Antonio Del Vecchio
02/04/18

Madonna di Cristo: domani festa grande presso l’omonimo Santuario ai piedi di Rignano Garganico

RIGNANO GARGANICO. Domani, Martedì in Albis, si rinnova la festa della Madonna di Cristo, a Rignano Garganico. Il tutto avrà luogo nell’omonimo Santuario, ubicato alle falde della montagna, a circa sei chilometri dal paese.

Il primo documento della sua esistenza quale bene asburgico del monastero benedettivo di  San Giovanni in Lamis (attuale convento-santuario di San Matteo) risale al 1176.  Si comincerà alle ore 8,30 con la S.Messa nella Chiesa Matrice dell’Assunta. Quindi, con inizio alle ore 9,30, partirà la Processione della venerata ed antica Statua della Vergine, di recente restaurata dall’apposito laboratorio di Andria, verso il Santuario suddetto, accompagnata dal complesso bandistico “Foggia in Banda”. Qui, alle ore 11,30 in punto avrà luogo la solenne Concelebrazione Eucaristica, presieduta da S.E. Mons. Giovanni Checchinato, vescovo di San Severo. Come si ricorderà fu lo stesso prelato a provvedere la settima scorsa nella Chiesa Madre alla benedizione ed intronizzazione della statua. E questo per via della pioggia e del vento, che ne ha impedito la prevista funzione all’aperto. Ritornando al discorso di cronaca, va precisato che dopo la S.Messa e la pronuncia dell’omelia del giorno, sarà impartita la tradizionale benedizione dei campi e degli animali, ritenendosi la Madonna protettrice e patrona della realtà agri-zootecnica del posto . Ed è per questo assai venerata sin dai tempi antichi e si veniva qui per implorare la pioggia. Seguirà, poi, lo spettacolo pirotecnico, offerto dalla popolazione, a cura della “Nuova Arte Pirica” di Giuseppe Parente da Torremaggiore; alle 19.00 saranno officiati nel tempio i Vespri dell’Ottava di Pasqua, per riportare poi, con partenza alle ore 19,30, in processione a Rignano il simulacro. A coordinare l'intera iniziativa che, vedrà la presenza delle autorità militari e civili, capitanate dal sindaco Luigi Di Fiore, sarà il giovane ed attivo parroco, Don Santino Di Biase, accompagnato dal non meno attivo ed impegnato consiglio e gruppo parrocchiale, già ringraziato anticipatamente per la fornita collaborazione.  Per l’occasione è previsto l’arrivo di centinaia e centinaia di rignanesi e forestieri provenienti da ogni dove. E’ risaputo, infatti, che la Madonna di Cristo per la comunità locale o oriunda è non solo un simbolo di fede religioso, ma anche di legame stretto alle proprie radici e tradizioni.

 

N.B. Essendo il Santuario non dissimile dalla Chiesa antica della Madonna delle Grazie in San Giovanni Rotondo, alcuni anni or sono è stato girato uno dei primi film su Padre Pio (vedi foto).   

 

Letto 509 volte Ultima modifica il Martedì, 03 Aprile 2018 09:29
Vota questo articolo
(0 Voti)
Antonio Del Vecchio

Già funzionario della Regione Puglia in campo culturale, giornalista e pubblicista. Ha diretto vari periodici con scritti a carattere politico e socio – culturale, tra Bari, Foggia e rispettive province.

Dal 1979 ha collaborato e collabora con testate, anche digitali, quali La Gazzetta del Mezzogiorno, l’Attacco, Garganopress, Sanmarcoinlamis.eu, Rignanonews.com.

E’ autore e curatore di parecchi volumi sui beni culturali, sulla storia locale, sull’emigrazione e sulle tradizioni di Rignano, del Gargano, della Puglia e dell'Italia.