Antonio Del Vecchio
09/12/16

Anche Rignano piange la morte del maestro – cantore Antonio Piccininno

 RIGNANO GARGANICO. Nonostante la veneranda età di quasi cent’anni, la notizia della morte di Antonio Piccinino, leader de I Cantori di Carpino,  è stata accolta con vivo cordoglio anche a Rignano Garganico.

Qui lo conoscevano tutti sia per le sue ripetute esibizioni, sia per la forte amicizia che lo legava all’etnomusicologo Salvatore Villani che qui aveva ed ha il suo Centro Studi e  Tradizioni Popolari del Gargano e della Puglia. Per svariate estati, Antonio è stato ospite fisso, assieme al suo compaesano Rocco Cozzola (chitarra battente) a quasi tutte le manifestazioni canoro-musicali svoltesi in paese all’insegna della tradizione. E’ stato più volte premiato, come pure Andrea Sacco, nel corso dell’annuale manifestazione Rignanesi e Garganici nel mondo, promossa dal locale  Circolo”Giulio Ricci”, allora coordinato ed animato dal giornalista e scrittore Angelo Del Vecchio. Riportiamo di seguito il Comunicato stampa diffuso subito dopo la tragica notizia dall’Associazione de “I Cantori” in menzione, con la quale condividiamo questa grande “tristezza” che investe non solo la città di Carpino, ma l’intero e la Puglia.   << E’ scomparso poche ore fa il maestro Antonio Piccininno, patriarca della musica popolare del Gargano. Colonna portante dei “Cantori di Carpino”, “Zi 'Nton” era l'ultimo reduce della formazione originale di cui facevano parte i compianti Andrea Sacco e Antonio Maccarone, aveva compiuto a febbraio scorso 100 anni.Un secolo di vita e di passione per la musica carpinese per la quale ha dato anima e corpo fino all’ultimo respiro. Quel giorno, il 19 febbraio, Carpino lo celebrò con una grande festa a cui aveva preso parte anche l’amico Eugenio Bennato. Nonostante l’età Piccininno ha continuato a suonare e cantare in tutti gli eventi ufficiali, compresa l'ultima edizione del “Carpino Folk Festival”. Una ballata lunga... cento anni. Fatta di ricordi, personaggi e momenti che hanno caratterizzato l'esperienza di vita di Antonio Piccininno. Il "custode" delle tradizioni garganiche l'ha percorsa parlando di uomini e circostanze che hanno tappezzato il percorso artistico di questo movimento culturale. Antonio Piccininno è deceduto nel Centro di riabilitazione di Rodi Garganico dove era ospite. Con lui scompare un importante pezzo di storia della cultura della nostra terra e della musica popolare del Gargano>>. Il Direttore e la redazione di “rignanonews.com” partecipa col cuore al dolore che ha colpito la famiglia, gli amici e tutti coloro che hanno conosciuto ed apprezzato l’umanità e l’arte di Antonio Piccinino.

 

Letto 1049 volte
Vota questo articolo
(0 Voti)
Antonio Del Vecchio

Già funzionario della Regione Puglia in campo culturale, giornalista e pubblicista. Ha diretto vari periodici con scritti a carattere politico e socio – culturale, tra Bari, Foggia e rispettive province.

Dal 1979 ha collaborato e collabora con testate, anche digitali, quali La Gazzetta del Mezzogiorno, l’Attacco, Garganopress, Sanmarcoinlamis.eu, Rignanonews.com.

E’ autore e curatore di parecchi volumi sui beni culturali, sulla storia locale, sull’emigrazione e sulle tradizioni di Rignano, del Gargano, della Puglia e dell'Italia.