Antonio Del Vecchio
06/09/17

È bello guardare il creato con ‘Gli occhi dell’Amore ‘di Alexis, poeta in San Marco in Lamis

Occhi di donna arsi dall'Amore Occhi di donna arsi dall'Amore

SAN MARCO IN LAMIS. Nelle poesie di Alexis ci si rivede un po’ se stessi, quello che si è e quello che si è stati. E’ il caso anche della bellissima ed espressiva lirica ‘Gli occhi dell’Amore’ pubblicata l’altro giorno.

È l’universalità del sentimento, che assieme all’originalità della forma, costituiscono i due elementi essenziale per giudicare con gli occhi della ragione un dato componimento.  Chi è innamorato vede intorno a sé la perfezione e il sorriso. Al contrario quando l’amore finisce e il cuore si isterilisce, tutto diventa buio, brutto, insignificante e più spesso subentra la noia che non ti abbandona più fino a quando la pagina della tua storia non si gira e subentra quella di un altro amore. Tutto questo accade nell’adolescenza, dove il sentimento, fatto di semplici sguardi intensi e complici, dura lo spazio di un mattino, nella gioventù allorché s’incontra l’amore ‘vero’, quello che ti fa vedere dell’amato anche il minimo difetto, ma ti  piace lo stesso e lo vuoi per davvero in ‘toto’. Nella maturità, allorché il sentimento sembra affievolirsi, in virtù dei tanti problemi che abbiamo di fronte: il lavoro,  la famiglia, i figli,ecc. Allora lo vediamo come bene-rifugio e di consolazione per quel tipo di vicissitudini e di  ambasce.  Nella vecchiaia, allorché sembra tutto finito, per la diminuzione della libido, che scompare del tutto quando non si ama. È allora che l’amore diventa una piacevole e spirituale nostalgia, i cui ricordi ti tengono compagnia nei momenti più tristi, facendoti  scordare un po’ l’età che avanza e la perdita della speranza. Tale sensazione, specie se si tratta di primo Amore, donna o uomo che sia, non ti lascia mai, né scema in presenza di un altro partner o di figli e nipoti, ai quali si è legati da molto affetto. Ti ricompare quando meno te l’aspetti ed è difficile da rimuovere il ricordo, anche quando si è lontano dalla persona amata centinaia e centinaia di chilometri o ti assale il moralismo e il rimorso di fare qualcosa di male o di sconcio contro l’onorabilità del partner. A questo punto calza bene il detto che il primo amore non si scorda mai, né si può sopprimere con qualsivoglia espediente.  Esso è frutto di libera scelta e per nulla affatto di convenzione. Nel decennio ’68-’78, qualcuno inneggiava all’amore liberoin sensodi tempo e di coppia. Anzi ci si poteva addirittura innamorare di una prostituta (la letteratura la dice lunga su questo tema). In tal caso si proverebbe  uguale sentimento come per una verginella al primo pelo. Di solito la terza età la trascorre bene chi ha amato di più nella gioventù, a prescindere dai legami convenzionali. In  Alexis persona, sembra che spira quest’aria di dissolvenza. Non resta che augurargli che la gioventù che ha e dimostra di avere  nel cuore lo possa riscaldare al più presto con la nascita di un nuovo e più duraturo amore, da qui all’eternità! E’ inutile rimettere il testo  della poesia, perché  la si può rileggere benissimo, avvalendosi del Web e cliccando sul titolo “Gli occhi dell’Amore” di Alexis, accompagnato dal nome della testata giornalistica “sanmarcoinlamis.org”.

Letto 139 volte Ultima modifica il Mercoledì, 06 Settembre 2017 07:30
Vota questo articolo
(0 Voti)
Antonio Del Vecchio

Già funzionario della Regione Puglia in campo culturale, giornalista e pubblicista. Ha diretto vari periodici con scritti a carattere politico e socio – culturale, tra Bari, Foggia e rispettive province.

Dal 1979 ha collaborato e collabora con testate, anche digitali, quali La Gazzetta del Mezzogiorno, l’Attacco, Garganopress, Sanmarcoinlamis.eu, Rignanonews.com.

E’ autore e curatore di parecchi volumi sui beni culturali, sulla storia locale, sull’emigrazione e sulle tradizioni di Rignano, del Gargano, della Puglia e dell'Italia.