Antonio Del Vecchio
28/05/15

Venerdì 29: Serena Spedicato live racconta Tom Waits al “Santa Chiara” di Foggia

 MATTINATA- Samantha Berardino dell’Ufficio Stampa “Made in Itay” ci manda il comunicato n. 3, che pubblichiamo integralmente di seguito per ragioni di cronaca e di obiettività. <<Un mondo sonoro fatto di vicoli bui, locali fumosi, motel di periferia: questo è My Waits, il disco che la salentina Serena Spedicato ha dedicato al poeta dannato per eccellenza Tom Waits e che presenterà venerdì 29 a Foggia.

Serena Spedicato sarà nel capoluogo dauno per il terzo appuntamento della rassegna ʻMade in Italy - Jazz and Otherʼ, per fondere con naturalezza lo spirito del celebre cantautore con sfumature jazz, accompagnata sul palco da quattro musicisti di rilevanza nazionale: Gianni Iorio, impegnato al pianoforte e al suo bandoneon, il chitarrista Antonio Tosques, con il groove delle sue incursioni, Pierluigi Balducci al basso e il driving impeccabile di Pierluigi Villani alla batteria. La rassegna, diretta da Antonio Tosques, si svolge presso l’Auditorium Santa Chiara di Foggia grazie all’ospitalità di Apulia Felix, è in collaborazione con il Falso Movimento di Mauro Palma. Questa volta al jazz tocca entrare nell’underground americano, con l’album My Waits, dedicato al grande cantautore americano Tom Waits, uno dei più eclettici autori del Novecento. Una rivisitazione coraggiosa e devota che la voce cristallina e convincente della Spedicato e la caratura del suo gruppo di raffinati jazzisti hanno realizzato in un disco fresco ed elegante. Non era facile, data la voce roboante e lo spirito interpretativo unico di Waits, ma il carattere vocale della Spedicato, gli arrangiamenti di Balducci e la luminosità del bandoneon di Gianni Iorio hanno fatto il resto, rendendo personalissimo l’approccio a questo progetto. Niente cover, quindi, ma una rilettura audace e ben riuscita, un Tom Waits inedito, riarrangiato con i colori della Puglia, grazie alla voce eclettica e ricca di pathos di Serena Spedicato, dal timbro originale e affascinante. Un’occasione da non perdere per Foggia per assaporare un percorso musicale variegato molto creativo, ma raffinato ed elegante. Prevendite sul circuito Booking Show o presso La Città del Sole e biglietti disponibili anche presso il botteghino dell’Auditorium la sera stessa del concerto>>.

 

Letto 481 volte
Vota questo articolo
(0 Voti)
Antonio Del Vecchio

Già funzionario della Regione Puglia in campo culturale, giornalista e pubblicista. Ha diretto vari periodici con scritti a carattere politico e socio – culturale, tra Bari, Foggia e rispettive province.

Dal 1979 ha collaborato e collabora con testate, anche digitali, quali La Gazzetta del Mezzogiorno, l’Attacco, Garganopress, Sanmarcoinlamis.eu, Rignanonews.com.

E’ autore e curatore di parecchi volumi sui beni culturali, sulla storia locale, sull’emigrazione e sulle tradizioni di Rignano, del Gargano, della Puglia e dell'Italia.