Redazione

Redazione

Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Presentazione del "Vecchio Stile" di Salvatore Villani

Sarà presentato a Rignano Garganico il nuovo lavoro editoriale di Salvatore Villani. Si tratta di un cd-book dedicato alle Tarantelle del Gargano e del Salento.

"Ogni opera, come questa mia piccola testimonianza, nasce dal connubio di determinazione personale e casualità: devo ad una esplicita sollecitazione del maestro Roberto Leydi i miei studi sulla chitarra battente e la musica garganica e a Giovanna Marini, con cui duetto in un canto di lavoro di Ischitella, il perentorio invito di mettere le mie doti canore al servizio delle sonorità della tradizione da riproporre con una creatività mai scevra dal rispetto e dalla valorizzazione della cultura popolare", Salvatore Villani.

Programma

Ore 17:00 - Centro storico
• Visita guidata del centro storico di Rignano G.co a cura di Gino Annolfi e Antonio Gisolfi (ritrovo presso il Centro Studi Tradizioni Pugliesi, via Gioielli n. 15, in fondo al Belvedere)

Ore 18:00 - Museo Paglicci
• Proiezione multimediale su Grotta di Paglicci, a cura di Enzo Pazienza

Ore 19:00 - Teatro ex Chiesa del Purgatorio
• PRESENTAZIONE DEL CDBOOK “Vecchio stile. La pizzica-pizzica dal Gargano al Salento”, di Salvatore Villani
Presenta e modera la serata Ciro De ROSA, direttore responsabile di Blogfoolk

Saluti:
• Luigi Di FIORE, Sindaco di Rignano Garganico
• Leo Di GIOIA, Ass. Politiche Agricole Regione Puglia (IN ATTESA DI CONFERMA) 
• Aldo PATRUNO, Direttore Dip. Cultura Regione Puglia
• Claudio COSTANZUCCI PAOLINO, Presidente pro tempore del Parco Nazionale del Gargano
• Maurizio VARRIANO, responsabile BAI Tour (Borghi Autentici D'Italia) 
• Benito RIPOLI, Presidente FITP; Presidente aggiunto IGF 
• Mario Pasquale Di VIESTI, Pres. Ass. Carpino Folk Festival
• Loris CASTRIOTA SKANDERBEGH, giornalista, coordina e modera le rappresentanze istituzionali

Ore 19:30 - Teatro ex Chiesa del Purgatorio
• Minimalia. Esercizio di Ammirazione di Gino ANNOLFI
Interventi:
• Valter COLLE, produttore discografico NOTA
• Vincenzo SANTORO,responsabile Cultura e Turismo ANCI
• Proiezione cortometraggio “Andrea Villani, sindacalista ante litteram” di S. Villani
• Salvatore VILLANI in 'L'ANIMA DELLE PUGLIE': Racconto in musica e in immagini del viaggio quarantennale tra cantori, musici e ballatori pugliesi

Con i musicisti:
• Salvatore Villani voce recitante, canto, chitarra battente e francese, organetto, mandolino
• Ciro Iannacone voce, chitarre
• Mauro Semeraro mandolino, bouzuki
• Lorenzo Vaira tamburello, percussioni
• Pucci Chiappinelli tastiere
• Giovanni Delle Fave fisarmonica
• Cantatrici di Ischitella
• Cantori di Mattinata
• Silvio Orlando basso elettrico; 
• Carmine Bergantino chitarra elettrica
• Giovanni Sampaolo batteria
• Carmine Cipriani tamburello
• Ballo: Aurelia Gagliano e Antonio Generoso

Direzione artistica: Luciano Castelluccia
Resp.Comunicazione: Domenico Sergio Antonacci
Fotografo: Leonardo Battista
Riprese video: Silvio Orlando
Programma di sala a cura di Gino Annolfi
Service audio-luci AMP di San Marco in Lamis
Con il supporto di: Protezione Civile, Pro Loco, Centro Studi Paglicci di Rignano Garganico.

Seguirà degustazione di prodotti locali
Fave di Carpino, azienda Cannarozzi; Caciocavallo podolico, Paolino di Rignano Garganico; Vino, azienda Nardella di San Severo; Pane, La fonte del pane di Cagnano Varano; Olio, azienda La Masseriola di Rignano Garganico; Musciska di Michele Fiore con Pro Loco di Rignano Garganico a cura di Pietro Bergantino, presidente. Prosecco offerto a tutti i presenti da “new Tiffany's club” di Rignano G.co.

Evento realizzato con il supporto dell'Amministrazione Comunale di Rignano Garganico, del Centro Studi Tradizioni Pugliesi e dell'Associazione Culturale Carpino Folk Festival, con il contributo del Parco Nazionale del Gargano e in collaborazione di Tenuta Corigliano.

“Vecchio Stile” è il gruppo musicale con cui Salvatore Villani, nel 1977, avvia il suo originale percorso di riproposta della musica popolare, mai immemore della lezione dei maestri cantori e della tradizione. A distanza di quarant'anni, l'artista ed etnomusicologo pugliese, rende omaggio alla sua terra, alle sue voci e alle sue musiche, alle sue tarantelle, con questo disco, reinterpretando diciotto brani della tradizione garganica e salentina.

"Salvatore Villani è un autentico, un cantore originale giovane che ama aggiungere strumenti e modulazioni non canoniche ai pezzi che canta, con amore travolgente. Così forte è l’amore che lui porta al pezzo, che questo ne rivive e diventa così autentico da non subire nessun danno dalle trasformazioni creategli dalle varie armonizzazioni ai pezzi che presenta: sempre elegante e suonate magistralmente", dalla presentazione di Giovanna Marini.

-----------

Il Cd Book contiene le seguenti 18 tracce:
1 Mo’ haddà ballà lu rizzë e la cëstunjë 5:42
2 Mazurka 2:16
3 Conta la grana che ma da dà 5:06
4 Accomë j’èja fa’ p’amà ‘sta donnë 4:36
5 Pizzica-pizzica 7:26
6 Mméz’a ‘sta chjazza cè natë nu giglië 6:02
7 Tarantella di San Nicandro Garganico 2:44
8 Alla Rurjanèllë 4:54
9 Povërë corë mijë fëritë fëritë 2:52
10 Sunë chëtarrë tu sunë a battèndë 2:28
11 Maritëmë sta alla ‘Mèrëchë e non më scrivë 3:52
12 Cara Nënnèlla mijë facimmë pacë 1:30
13 Më në véchë ripa ripë dillu méra 1:32
14 Alla Sangiuvannara 3:44
15 L’arià di sckëtëddanë 3:58
16 Fior di limonë 1:42
17 Bella ciao 3:54
18 Amico Giorgio 5:10

Musicisti coinvolti nel progetto:
Giovanna Marini, Vittoria Di Stolfo, Teo Ciavarella, Ciro Iannacone, Michele Saracino, Giorgio Ruberto, Giovanna Stifani, Silvio Orlando, Domenico Guerra, Vittorio Basanese, Mauro Semeraro, Rino Inchingolo, Massimiliano Morabito, Giancarlo Paglialunga, Libera Cugnidoro, Caterina Candito, Giuseppe Chiappinelli ‘Pucci’, Georgios Charalampidis, Lorenzo Vaira, Giovanni Sampaolo, Carmine Bergantino, Luciano Pannese, Luigi De Sol, Antonella Villani e Carmine Cipriani

Referenze fotografiche del Cd Book:
Domenico Sergio Antonacci, Michele Manca, Silvio Orlando, Carlo Damiani, Carmine Cipriani, Leonardo Battista, Ciro Iannacone e Ulrico Priore

Sabato 21 Ottobre - Rignano Garganico presso il Teatro ex chiesa del Purgatorio (centro storico, via Purgatorio n. 2)

Il Tesoro di Grotta Paglicci in un volume di A. Palma di Cesnola

Presentato nei giorni scorsi il romanzo Il tesoro (curato da Angelo Antonio Del Vecchio - Circolo Culturale “Giulio Ricci”, 2017) del noto archeologo Arturo Palma di Cesnola, il cui nome è legato agli scavi, allo studio e alla valorizzazione del sito Grotta Paglicci, localizzato nel comune di Rignano Garganico

Luigi Di Fiore: "per Grotta Paglicci se necessario useremo i mass media!"

RIGNANO GARGANICO. Si è concluso con una serie di impegni promozionali il libroforum su Grotta Paglicci, svoltosi, ieri sera, nell’accogliente Sala del Purgatorio, a Rignano Garganico. Il riferimento è all’avvenuta presentazione del v. Il Tesoro , una brillante e scorrevole novella, ispirata al sito archeologico sopra citato.

L'Oro di Grotta Paglicci affascina il pubblico degli appassionati

I tesori archeologici di Grotta Paglicci, sito paleolitico ubicato nelle campagne di Rignano Garganico (in Puglia), continuano ad appassionare non solo gli addetti ai lavori, ma anche il grande pubblico. Lo si è capito bene al termine della presentazione del volume ad esso dedicato e scritto a quattro mani da Angelo e Antonio Del Vecchio, giornalisti, scrittori, storici ed esperti di archeologia. Si tratta di un testo di 100 pagine edito dal Circolo Culturale “Giulio Ricci” di Rignano Garganico e già in vendita sui principali book-shop Amazon e eBay.

Nuovo volume su Grotta Paglicci, la Cattedrale del Paleolitico Italiano

Tutto pronto a Rignano Garganico, in Puglia, per il “gran giorno” dedicato a Grotta Paglicci, considerato uno dei più importanti e completi siti paleolitici del pianeta. L’archeologo Arturo Palma di Cesnola, che nella grotta ha trascorso oltre 30 anni della sua vita, l’ha definita la “Cattedrale del Paleolitico Italiano”.

Bomba alla Cassa Rurale di Rignano Garganico, indagano i carabinieri

RIGNANO GARGANICO. Ancora assalti a sportelli bancomat nel foggiano, prettamente nel fine settimana. Intorno alle 4 di notte è toccato a Rignano Garganico. Per appropriarsi del denaro, i ladri hanno deciso di piazzare una bomba che ha divelto l’impianto di piazza San Rocco, credito cooperativo di San Giovanni Rotondo.

A San Giovanni Rotondo giornata dedicata alla donazione degli organi

SAN GIOVANNI ROTONDO. Il CRAL Aziendale dell’Ospedale “Casa Sollievo della Sofferenza” di San Giovanni Rotondo organizza una giornata di sensibilizzazione alla donazione di organi e tessuti, con il patrocinio dell’IRCCS “Casa Sollievo della Sofferenza”, del Comune di San Giovanni Rotondo, dell’AIDO (Associazione Italiana per la Donazione di Organi, Tessuti e Cellule) e del locale Cinecircolo Piergiorgio Frassati.L’evento, il cui slogan è “Donare per Vivere”, si concretizzerà in un incontro-dibattito sul tema della donazione di organi che si terrà nell’auditorium del Cinecircolo Piergiorgio Frassati di San Giovanni Rotondo sabato 3 ottobre 2015 alle ore 17,00.

Anna Maria Tunzi alla Giornata Nazionale su Grotta Paglicci del 13 agosto 2016

RIGNANO GARGANICO. Anche Anna Maria Tunzi della Soprintendenza Archeologica della Puglia aderisce alla Giornata Nazionale dedicata a Grotta Paglicci e prevista a Rignano Garganico per il 13 agosto 2016. Lo rende noto il Coordinamento Amici di Grotta Paglicci sul proprio sito internet.

Giornata Nazionale dedicata a Grotta Paglicci: 13 agosto 2016, Rignano Garganico

RIGNANO GARGANICO. Il 13 agosto 2016 è indetta la Prima Giornata Nazionale dedicata a Grotta Paglicci e ai suoi tesori artistici ed archeologici a Rignano Garganico, il più piccolo comune della Montagna del Sole nei cui territorio è ubicato il sito paleolitico più importante d'Europa. A renderlo noto Angelo Del Vecchio, portavoce del Coordinamento Amici di Grotta Paglicci che chiama a raccolta attorno all'evento tutti gli appassionati della materia e gli Enti pubblici e le aziende private interessate a valorizzare il massimo bene preistorico italiano.

A Grotta Paglicci i paleolitici pestavano l'avena già 32.000 anni fa! Forse ci facevano del pane o delle focacce?

FIRENZE. Furono alcune popolazioni garganiche vissute in pieno Paleolitico superiore le prime a produrre e consumare regolarmente farina, ben 32.000 anni fa. Finora si riteneva che la capacità di lavorare i cereali in modo da ottenere la farina si fosse affermata molto più tardi, nel corso del Neolitico, più o meno in coincidenza con l'avvento dell'agricoltura.

Pagina 1 di 10