Antonio Del Vecchio
17/08/15

Alexia e i fuochi pirotecnici salutano la chiusura della Festa patronale, a Rignano Garganico

RIGNANO GARGANICO.  Come previsto,  il concerto pop - rock di  Alexia e della sua band , svoltosi ieri sera, a Rignano Garganico, il più piccolo e pittoresco Comune del Parco Nazionale della Montagna del Sole, è stato per davvero strepitoso e trascinante. Non per niente era l’attrattiva canoro - musicale più importante della “tre giorni” messa in piedi con sommo sacrificio dall’apposito Comitato per commemorare in pompa magna la  Festa Patronale cittadina  in onore di San Rocco e dell’Assunta.

Sin dalle prime battute lo spettacolo, iniziato con l’orecchiabile “una vota sì e una vota no…” e poi a seguire tutto il repertorio più recente e collaudato della cantautrice nazionale , è stato salutato da “olé”  e mani alzati, come se si fosse in un vero e proprio stadio, dalle migliaia di spettatori  presenti, in massima parte giovani, provenienti da ogni dove. C’è chi parla di cinque o seimila persone, ossia una popolazione triplicata, che ha riempito totalmente Piazza San Rocco, il più ampio contenitore cittadino.  A mezzanotte in punto, Alexia, si è detta soddisfatta per l’accoglienza ricevuta e  ha salutato il pubblico con accenti commossi, ammettendo di essere fortemente dispiaciuta di doversi allontanare da un paese così bello. Subito dopo la folla , percorrendo a passo spedito la strada della  “luminaria”, resa stupenda da disegni appropriati e da migliaia e migliaia di micro lampadine a colori (opera della ditta Carlone), ha ammirato con il fiato sospeso per circa mezzora i fuochi di artificio messi in atto con arte dall’Impresa Chiarappa di San Severo.  Ad annunciare la Festa e poi a seguire la processione per le principali vie della cittadina è stata la banda musicale di Foggia. Impeccabili e pregni di sentimento le varie funzioni e riti religiosi che si sono succeduti, officiati  dal parroco Don Nazareno Galullo, codiuvato dal clero e dai chierici locali. Il  tutto  è andato a buon fine, secondo il dire di Antonio Cozzetti,coordinatore ed animatore del Comitato Feste Patronali, grazie alla disponibilità – solidarietà dimostrata dal popolo rignanese e alla  vigilanza costante operata dalle forze del Ordine locali: Protezione Civile, Carabinieri e vigili urbani, accresciuti di numero dall’Ente municipale diretto dal Sindaco Vito Di Carlo.  Stasera Festa della Liberazione con Tano Neri e dibattito politico, a cura di Rifondazione Comunista, in largo Portagrande, a cominciare dalle ore 19.00 .      

Letto 974 volte Ultima modifica il Lunedì, 17 Agosto 2015 09:27
Vota questo articolo
(0 Voti)
Antonio Del Vecchio

Già funzionario della Regione Puglia in campo culturale, giornalista e pubblicista. Ha diretto vari periodici con scritti a carattere politico e socio – culturale, tra Bari, Foggia e rispettive province.

Dal 1979 ha collaborato e collabora con testate, anche digitali, quali La Gazzetta del Mezzogiorno, l’Attacco, Garganopress, Sanmarcoinlamis.eu, Rignanonews.com.

E’ autore e curatore di parecchi volumi sui beni culturali, sulla storia locale, sull’emigrazione e sulle tradizioni di Rignano, del Gargano, della Puglia e dell'Italia.