Antonio Del Vecchio
18/10/14

Approvato lo Statuto e completato l’organigramma del sodalizio “Centro Studi Apricena”

APRICENA. Formalizzata la nascita dell’associazione”Centro Studi…”, ad Apricena. Il tutto si è concretizzato , mercoledì 15 ottobre, a seguito dell’assemblea dei soci, svoltasi presso la sede del sodalizio, ospitata nello stabile di piazza Federico II n.7.

In tale occasione si è provveduto, infatti, all’approvazione - sottoscrizione dello Statuto e alla contestuale nomina del Consiglio Direttivo, composto da sette componenti. Tanto segue alla designazione del Presidente nella persona del Col. Sebastiano Muti, avvenuta in prima istanza con il voto unanime dei soci. Quest’ultimo resterà  in carica per un biennio.  Di seguito riportiamo integralmente il testo del comunicato stampa pervenuto in redazione. “…Nell’associazione sono confluiti molti aderenti del Comitato “Pro Altavilla Vicentina”, motivo per cui, essa  continuerà  ad adoperarsi, mettendo in campo iniziative concrete, per continuare a cementare gli ottimi rapporti di amicizia con la città gemellata Altavilla Vicentina (importante è stata la settimana della Cultura Medievale, durante la quale tre amministratori della città del vicentino sono stati graditi ospiti), che, come è già noto,  ci  lega per la figura storica di “Johannes de Precina”, scoperta dall’apricenese  dott. Felice Clima a Padova, il 26 Gennaio 1995. Sarà compito del Centro Studi  allargare la conoscenza al pubblico di questo nostro lontano concittadino con convegni e manifestazioni storiche, evidenziando le sue doti di “Capitaneus” imperiale, inviato dall’Imperatore Federico II  a comandare la rocca di Altavilla. Le finalità dell’associazione sono ambiziose e promuoverà studi, ricerche, dibattiti, convegni ed iniziative di promozione turistica della nostra città e del territorio di riferimento (la prima iniziativa già presa  è  l’appello fatto agli amministratori locali, perché si adoperino per portare Apricena all’EXPO’ di Milano), anche in collaborazione con altre associazioni, enti o istituzioni, volti alla conoscenza, promozione del suo patrimonio storico-culturale, turistico e identitario. Stimolerà , inoltre, e ricercherà la collaborazione delle istituzioni locali, territoriali e nazionali per il perseguimento delle finalità statutarie. L’ associazione  apre le sue “porte” a coloro che vogliono lavorare per promuovere la città e che, associandosi, intendano dare il loro contributo di idee  e di progetti  per  valorizzare le sue eccellenze, che non sono poche, stimolandole a ricercare il giusto e meritato riconoscimento”

 

Letto 788 volte
Vota questo articolo
(0 Voti)
Antonio Del Vecchio

Già funzionario della Regione Puglia in campo culturale, giornalista e pubblicista. Ha diretto vari periodici con scritti a carattere politico e socio – culturale, tra Bari, Foggia e rispettive province.

Dal 1979 ha collaborato e collabora con testate, anche digitali, quali La Gazzetta del Mezzogiorno, l’Attacco, Garganopress, Sanmarcoinlamis.eu, Rignanonews.com.

E’ autore e curatore di parecchi volumi sui beni culturali, sulla storia locale, sull’emigrazione e sulle tradizioni di Rignano, del Gargano, della Puglia e dell'Italia.