Antonio Del Vecchio
05/04/18

BCsicilia: si presenta il v. "I popoli del Grande Verde" di S.Tusa, ad Agricento

AGRICENTO. Nell’ambito dell’iniziativa “30 Libri in 30 Giorni” si presenta venerdì 6 Aprile 2018 alle ore 10,00, presso la Sala Conferenza del Parco della Valle dei Templi di Agrigento,

il volume di Sebastiano TusaI popoli del Grande Verde”. La manifestazione è promossa da BCsicilia, l’Associazione che si occupa di salvaguardia e valorizzazione dei beni culturali e ambientali, in collaborazione con il Parco della Valle dei Templi di Agrigento. Dopo l’introduzione di Giuseppe Parello, Direttore del Parco della Valle dei Templi e di Alfonso Lo Cascio, Presidente regionale di BCsicilia, sono previsti gli interventi di  Alessandra De Caro, Dirigente della Soprintendenza del Mare e di Nuccia Gullì, Archeologa della Soprintendenza BB.CC. di Agrigento. All’incontro sarà presente l’autore.Per informazioni: Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. – Tel. 346.8241076 - Fb: BCsicilia – Tw: BCsicilia.Con questo libro Sebastiano Tusa fornisce la propria versione di uno dei più grandi enigmi della storia del Mediterraneo. Chi erano realmente coloro che comunemente vengono definiti i «Popoli del Mare»? Le loro vicende attraversano un momento cruciale della storia del Mediterraneo, dal XIII al X secolo a.C., quando una compagine di gruppi etnici menzionati in testi egizi si posero in conflitto con il Regno dei Faraoni. A questi popoli, nel corso del tempo, è stata rivolta una modesta attenzione nell’ambito della ricerca storiografia. La complessità e la vastità dell’area di riferimento in cui agirono questi antichi popoli non consentono in questo momento una risposta univoca. Non è nemmeno facile da definire il processo di formazione di un gruppo etnico anche per le difficoltà oggettive di dare una precisa collocazione geografica agli etnonimi. Essi emersero sul finire della Tarda Età del Bronzo come diaspora migratoria seguita alla lacerante crisi socio-economica e politica del sistema palaziale delle cittadelle micenee e delle loro propaggini costiere anatoliche occidentali, aggravata anche da eventi naturali catastrofici.  Questo dinamismo ha comunque garantito al Mare Nostrum una vivacità culturale ininterrotta: un mosaico di popoli, di mestieri e di attività differenti in un momento storico preciso che è ancora poco studiato e poco conosciuto.

N.B. Comunicato stampa di BCsicilia

Letto 181 volte
Vota questo articolo
(0 Voti)
Antonio Del Vecchio

Già funzionario della Regione Puglia in campo culturale, giornalista e pubblicista. Ha diretto vari periodici con scritti a carattere politico e socio – culturale, tra Bari, Foggia e rispettive province.

Dal 1979 ha collaborato e collabora con testate, anche digitali, quali La Gazzetta del Mezzogiorno, l’Attacco, Garganopress, Sanmarcoinlamis.eu, Rignanonews.com.

E’ autore e curatore di parecchi volumi sui beni culturali, sulla storia locale, sull’emigrazione e sulle tradizioni di Rignano, del Gargano, della Puglia e dell'Italia.