Antonio Del Vecchio
29/01/14

Teo Ciavarella e i suoi amici in concerto al Rossemi di Borgo Celano, a San Marco in Lamis

SAN MARCO IN LAMIS (adv). Teo e i suoi amici jazzisti tornano di nuovo a San Marco in Lamis per un concerto di musica a soggetto tra i migliori del mondo. L’iniziativa vedrà lo svolgimento il 15 febbraio, con inizio alle ore 20.00 presso l’Hotel Rossemi di Borgo  Celano.

Non si tratta di un concerto qualsiasi, promosso per solennizzare questo o quell’avvenimento, ma di una miscela bene assortita tra la  genialità musicale e quella gastronomica.  A dare lustro e sostanza alla manifestazione ci saranno da una parte i migliori chef della zona, dall’altra musicisti di levatura internazionale come il succitato pianista Ciavarella, direttore artistico di lungo corso, docente nei Conservatori di Bologna e Ferrara nonché nella più prestigiosa scuola di jazz al mondo: il Berklee College of Music di Boston. Ma a pesare di più è sicuramente il suo  profondo attaccamento  alla Montagna del Sole, in particolare alla città natale che lasciò oltre trent’anni fa e allo stesso Hotel Rossemi che sin dal suo avvento sul territorio è stato sempre vicino alla musica in generale ed al jazz, in particolare, sin dai tempi del festival Jazzinlamis. Ecco, comunque, il programma specifico della serata. Si esibiranno per primi  i rinomati chef dell’Hotel ospitante, che si faranno apprezzare con la loro cena speciale. Seguirà subito dopo la performance di Teo con Agata Leanza, straordinaria voce ed autrice jazz. Sarà poi la volta di  Ugo de Veredicis, vero crooner  che farà rivivere  i più bei brani della canzone jazz americana accompagnati, alla batteria, dall’impareggiabile  Tiziano Paragone, compagno di giochi e di musica del  Teo nazionale,  sin da quando entrambi erano bambini. Quest’ultimo, nel corso di questi anni ha collaborato in registrazioni e tour con i più importanti artisti italiani ed esteri. Tra l’altro, con Renzo Arbore, Lucio Dalla, ecc. Attualmente dirige Alma Jazz Orchestra, filiazione dell’orchestra universitaria del Dams di Bologna.  

Letto 1021 volte
Vota questo articolo
(0 Voti)
Antonio Del Vecchio

Già funzionario della Regione Puglia in campo culturale, giornalista e pubblicista. Ha diretto vari periodici con scritti a carattere politico e socio – culturale, tra Bari, Foggia e rispettive province.

Dal 1979 ha collaborato e collabora con testate, anche digitali, quali La Gazzetta del Mezzogiorno, l’Attacco, Garganopress, Sanmarcoinlamis.eu, Rignanonews.com.

E’ autore e curatore di parecchi volumi sui beni culturali, sulla storia locale, sull’emigrazione e sulle tradizioni di Rignano, del Gargano, della Puglia e dell'Italia.