Antonio Del Vecchio
31/07/17

E’ il grande giorno per i ‘Poeti del Gargano’ anche a Rignano Garganico

Salvatore Villani e Mario Iannacci Salvatore Villani e Mario Iannacci

RIGNANO GARGANICO. Ora ci siamo. Come annunciato più volte, Venerdì 4 Agosto, alle ore 18,30, I Poeti del Gargano faranno tappa anche a Rignano Garganico (il giorno dopo si andrà Carpino). Lo faranno, dopo i successi conseguiti in diversi centri del Promontorio, per presentare il v. “I Poeti del Gargano nei dialetti dei paesi. Le Poesie”.

Il tutto vedrà lo svolgimento nel ben arieggiato Cortile della Palestra Comunale. Luogo, quest’ultimo, che ben s’addice allo scopo per via della sua centralità e contiguità con il Palazzo Baronale, cuore del centro storico medievale,  ed annessa ed omonima Torre circolare di origine bizantina. Ecco il programma completo. Si comincerà subito con il saluto delle autorità, a partire dal sindaco Luigi Di Fiore, supportato dal consigliere delegato al ramo. Presenteranno, quindi, l’evento: Franco Ferrara (poeta di Apricena e curatore del volume), Leonarda Crisetti (scrittrice e critica  di Cagnano Varano), Geppe Inserra (giornalista di Foggia), Angelo Capozzi (ricercatore di Foggia) e Antonio del Vecchio (giornalista di Rignano Garganico). Nel corso delle relazioni si alterneranno ai microfoni per declamare alcune poesie gli stessi  poeti ed autori del libro. In primis, Giuseppe Lombardi, in veste di padrone di casa e poi man mano tutti gli altri, che sono:  il citato Ferrara e Raffaele Pennelli (Apricena); Giuseppe Trombetta (Carpino); Rocco Martella e Nino Visicchio (Ischitella); Pietro Salcuni (Monte Sant’Angelo); Onofrio Grifa e Michele Totta (San Giovanni Rotondo); Antonio Guida (San Marco in Lamis); Maria Rosaria Vera, Michela Di Perna e Nicola Angelicchio (Vico del Gargano); Isabella Cappabianca e Angela Ascoli (Vieste). Ci saranno pure a dire la loro i nuovi acquisiti del Gruppo: Rosa Di Maggio, docente di lettere di lungo corso e critica,  e i poeti, Ludovico Ragno, Nicola Principale e Mario Iannacci. Quest’ultimo, assieme a Salvatore Villani, noto etnologo di fama nazionale ed oltre (entrambi del luogo) accompagneranno con voci e strumenti musicali le varie ‘recite’ ed  intratterranno il pubblico con altre originali performance. Tra l’altro, canteranno una canzone dialettale (con testo di Angela Stilla, emerita docente e poetessa ‘en passant’ ) dedicata al paese con adattamento musicale di Michele Giuliani (Mikalet) di San Marco in Lamis. L’indomani, 5 agosto, il gruppo, con accennato, sbarcherà a Carpino e successivamente negli altri paesi, ancora scoperti e contenuti nel programma originario: Monte S.Angelo, San Nicandro Garganico,Rodi, Peschici, Manfredonia e Mattinata, Ischitella ed Apricena.

 

Letto 269 volte Ultima modifica il Lunedì, 31 Luglio 2017 16:48
Vota questo articolo
(0 Voti)
Antonio Del Vecchio

Già funzionario della Regione Puglia in campo culturale, giornalista e pubblicista. Ha diretto vari periodici con scritti a carattere politico e socio – culturale, tra Bari, Foggia e rispettive province.

Dal 1979 ha collaborato e collabora con testate, anche digitali, quali La Gazzetta del Mezzogiorno, l’Attacco, Garganopress, Sanmarcoinlamis.eu, Rignanonews.com.

E’ autore e curatore di parecchi volumi sui beni culturali, sulla storia locale, sull’emigrazione e sulle tradizioni di Rignano, del Gargano, della Puglia e dell'Italia.