Antonio Del Vecchio
13/08/15

XIII edizione del Festival dei Monti Dauni: il 13, i “Baccanali” barocchi, a Bovino

Bovino. Il Castello Bovino. Il Castello

 BOVINO. È l’ora dei “Baccanali” barocchi a segnare tra qualche giorno il XIII Festival dei Monti Dauni.

Al riguardo segue il comunicato stampa della collega Samanta Berardino.<< Arte nell’arte, uno spettacolo musicale eccezionale in un borgo collinare dauno d’incantevole bellezza: Bovino. È qui che fa tappa il Festival dei Monti Dauni, giovedì 13 agosto, nella splendida cornice del Castello Ducale di Bovino, con i Baccanali Barocchi eseguiti dall’ensemble “Apuliae Music Festival”. Per la sua XIII edizione il Festival dei Monti Dauni, tra i festival d’eccellenza riconosciuti dalla Regione Puglia, ha adottato un contenitore culturale di immensa valenza storica e architettonica: il Castello di Bovino e, durante il pomeriggio del 13 agosto, sarà possibile godere di un vero e proprio open day, con visite guidate organizzate dalla Pro Loco e visitare gratuitamente sia il Castello Ducale che il Museo Diocesano.L’evento è in collaborazione con la Cooperativa “Sipario”, l’Arcidiocesi di Foggia-Bovino e la Pro Loco di Bovino. Il Palazzo Ducale di Bovino è stato costruito in epoca bizantina su resti di fortificazioni romane presenta la particolare torre a cavaliere. Oggi è sede del Museo Diocesano. Si erge imponente su uno sperone roccioso, da cui domina l’abitato con la sua mole possente. Voluto nel 1045 da Drogone il Normanno, venne successivamente ampliato da Federico II di Svevia, che costruì anche il Cassero, residenza del luogotenente del suo esercito. Nel 1600 fu Don Giovanni de Guevara, nobile di Spagna, che dal re Filippo di Spagna aveva ottenuto il titolo di Duca di Bovino, a trasformarlo in una splendida residenza.Al termine dell’open day, grazie alla sinergia con gli altri festival della rete “Apuliae Music Festival”, l’omonimo ensemble presenterà il concerto di musiche rinascimentali dal titolo Baccanali Barocchi, in omaggio alle composizioni goliardiche e goderecce che animavano il sontuoso periodo barocco, la cui musica era note per stupire e divertire l’ascoltatore con i cambi repentini di tempo, il virtuosismo strumentale e vocale e l’uso del contrappunto, della fuga e dell’improvvisazione. Ad eseguirle saranno il soprano Michela Della Vista, il flautista Pasquale Rinaldi e il clavicembalista Alessandro Buca. Il concerto rientra nel progetto di rete “Apuliae Music Festival” – Rete dei Festival Puglia Sounds. Prossimo appuntamento domenica 16 agosto ad Ascoli Satriano con “Italiani in Swing”.Info Open-day al Castello: 0881/962015>>.

 

Letto 662 volte
Vota questo articolo
(0 Voti)
Antonio Del Vecchio

Già funzionario della Regione Puglia in campo culturale, giornalista e pubblicista. Ha diretto vari periodici con scritti a carattere politico e socio – culturale, tra Bari, Foggia e rispettive province.

Dal 1979 ha collaborato e collabora con testate, anche digitali, quali La Gazzetta del Mezzogiorno, l’Attacco, Garganopress, Sanmarcoinlamis.eu, Rignanonews.com.

E’ autore e curatore di parecchi volumi sui beni culturali, sulla storia locale, sull’emigrazione e sulle tradizioni di Rignano, del Gargano, della Puglia e dell'Italia.