Antonio Del Vecchio
19/07/17

Il 4 agosto, 6^tappa a Rignano Garganico per gli autori del v. Poeti del Gargano

RIGNANO GARGANICO. Dove c’è poesia, c’è il vero e il sentimento, specie quando essa viene espressa in lingua materna, ossia il dialetto.

Dopo Cagnano, San Marco in Lamis, San Giovanni Rotondo, Vico e Vieste anche per la VI  tappa del tour  di presentazione del v. Poeti del Gargano…, in programma, venerdì, 4 agosto a Rignano Garganico,si prospetta un  grande successo di pubblico e di critica. E ciò in considerazione che si è di fronte ad una cittadina interna meritevole di essere visitata. Lo è per una serie di ragioni. In primis, per via della vista panoramica mozzafiato, per l’incontaminato Centro storico di origine medievale, per via della aria pura che si respira, per la variegata ed originale gastronomia con i suoi frequentati centri agrituristici. Tra l’altro: gli agriturismi Fiore, Tancredi, Terra del Sole, Tenuta Corigliano, Pescorosso, Iancuglia e en passant, la stessa masseria Paglicci. Ma soprattutto per   la presenza del Museo Paleolitico di Grotta Paglicci, uno dei più noti completi siti del mondo sul piano scientifico e cronologico. C’è poi la Dolina ‘Centopozzi’, antico deposito di acqua sorgiva e l’annesso bosco Iancuglia – Centopozzi.  L’incontro, con inizio alle ore 18,30, avrà luogo nell’ampio ed accogliente atrio della Palestra Comunale, al margine del centro storico, e in caso di maltempo presso l’attrezzata Sala dell’ex-chiesa del Purgatorio, cuore del borgo antico.   Ad accogliere la comitiva dei poeti, con le rispettive famiglie provenienti dai diversi paesi del Promontorio, ci saranno, oltre agli organizzatori,  il sindaco Luigi Di Fiore e l’assessore al ramo.  A dire la loro  sulle liriche in parola ci saranno, invece, Leonarda Crisetti, critica letteraria e i giornalisti Geppe Inserra, Angelo Capozzi e Antonio Del Vecchio. Declameranno le rispettive composizioni i  poeti e gli  autori della singolare antologia. Tra essi ci sarà pure  Giuseppe Lombardi del posto, in veste di coautore del volume assieme agli altri che sono: Franco Ferrara e Raffaele Pennelli (Apricena); Giuseppe Trombetta (Carpino); Rocco Martella e Nino Visicchio (Ischitella); Pietro Salcuni (Monte Sant’Angelo); Onofrio Grifa e Michele Totta (San Giovanni Rotondo); Antonio Guida (San Marco in Lamis); Maria Rosaria Vera, Michela Di Perna e Nicola Angelicchio (Vico del Gargano); Isabella Cappabianca e Angela Ascoli (Vieste). Il tutto sarà moderato da predetto Ferrara, autore egli stesso, e curatore del volume in parola. Quest’ultimo, come già scritto, è da pochi anni sulla scena della poesia dialettale, attratto fortemente dall’esempio lasciato in lingua e nel canto della tradizione popolare  dal suo grande  compaesano Matteo Salvatore. L’ultimo rilievo riguarda l’organizzazione. A promuovere l’iniziativa in parola ci ha pensato, infatti,  il locale Circolo Culturale “Giulio Ricci”, antico sodalizio associativo del luogo e non nuovo a questo tipo di manifestazioni, unitamente al gruppo de ‘I Poeti Garganici’, coordinato dal succitato Ferrara, con la collaborazione dell’associazione ‘Talia’ e il patrocino dell’Amministrazione Comunale, avendo inserito l’evento nel cartellone del ‘RignanoEstate 2017’.     

 

Letto 518 volte Ultima modifica il Mercoledì, 19 Luglio 2017 16:11
Vota questo articolo
(0 Voti)
Antonio Del Vecchio

Già funzionario della Regione Puglia in campo culturale, giornalista e pubblicista. Ha diretto vari periodici con scritti a carattere politico e socio – culturale, tra Bari, Foggia e rispettive province.

Dal 1979 ha collaborato e collabora con testate, anche digitali, quali La Gazzetta del Mezzogiorno, l’Attacco, Garganopress, Sanmarcoinlamis.eu, Rignanonews.com.

E’ autore e curatore di parecchi volumi sui beni culturali, sulla storia locale, sull’emigrazione e sulle tradizioni di Rignano, del Gargano, della Puglia e dell'Italia.