Antonio Del Vecchio
18/05/17

Ci si prepara per la Festa grande di Santa Rita, a San Marco in Lamis

SAN MARCO IN LAMIS. Ci si prepara per la Festa di Santa Rita,  a San Marco in Lamis.

La stessa che avrà luogo, come noto, il 22 maggio prossimo,  sarà preceduta da un triduo preparatorio che avrà luogo, a partire da questa sera (18 maggio) presso l’omonima Cappella-Rettoria del centralissimo Corso. Si comincerà con la recita del S.Rosario, alle ore 18.00 e si proseguirà con la Santa Messa il triduo preparatorio, officiata da don Michele La Porta. Idem anche domani e dopo domani . Anzi, il 20 maggio, allorché alle ore 17.00 il programma sarà integrato dalla Benedizione dell’olio, delle rose e degli abitini, a cominciare dalle ore 17.00. Il 22 si prevede un programma - ritmo  più intenso  di manifestazioni religiose con Sante Messe dalle ore 7.00 alle ore 12.00. Quest’ultima, preceduta dalla tradizionale Supplica a Santa Rita e seguita alle ore 19.00 da una seconda Celebrazione Eucaristica  e dalla Processione. Si concluderà con i fuochi di artificio. A promuovere il tutto ci ha pensato l’apposito Comitato organizzatore, presieduto dal Rettore Don Pietro Giacobbe. Da sottolineare che la Festa di Santa Rita è molto avvertita e partecipata in città. Non a caso il nome della Santa è assai diffuso tra la popolazione sin da tempo remoto. Altrettanto,  il pellegrinaggio  annuale verso Cascia (Umbria), luogo dove si  venera il corpo della Santa, è una insopprimibile  e seguita costante devozionale.  

Letto 240 volte
Vota questo articolo
(0 Voti)
Antonio Del Vecchio

Già funzionario della Regione Puglia in campo culturale, giornalista e pubblicista. Ha diretto vari periodici con scritti a carattere politico e socio – culturale, tra Bari, Foggia e rispettive province.

Dal 1979 ha collaborato e collabora con testate, anche digitali, quali La Gazzetta del Mezzogiorno, l’Attacco, Garganopress, Sanmarcoinlamis.eu, Rignanonews.com.

E’ autore e curatore di parecchi volumi sui beni culturali, sulla storia locale, sull’emigrazione e sulle tradizioni di Rignano, del Gargano, della Puglia e dell'Italia.