Redazione

Redazione

Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Il Tesoro di Grotta Paglicci in un volume di A. Palma di Cesnola

Presentato nei giorni scorsi il romanzo Il tesoro (curato da Angelo Antonio Del Vecchio - Circolo Culturale “Giulio Ricci”, 2017) del noto archeologo Arturo Palma di Cesnola, il cui nome è legato agli scavi, allo studio e alla valorizzazione del sito Grotta Paglicci, localizzato nel comune di Rignano Garganico

Luigi Di Fiore: "per Grotta Paglicci se necessario useremo i mass media!"

RIGNANO GARGANICO. Si è concluso con una serie di impegni promozionali il libroforum su Grotta Paglicci, svoltosi, ieri sera, nell’accogliente Sala del Purgatorio, a Rignano Garganico. Il riferimento è all’avvenuta presentazione del v. Il Tesoro , una brillante e scorrevole novella, ispirata al sito archeologico sopra citato.

L'Oro di Grotta Paglicci affascina il pubblico degli appassionati

I tesori archeologici di Grotta Paglicci, sito paleolitico ubicato nelle campagne di Rignano Garganico (in Puglia), continuano ad appassionare non solo gli addetti ai lavori, ma anche il grande pubblico. Lo si è capito bene al termine della presentazione del volume ad esso dedicato e scritto a quattro mani da Angelo e Antonio Del Vecchio, giornalisti, scrittori, storici ed esperti di archeologia. Si tratta di un testo di 100 pagine edito dal Circolo Culturale “Giulio Ricci” di Rignano Garganico e già in vendita sui principali book-shop Amazon e eBay.

Nuovo volume su Grotta Paglicci, la Cattedrale del Paleolitico Italiano

Tutto pronto a Rignano Garganico, in Puglia, per il “gran giorno” dedicato a Grotta Paglicci, considerato uno dei più importanti e completi siti paleolitici del pianeta. L’archeologo Arturo Palma di Cesnola, che nella grotta ha trascorso oltre 30 anni della sua vita, l’ha definita la “Cattedrale del Paleolitico Italiano”.

Bomba alla Cassa Rurale di Rignano Garganico, indagano i carabinieri

RIGNANO GARGANICO. Ancora assalti a sportelli bancomat nel foggiano, prettamente nel fine settimana. Intorno alle 4 di notte è toccato a Rignano Garganico. Per appropriarsi del denaro, i ladri hanno deciso di piazzare una bomba che ha divelto l’impianto di piazza San Rocco, credito cooperativo di San Giovanni Rotondo.

A San Giovanni Rotondo giornata dedicata alla donazione degli organi

SAN GIOVANNI ROTONDO. Il CRAL Aziendale dell’Ospedale “Casa Sollievo della Sofferenza” di San Giovanni Rotondo organizza una giornata di sensibilizzazione alla donazione di organi e tessuti, con il patrocinio dell’IRCCS “Casa Sollievo della Sofferenza”, del Comune di San Giovanni Rotondo, dell’AIDO (Associazione Italiana per la Donazione di Organi, Tessuti e Cellule) e del locale Cinecircolo Piergiorgio Frassati.L’evento, il cui slogan è “Donare per Vivere”, si concretizzerà in un incontro-dibattito sul tema della donazione di organi che si terrà nell’auditorium del Cinecircolo Piergiorgio Frassati di San Giovanni Rotondo sabato 3 ottobre 2015 alle ore 17,00.

Anna Maria Tunzi alla Giornata Nazionale su Grotta Paglicci del 13 agosto 2016

RIGNANO GARGANICO. Anche Anna Maria Tunzi della Soprintendenza Archeologica della Puglia aderisce alla Giornata Nazionale dedicata a Grotta Paglicci e prevista a Rignano Garganico per il 13 agosto 2016. Lo rende noto il Coordinamento Amici di Grotta Paglicci sul proprio sito internet.

Giornata Nazionale dedicata a Grotta Paglicci: 13 agosto 2016, Rignano Garganico

RIGNANO GARGANICO. Il 13 agosto 2016 è indetta la Prima Giornata Nazionale dedicata a Grotta Paglicci e ai suoi tesori artistici ed archeologici a Rignano Garganico, il più piccolo comune della Montagna del Sole nei cui territorio è ubicato il sito paleolitico più importante d'Europa. A renderlo noto Angelo Del Vecchio, portavoce del Coordinamento Amici di Grotta Paglicci che chiama a raccolta attorno all'evento tutti gli appassionati della materia e gli Enti pubblici e le aziende private interessate a valorizzare il massimo bene preistorico italiano.

A Grotta Paglicci i paleolitici pestavano l'avena già 32.000 anni fa! Forse ci facevano del pane o delle focacce?

FIRENZE. Furono alcune popolazioni garganiche vissute in pieno Paleolitico superiore le prime a produrre e consumare regolarmente farina, ben 32.000 anni fa. Finora si riteneva che la capacità di lavorare i cereali in modo da ottenere la farina si fosse affermata molto più tardi, nel corso del Neolitico, più o meno in coincidenza con l'avvento dell'agricoltura.

“CARI AMICI EUROPEI, SIAMO TUTTI IMMIGRATI AFRICANI!”, GROTTA PAGLICCI INSEGNA

Lo testimoniano i ritrovamenti umani di Grotta Paglicci in Puglia, dove 45.000 anni fa, nel pieno del Paleolitico Superiore, arrivarono i “popoli neri” e colonizzarono con la loro cultura, i loro saperi e i loro sapori la civiltà moderna dando origine alla stirpe Europea che conosciamo

 

RIGNANO GARGANICO (FG). La genetica non mente, mai! I popoli moderni d’Europa hanno chiaramente origini Africane e lo testimoniano i ritrovamenti di Grotta Paglicci (ubicata nella Puglia Garganica), uno dei siti preistorici più conosciuti al mondo per i suoi reperti Paleolitici che hanno permesso di ricostruire tanti anelli mancanti della storia dell’Homo Erectus, Homo di Neanderthal e Homo Sapiens.

Pagina 1 di 10