Angelo Del Vecchio
13/05/17
Nicola Saracino se ne sta alla finestra a pensare. Ma non sarebbe stato meglio candidarlo? Nicola Saracino se ne sta alla finestra a pensare. Ma non sarebbe stato meglio candidarlo?

In attesa di sapere cosa accadrà alla Lista "Per Rignano", come noto esclusa al momento dalla competizione elettorale per un vizio di forma, il popolo di Rignano Garganico si interroga sui grandi assenti.

Che fine hanno fatto politici navigati e importanti come Nicola SaracinoDonato Del PrioreCiccino Orlando e Matteo Viola?

Tutti a casa, hanno dato spazio ad altri e hanno preferito rimanere dietro le quinte. In molti, però, si aspettavano la loro entrata nella campo della competizione per le comunali, soprattutto in un momento assai difficile per Rignano Garganico. Nel più piccolo comune del Parco Nazionale del Gargano l'economia è ferma al livello zero, non c'è occupazione, non si fanno investimenti, la popolazione è diventata sempre più anziana e il reddito pro-capite è sceso sotto livelli di guardia. Di contro sono aumentati i fenomeni delinquenziali e il tessuto sociale si è fatto sempre meno solidale con chi non riesce nemmeno più a sbarcare il lunario.

In molti si aspettavano, per esempio, la presenza nelle liste o come candidato sindaco dell'ex-primo cittadino Nicola Saracino. Ad oggi è il politico più noto fuori paese ed ha le capacità di terrete reti attorno a se che altri non hanno.

Purtroppo ha preferito restar fuori dalla lotta, forse per motivi personali, forse perché ha perso la voglia di lottare. Chi lo sa. Intanto il paese ha bisogno di personalità valide e allo stato attuale ce ne sono poche. Per fortuna che di politici navigati si sono candidati nelle liste concorrenti, ma è poco, quasi nulla.

L'ideale sarebbe stato realizzare un'unica lista e credere fino in fondo che per una volta Rignano poteva evitare le lotte intestine per pensare al futuro di chi ha scelto o è stato costretto a rimanerci a vivere.

Chi vivrà vedrà!

 

Letto 931 volte Ultima modifica il Domenica, 14 Maggio 2017 23:04
Vota questo articolo
(0 Voti)
Angelo Del Vecchio

E' nativo di Foggia, ma vive a Rimini dal 2009.

Ha passato la prima parte della sua vita girando l'Italia facendo ogni tanto ritorno nella sua cara Rignano Garganico, il più piccolo comune della Montagna del Sole.

E' giornalista-pubblicista dal 2004. Ha diretto dal 2012 al 2016 il quotidiano sanitario nazionale Nurse24.it, poi ceduto a terzi. In precedenza è stato direttore dell'agenzia di stampa "on line" Garganopress e di molte riviste e periodici sparsi lungo lo Stivale Italico. Attualmente si occupa dell'ufficio stampa di AssoCare.it e della rivista NurseNews.it.

Ha collaborato con varie testate giornalistiche locali, interregionali, nazionali e straniere, tra cui La Gazzetta del Mezzogiorno, Il Meridiano, Il Quotidiano di Foggia, L'Attacco, Il Corriere Adriatico, Telenorba, Telefoggia, Teleradioerre, Tele Blu, Tele Dauna, Teleradiopadrepio, Rete Smash Gargano, Ondaradio, Inforadio, Radio Centrale, Radionorba, Radio Manfredonia Centro, Il Messaggero, L'Avvenire, Repubblica, Il Corriere del Mezzogiorno, il settimanale Protagonisti, i settimanali satirici Cuore e La Peste, i periodici Gargano Nuovo e Meridiano 16, il circuito Euronews. Inoltre, ha collaborato alla realizzazione di trasmissioni per conto di Rai e Mediaset (Linea Blu, Linea Verde, Tg2, Tg3 Puglia, Mistero, La Macchina del Tempo). Al suo attivo ha 12 volumi pubblicati, redatti tra il 2000 e il 2012.

Ha conseguito la Laurea in Infermieristica il 26/11/2012 presso l'Università degli Studi di Bologna - Polo di Rimini e Cesena. La sua tesi di laurea "CleanHands 1.0" è stata premiata nel 2013 dal Collegio Ipasvi di Rimini e dall'Associazione Nazionale Infermieri Prevenzione Infezioni Ospedaliere (Anipio, Pesaro).

 

Sito web: www.angelorikydelvecchio.it