Antonio Del Vecchio
24/07/16

Dopo l' ascolto è l'ora del Piano di Azione locale per il Gal Gargano

Il Gal a Rignano. Il presidente Diiasio con il sindaco Di Carlo (al centro) e l'assessore Del Vecchio Il Gal a Rignano. Il presidente Diiasio con il sindaco Di Carlo (al centro) e l'assessore Del Vecchio

MONTE SANT'ANGELO Adesso comincia la fase di elaborazione del Piano di Azione Locale che conterrà le strategie di sviluppo che il GAL intende perseguire per la programmazione 2014-2020.

Si è concluso con gli incontri di Vieste e San Giovanni Rotondo il terzo e ultimo ciclo di ascolto del territorio #FACCIAMOFUTURO, in cui il GAL Gargano ha presentato tutte le proposte progettuali arrivate sino ad ora.  Adesso comincia la fase di elaborazione del Piano di Azione Locale che conterrà le strategie di sviluppo che il GAL intende perseguire per la programmazione 2014-2020. Il contenuto del PAL sarà il frutto di un lavoro cominciato nel mese di maggio, realizzato in 3 cicli di incontri e che ha visto il GAL Gargano presente in tutti i comuni della propria area, con meeting plenari prima e focus progettuali poi; un percorso che ha condotto alla raccolta di oltre 100 idee progettuali di sviluppo del territorio Gargano. Nel terzo e ultimo ciclo il GAL ha condiviso con il territorio quanto realizzato nei due cicli precedenti al fine di un ulteriore perfezionamento partecipato. Un lavoro senza precedenti che è andato ben oltre la strategia di condivisione col territorio e che, anzi, lo ha visto vero e proprio partner nell’elaborazione del PAL perché, come afferma il Presidente del GAL Gargano Biagio Di Iasio “Non si può pensare ad uno sviluppo di un territorio senza l’ascolto e le proposte di chi in quel luogo ci vive. Più l’ascolto è attento, più aumentano le possibilità di fare un concreto sviluppo. È a questo che abbiamo mirato nei nostri incontri ed è per questo che il nostro PAL conterrà un immenso patrimonio di valori, rispondenti ai fabbisogni e alle aspettative della popolazione garganica.”

N.B. Comunicato stampa a cura del Gal Gargano (la foto è di chi scrive)

Letto 468 volte Ultima modifica il Domenica, 24 Luglio 2016 07:52
Vota questo articolo
(0 Voti)
Antonio Del Vecchio

Già funzionario della Regione Puglia in campo culturale, giornalista e pubblicista. Ha diretto vari periodici con scritti a carattere politico e socio – culturale, tra Bari, Foggia e rispettive province.

Dal 1979 ha collaborato e collabora con testate, anche digitali, quali La Gazzetta del Mezzogiorno, l’Attacco, Garganopress, Sanmarcoinlamis.eu, Rignanonews.com.

E’ autore e curatore di parecchi volumi sui beni culturali, sulla storia locale, sull’emigrazione e sulle tradizioni di Rignano, del Gargano, della Puglia e dell'Italia.