Antonio Del Vecchio
06/05/17

Per i “Poeti del Gargano”, altro strepitoso successo partecipativo in quel di Vico

Intervento del Sindaco Michele Sementino Intervento del Sindaco Michele Sementino

VICO DEL GARGANO.  Ennesimo successo partecipativo per il gruppo dei “Poeti del Gargano”, autori, come noto dell’omonima antologia ispirata ai vari dialetti del Promontorio. Questa volta, lo hanno conseguito in quel di Vico del Gargano, cittadina assai legata alle tradizioni e alla cultura popolare in genere.

Il tutto si è svolto nell’Auditorium “Raffaele Lanzetta” dell’ISS “Virgilio Marrone”. A prendere la parola per prima è stata la dirigente scolastica Maria Carmela Taronna, promotrice dell’iniziativa in parola. La stessa si è vivamente complimentata con gli autori del libro, perché con la loro proposta culturale contribuiscono alla conservazione e alla diffusione della lingua materna, spingendo la scuola a fare altrettanto. Dopo di che cinque studentesse si sono alternate ai microfono, declamando alcune poesie da esse stesse composte. Quindi, la parola è toccata al sindaco Michele Sementino, che si è detto orgoglioso che la scuola s’interessa di una merce così rara, qual è il dialetto, assicurando che il Comune farà la sua parte nel patrocinare e sostenere eventi di tal genere ed importanza. Dopo di che a salire in cattedra ci ha provato Franco Ferrara, animatore e curatore dell’opera in parola. Ovviamente egli si è soffermato a presentare i suoi colleghi. Erano in tredici. Precisamente, oltre all’interessato: Giuseppe Trombetta (Carpino), Rocco Martella e Nino Visicchio (Ischitella), Pietro Salcuni (Montesantangelo), Michele Totta (San Giovanni Rotondo), Antonio Guida (San Marco in Lamis), Maria Rosaria vera, Michela Di Perna e Nicola Angelicchio (Vico), Isabella Cappabianca e Angela Ascoli (Vieste). Insomma,  mancavano all’appello per motivi vari soltanto Giuseppe Lombardi (Rignano), Raffaele Pennelli (Apricena) e Onofrio Grifa (San Giovanni R.). Sono seguite le declamazioni dei poeti sopraccitati con la recita di tre poesie a testa. Per spezzare il discorso dei primi sei attori , è intervenuto il neo-gruppo dei cantori locali, denominato “Il duo novembre e le ragazze”, la cui esibizione è stata piuttosto condivisa ed applaudita. Dopo di che è seguito il resto delle recite, chiuso anche in questo caso dalla performance del gruppo canoro soprannominato. Quindi, il microfono è passato al giornalista Geppe Inserra, che ha elogiato l’antologia dei poeti in parola, sottolineando la ‘bontà’ del lavoro d’insieme, mai accaduto in passato ed indispensabile per portare in alto la cultura e l’originalità del Promontorio. Ha concluso i lavori, la v.sindaca e delegata al ramo, Tiziana Casavecchia, riconoscendo alla scuola il merito di portare avanti tante iniziative promozionali dirette alla crescita non solo degli studenti ma dell’intera comunità.

Letto 260 volte Ultima modifica il Domenica, 07 Maggio 2017 07:45
Vota questo articolo
(0 Voti)
Antonio Del Vecchio

Già funzionario della Regione Puglia in campo culturale, giornalista e pubblicista. Ha diretto vari periodici con scritti a carattere politico e socio – culturale, tra Bari, Foggia e rispettive province.

Dal 1979 ha collaborato e collabora con testate, anche digitali, quali La Gazzetta del Mezzogiorno, l’Attacco, Garganopress, Sanmarcoinlamis.eu, Rignanonews.com.

E’ autore e curatore di parecchi volumi sui beni culturali, sulla storia locale, sull’emigrazione e sulle tradizioni di Rignano, del Gargano, della Puglia e dell'Italia.