Antonio Del Vecchio
05/01/15

Presto anche il Presepe Vivente di Rignano G. nella Rete ufficiale dei Presepi della Puglia

RIGNANO GARGANICO. Il Comitato organizzatore del Presepe Vivente di Rignano Garganico, ci ha inviato un suo “Comunicato Ufficiale” sullo svolgimento del “fuori programam”, svoltosi la sera del 3 gennaio e.s., che pubblichiamo pari pari:  

 “A Rignano Garganico nessuno è ospite, siete tutti a casa!” Ha esordito così il parroco del piccolo comune garganico, Don Nazareno, accogliendo nella Chiesa Matrice, unitamente al Sindaco Vito di Carlo e al Presidente del Presepe Luciano Draisci, la folta delegazione di giornalisti e tour operetor facenti parte della commissione giudicatrice del progetto dell’Assessorato al Turismo, Cultura e Mediterraneo della Regione Puglia, sulla Rete dei Presepi Viventi di Puglia. La Rete, nata per potenziare l’offerta turistica pugliese anche in inverno, fa parte del progetto strategico ICE, Innovazione, Cultura e Creatività per una Nuova Economia, curata dalla dirigente del Servizio Turismo, Dott.ssa Antonella Riccio, sul cui tavolo è arrivata la ricca e dettagliata relazione di circa 30 pagine, scritta dal Comitato organizzatore del Presepe, che ha fatto si che il Presepe Vivente del Balcone delle Puglie fosse inserito come meta della delegazione, composta da oltre 15 giornalisti e fotoreporter di testate nazionali ed internazionali e 2 tour operator. La dott.ssa Riccio, salutando la comunità rignanese e ringraziandola per la calorosa accoglienza ricevuta, ha espresso parole di apprezzamento per tutto il lavoro svolto dagli organizzatori, incoraggiandoli a proseguire nel cammino intrapreso, perché “Scoprire e far conoscere i Presepi Viventi Pugliesi, con le loro peculiarità storiche ed enogastronomiche, porterà non solo benefici in termini turistici, ma ci farà apprezzare e magari ritornare ad uno di stile vita più pacato e unito”. Sulla stessa linea il Sindaco Vito di Carlo, e il delegato al Turismo Giovanni Draisci, che hanno parlato delle potenzialità turistiche del nostro territorio a cui gli ha fatto eco il Presidente del Presepe Luciano Draisci, che ha ringraziato tutti gli Enti, i volontari e il direttivo, ricordando i Gemellaggi con i Presepi Viventi di Deliceto e Canosa di Puglia e si è detto onorato per la possibilità offerta al Presepe di Rignano di poter entrare nella rete dei Presepi di Puglia, e di puntare su simili manifestazioni per potenziare l’offerta turistica-culturale della nostra comunità. Il Direttivo del Presepe ha poi guidato, tra canti tradizionali,suoni di zampogne e ciaramelle, la delegazione tra le 17 botteghe che compongono l’intero percorso del Presepe vivente che si snoda tra le vie e piazze del centro storico di origini medievali, in cui le comparse hanno “messo in scena”, con dovizia di particolari, la vita contadina e gli antichi mestieri degli anni ’30. La prossima data per visitare il Presepe Vivente di Rignano Garganico è il 6 gennaio ore 16,00-20,00

 

 

RIGNANO GARGANICO. Il Comitato organizzatore del Presepe Vivente di Rignano Garganico, ci ha inviato un suo “Comunicato Ufficiale” sullo svolgimento del “fuori programam”, svoltosi la sera del 3 gennaio e.s., che pubblichiamo pari pari:   “A Rignano Garganico nessuno è ospite, siete tutti a casa!” Ha esordito così il parroco del piccolo comune garganico, Don Nazareno, accogliendo nella Chiesa Matrice, unitamente al Sindaco Vito di Carlo e al Presidente del Presepe Luciano Draisci, la folta delegazione di giornalisti e tour operetor facenti parte della commissione giudicatrice del progetto dell’Assessorato al Turismo, Cultura e Mediterraneo della Regione Puglia, sulla Rete dei Presepi Viventi di Puglia. La Rete, nata per potenziare l’offerta turistica pugliese anche in inverno, fa parte del progetto strategico ICE, Innovazione, Cultura e Creatività per una Nuova Economia, curata dalla dirigente del Servizio Turismo, Dott.ssa Antonella Riccio, sul cui tavolo è arrivata la ricca e dettagliata relazione di circa 30 pagine, scritta dal Comitato organizzatore del Presepe, che ha fatto si che il Presepe Vivente del Balcone delle Puglie fosse inserito come meta della delegazione, composta da oltre 15 giornalisti e fotoreporter di testate nazionali ed internazionali e 2 tour operator. La dott.ssa Riccio, salutando la comunità rignanese e ringraziandola per la calorosa accoglienza ricevuta, ha espresso parole di apprezzamento per tutto il lavoro svolto dagli organizzatori, incoraggiandoli a proseguire nel cammino intrapreso, perché “Scoprire e far conoscere i Presepi Viventi Pugliesi, con le loro peculiarità storiche ed enogastronomiche, porterà non solo benefici in termini turistici, ma ci farà apprezzare e magari ritornare ad uno di stile vita più pacato e unito”. Sulla stessa linea il Sindaco Vito di Carlo, e il delegato al Turismo Giovanni Draisci, che hanno parlato delle potenzialità turistiche del nostro territorio a cui gli ha fatto eco il Presidente del Presepe Luciano Draisci, che ha ringraziato tutti gli Enti, i volontari e il direttivo, ricordando i Gemellaggi con i Presepi Viventi di Deliceto e Canosa di Puglia e si è detto onorato per la possibilità offerta al Presepe di Rignano di poter entrare nella rete dei Presepi di Puglia, e di puntare su simili manifestazioni per potenziare l’offerta turistica-culturale della nostra comunità. Il Direttivo del Presepe ha poi guidato, tra canti tradizionali,suoni di zampogne e ciaramelle, la delegazione tra le 17 botteghe che compongono l’intero percorso del Presepe vivente che si snoda tra le vie e piazze del centro storico di origini medievali, in cui le comparse hanno “messo in scena”, con dovizia di particolari, la vita contadina e gli antichi mestieri degli anni ’30. La prossima data per visitare il Presepe Vivente di Rignano Garganico è il 6 gennaio ore 16,00-20,00

 

Letto 507 volte Ultima modifica il Lunedì, 05 Gennaio 2015 14:29
Vota questo articolo
(2 Voti)
Antonio Del Vecchio

Già funzionario della Regione Puglia in campo culturale, giornalista e pubblicista. Ha diretto vari periodici con scritti a carattere politico e socio – culturale, tra Bari, Foggia e rispettive province.

Dal 1979 ha collaborato e collabora con testate, anche digitali, quali La Gazzetta del Mezzogiorno, l’Attacco, Garganopress, Sanmarcoinlamis.eu, Rignanonews.com.

E’ autore e curatore di parecchi volumi sui beni culturali, sulla storia locale, sull’emigrazione e sulle tradizioni di Rignano, del Gargano, della Puglia e dell'Italia.