Antonio Del Vecchio
12/08/17

Cinquantenni in festa, a Rignano Garganico

RIGNANO GARGANICO. Oggi, 12 agosto 2017, festa grande per i cinquantenni nati a Rignano Garganico. Tra l’uno e l’altro sesso ne sono 44 in tutto.

Di questi  mancano quattro all’appello, per motivi vari,  compresi gli improrogabili impegni di lavoro e di famiglia e per di più fuori sede. A promuovere il tutto ci ha pensato Claudio Gaggiano, barista di lungo corso e punto di riferimento insostituibile per i suoi coetanei per via del suo esercizio, ubicato alle porte del centro storico, ossia in Largo Portagrande. Ed era in contiguità proprio a questo fabbricato che un tempo c’era, appunto, l’antica porta carrabile a cui si accedeva al paese. La stessa  è stata abbattuta nel 1869, non si sa per ordine di chi e perché. Peccato, perché oggi avrebbe costituito un’attrattiva in più per un paese, come Rignano, destinato al decollo turistico, per via del panorama ‘mozzafiato’ , del suo centro storico di origine medievale e soprattutto per  il Museo (prossimo ad aprire i battenti). L’anzidetto impegno propositivo ed organizzativo è stato attivamente sostenuto da Angelo Michele Gaggiano, Pasquale Bergantino, Angela Novelli, Pina Carbone ed altri. Tre i momenti salienti della giornata. Si è iniziato alle ore11.00 con l’ascolto della S.Messa di Ringraziamento e la relativa omelia celebrata  nella rinascimentale Chiesa Matrice dell’Assunta. Ad officiarla con avvertito sentimento  è stato  il parroco Don Santino Di Biase, di 13 primavere  in meno rispetto ai festeggiati. Ad officiarla con avvertito sentimento  è stato  il parroco Don Santino Di Biase, di 13 primavere  in meno rispetto ai festeggiati. Quindi, l’allegra comitiva, riconoscibile per via della coccarda tricolore con la scritta ‘50’ bene in vista ed appuntata sul petto, dopo aver sfilato per Corso Giannone , ha raggiunto il bar del ‘boss’, ossia del succitato Gaggiano. E qui tutti per un bel po’ di tempo, si sono intrattenuti chiacchierando ed assaporando con gusto l’aperitivo imbandito  sui tavoli disposti nell’antistante Largo Palazzo.  Il tutto è proseguito presso il Salone del Ristorante ‘Malucri’ di Borgo Celano (San Marco in Lamis) con pranzo, balli, fiumi di spumanti; insomma,  senza farsi mancare mai niente, compresa la torta (vedi foto di gruppo).

 

 

 

Letto 520 volte Ultima modifica il Sabato, 12 Agosto 2017 18:55
Vota questo articolo
(0 Voti)
Antonio Del Vecchio

Già funzionario della Regione Puglia in campo culturale, giornalista e pubblicista. Ha diretto vari periodici con scritti a carattere politico e socio – culturale, tra Bari, Foggia e rispettive province.

Dal 1979 ha collaborato e collabora con testate, anche digitali, quali La Gazzetta del Mezzogiorno, l’Attacco, Garganopress, Sanmarcoinlamis.eu, Rignanonews.com.

E’ autore e curatore di parecchi volumi sui beni culturali, sulla storia locale, sull’emigrazione e sulle tradizioni di Rignano, del Gargano, della Puglia e dell'Italia.