Antonio Del Vecchio
04/11/14

Addio a Leonardo Galullo, Rignano non dimenticherà mai la sua semplicità e bontà di cuore!

Rignano Garganico. Leonardo Gallullo se ne andato via in punta di piedi nel pomeriggio di ieri all’età di 73 anni.

Tutto è accaduto all’improvviso in quel di San Severo, dove abitava con la moglie Rosetta Del Vecchio, originaria di Rignano Garganico. Qui era conosciuto e stimato da tutti  per via del suo carattere espansivo e gioviale. Da alcuni anni  veniva più spesso, anzi con cadenza settimanale non solo per stare accanto al figlio Don Nazareno, dinamico e unico  parroco del paese, ma soprattutto per intrattenersi con i parenti acquisiti e gli amici. Era stato pure ad Ognissanti. Aveva il viso disteso e il sorriso sornione sulle labbra. Nulla faceva presagire la sua fine vicina. Ed è per questo che la sua scomparsa è stata salutata con profondo rammarico da tutti. Il cordoglio per la sua morte è stato unanime, come pure la vicinanza alle persone a lui care è stata unanimemente condivisa da ogni fascia d’età. Non per niente nel pomeriggio di oggi ben due pulman stracolmi di gente sono partiti alla volta della città di residenza e di nascita del compianto, per assistere ai funerali, officiati da una nutrita assemblea di sacerdoti presieduta da mons. Renna, vescovo della città. La redazione di questa testata partecipa con vivo sentimento al cordoglio generale, dichiarando la più avvertita vicinanza affettiva alla signora Rosetta, al figlio Don Nazareno e al resto della famiglia d’origine.    

Letto 996 volte Ultima modifica il Domenica, 16 Novembre 2014 08:43
Vota questo articolo
(0 Voti)
Antonio Del Vecchio

Già funzionario della Regione Puglia in campo culturale, giornalista e pubblicista. Ha diretto vari periodici con scritti a carattere politico e socio – culturale, tra Bari, Foggia e rispettive province.

Dal 1979 ha collaborato e collabora con testate, anche digitali, quali La Gazzetta del Mezzogiorno, l’Attacco, Garganopress, Sanmarcoinlamis.eu, Rignanonews.com.

E’ autore e curatore di parecchi volumi sui beni culturali, sulla storia locale, sull’emigrazione e sulle tradizioni di Rignano, del Gargano, della Puglia e dell'Italia.