il primo libro in duplice lingua,  “Natùre pe li Trattùre de Stòrje Prucenése” (Natura per i Tratturi di Storia Apricenese). Sicuramente non è finita, l’autore è nel vivo della sua produttività e si dice pronto a regalarci altre pagine belle del suo innato ed originale talento.   A quanto si apprende, le sue opere sono inserite nell’OPAC della Biblioteca Provinciale di Foggia la “Magna Capitana” e nelle biblioteche comunali  di San Severo e di Apricena.

Letto 660 volte
Vota questo articolo
(0 Voti)
Antonio Del Vecchio

Già funzionario della Regione Puglia in campo culturale, giornalista e pubblicista. Ha diretto vari periodici con scritti a carattere politico e socio – culturale, tra Bari, Foggia e rispettive province.

Dal 1979 ha collaborato e collabora con testate, anche digitali, quali La Gazzetta del Mezzogiorno, l’Attacco, Garganopress, Sanmarcoinlamis.eu, Rignanonews.com.

E’ autore e curatore di parecchi volumi sui beni culturali, sulla storia locale, sull’emigrazione e sulle tradizioni di Rignano, del Gargano, della Puglia e dell'Italia.