Antonio Del Vecchio
26/06/18

Sulle truffe agli anziani, incontro-dibattito dell’Arma presso la Chiesa S.Rocco, a Rignano G.

Da sx: il capitano De Gabriele, il sindaco Di Fiore, il M.llo Ena e il Brigadiere D'Amore Da sx: il capitano De Gabriele, il sindaco Di Fiore, il M.llo Ena e il Brigadiere D'Amore

RIGNANO GARGANICO. Sulle truffe agli anziani continua l’opera di sensibilizzazione dei Carabinieri, anche a Rignano Garganico.

E non può essere diversamente, essendo questi ultimi i  più vicini al mondo dei deboli e  degli indifesi. Lo si fa con iniziative appropriate, fatte di consigli e di stratagemmi per non essere imbrogliati. Un incontro-dibattito sul tema si è tenuto  questa sera presso la chiesa di San Rocco, gremita come non mai di parrocchiani e cittadini in genere, molti dei quali attratti  dalle funzioni religiose, come la Santa Messa e il Rosario, che si tengono quasi quotidianamente, trovandosi la struttura in uno dei rioni più popolati del paese.  A tenere banco, come lo scorso anno, è stato il capitano Gennaro De Gabriele, comandante della Compagnia di San Giovanni Rotondo, accompagnato per l’occasione dal maresciallo Massimiliano Ena, a giorni prossimo comandante della locale stazione, di cui si scriverà a parte e dal brigadiere Antonio D’Amore. Presenti anche le autorità civili e religiose, rispettivamente rappresentate dal sindaco Luigi Di Fiore con la sua nutrita delegazione (il vice Emanuele Di Fiore ed altri consiglieri comunali) e dal parroco Don Santino Di Biase. Nel suo succoso discorso, il capitano, ha toccato i vari aspetti e i diversi tipi di truffa, sostenendo il suo dire con esempi concreti e  suggerendo nel contempo i vari rimedi e contrasti da mettere in atto. Per esempio, non aprire mai la porta agli sconosciuti, né prendere per vero tutto ciò che si ascolta per telefono o si riceve per posta. Mai far vedere a gente estranea oggetti preziosi, né far presupporre il luogo dove si tiene nascosto il denaro contante occorrente per la vita quotidiano o il proprio bancomat. Mai somme grosse o nel caso prelevare solo al momento opportuno il denaro all’Ufficio postale. Particolare attenzione bisogna avere verso qualsiasi comunicazione ad personam, compresa quella per posta elettronica o face book. Quando si ha occasione di leggere proposte allettanti, cancellare subito, perché l’apertura del messaggio potrebbe originare “fregature”.  Quindi, è seguito il dibattito  con domande piuttosto significative, a cui il comandante De Gabriele ha risposto puntualmente con discreta affabulazione, facendosi intendere anche dal più sprovveduto dei presenti. Al termine, il tutto è stato salutato da scroscianti applausi, a dimostrazione ancora una volta quanto  l’Arma non solo è indispensabile, ma anche benvoluta dalla collettività.  

Letto 461 volte Ultima modifica il Martedì, 26 Giugno 2018 20:59
Vota questo articolo
(0 Voti)
Antonio Del Vecchio

Già funzionario della Regione Puglia in campo culturale, giornalista e pubblicista. Ha diretto vari periodici con scritti a carattere politico e socio – culturale, tra Bari, Foggia e rispettive province.

Dal 1979 ha collaborato e collabora con testate, anche digitali, quali La Gazzetta del Mezzogiorno, l’Attacco, Garganopress, Sanmarcoinlamis.eu, Rignanonews.com.

E’ autore e curatore di parecchi volumi sui beni culturali, sulla storia locale, sull’emigrazione e sulle tradizioni di Rignano, del Gargano, della Puglia e dell'Italia.