Antonio Del Vecchio
30/03/18

Università del Crocese- Comune di Foggia: seminario di conoscenza su Rignano Garganico

RIGNANO GARGANICO. L’università del Crocese (scuola di tradizioni) dedica  un intero programma di attività a Rignano Garganico, il Comune più piccolo ed amato del Parco Nazionale Gargano, come amava definirlo il fondatore di esso, per antonomasia, Matteo Fusilli

Lo fa perché costituisce, in virtù della sua unicità ed antichità, una sorta di microcosmo delle specificità della Capitanata, a cominciare dalla transumanza e dal commercio della Dogana, che aveva in Villanova una delle capo poste più attive, con la vendita delle carni mortacine e della conseguente lavorazione e trasformazione in “Musciska” . Carne, quest’ultima, marinata ed essiccata al sole, per motivi di conservazione e di vitto per i pastori, durante il viaggio delle mandrie da e per l’Abruzzo-Molise. Usanza ancora attiva, che ha dato vita all’omonima sagra, che arricchisce il programma annuale di Rignanestate. C’è ancora di più. In comune con il Capoluogo, oltre al confine, c’è un periodo di inter- scambio umano e di merci piuttosto lungo e laborioso nella storia di queste realtà. Per esempio, il territorio rignanese era, e forse in parte lo è ancora, ambita meta per i terrazzani foggiani, intenti a fare uccellagione nel periodo degli stormi, a spigolare il grano, a far verdura e lumache sui poderosi argini del torrente Candelaro, ecc. In cambio i terrazzani barattavano o vendevano ai contadini le merci della città, composti da alimenti o da attrezzi artigianali. Da qui la contaminazione linguistica, le cui parlate sono piuttosto simili, come lessico e fonetica. Comunque sia, ecco il programma del seminario in parola, messo su  in collaborazione con l’assessorato al ramo del Comune di Foggia.   VENERDI’ 6 APRILE – Storia e cultura di Rignano; relazione: Insegnanti dell’Università del Crocese; VENERDI’ 13 APRILE – Carbonaie a Rignano; relatori: Matteo Orlando, emerito docente di materie letterarie  e Silvio Orlando, speleologo e valente artista - fotografo; VENERDI’ 20 APRILE – Costruzioni con pietre a secco nel territorio rignanese; relatori: Matteo e Silvio Orlando; VENERDI’ 27 APRILE – Poesie dialettali e non -  del poeta - cantante rignanese Mario Iannacci; VENERDI’ 4 MAGGIO – Grotte di Rignano Garganico – Relatore: Silvio Orlando; VENERDI’ 11 MAGGIO – Prospettive culturali di Rignano – Relatore: Antonio Del Vecchio, giornalista e scrittore.

 

 

 

 

Letto 410 volte Ultima modifica il Venerdì, 30 Marzo 2018 11:05
Vota questo articolo
(0 Voti)
Antonio Del Vecchio

Già funzionario della Regione Puglia in campo culturale, giornalista e pubblicista. Ha diretto vari periodici con scritti a carattere politico e socio – culturale, tra Bari, Foggia e rispettive province.

Dal 1979 ha collaborato e collabora con testate, anche digitali, quali La Gazzetta del Mezzogiorno, l’Attacco, Garganopress, Sanmarcoinlamis.eu, Rignanonews.com.

E’ autore e curatore di parecchi volumi sui beni culturali, sulla storia locale, sull’emigrazione e sulle tradizioni di Rignano, del Gargano, della Puglia e dell'Italia.