Antonio Del Vecchio
10/11/17

Poeti del Gargano: presto un nuovo volume di liriche dedicate alla Montagna del Sole

Il primo volume Il primo volume

RIGNANO GARGANICO. Cresce la voglia di poetare in ogni angolo del Promontorio. E questo, dopo la fortunatarivoluzione di tagliare completamente con le passate esperienze, portata avanti da qualche anno dai nuovi Poeti del Gargano.

Il tutto suggellato, a quanto si è constatato nel corso di questi mesi dal successo conseguito in ogni dove dal loro quasi omonimo volume  Poeti del Gargano / nei dialetti dei paesi / le poesie . Ora, eccoti quasi pronta la seconda edizione del medesimo, riveduta, corretta e soprattutto ampliata con l’ingresso di altre decine e decine di colleghi e di composizioni. Sarà concluso e pubblicato nella prossima primavera. Sui nuovi arrivati è presto riferire la loro identità, in quanto il loro numero cresce e varia di giorno in giorno. L’unica certezza è il titolo che rispetto a quello precedente ha subito una leggera variazione. Si chiamerà, infatti: Poeti del Gargano / nei dialetti dei paesi / le poesie alla Montagna del sole. Denominazione, quest’ultima, come noto,  datagli dal grande sociologo (sociologia della religione, della politica e della comunicazione di massa) Sabino Acquaviva (Padova 1927 – 2015; docente in campo, prima  all’Università di Trento e poi a Padova – Facoltà di Scienze Politiche, di cui divenne Preside; giornalista, condusse delle rubriche in TV, Corriere della Sera, scrittore di innumerevoli volumi,ecc.) ed immortalata nel suo libro, di cui è coautore assieme a Gottfried Eiserman, La montagna del sole. Il Gargano, RAI-ERI, 1982. Negli anni ’70-’80 animò il dibattito su questo tema.  Alla stesura del volume in questione ci sta dando anima e corpo lo stesso gruppo degli autori, coordinato da Franco Ferrara, animatore super di questa e di quasi tutte le iniziative ispirate al tema. Anche in questo caso,lavoreranno sodo assieme ai nuovi arrivati, per ‘mettere in riga’ la nuova raccolta, oltre al citato Ferrara (Apricena): Rocco Martella (Ischitella); Nino Visicchio (Ischitella); Maria Teresa De Nittis (Isole Tremiti); Pietro Salcuni (Monte Sant’Angelo); Mario Iannacci (Rignano Garganico); Michele Totta (San Giovanni Rotondo); Onofrio Grifa (San Giovanni Rotondo); Antonio Guida (San Marco in Lamis); Anna Piano (San Marco in Lamis); Maria Rosaria Vera (Vico del Gargano); Michela Di Perna (Vico del Gargano); Nicola Angelicchio (Vico del Gargano);  Angela Ascoli (Vieste); Isabella Cappabianca (Vieste);  Nicola Principale (Vieste). 

 

 

Letto 687 volte
Vota questo articolo
(0 Voti)
Antonio Del Vecchio

Già funzionario della Regione Puglia in campo culturale, giornalista e pubblicista. Ha diretto vari periodici con scritti a carattere politico e socio – culturale, tra Bari, Foggia e rispettive province.

Dal 1979 ha collaborato e collabora con testate, anche digitali, quali La Gazzetta del Mezzogiorno, l’Attacco, Garganopress, Sanmarcoinlamis.eu, Rignanonews.com.

E’ autore e curatore di parecchi volumi sui beni culturali, sulla storia locale, sull’emigrazione e sulle tradizioni di Rignano, del Gargano, della Puglia e dell'Italia.