Antonio Del Vecchio
15/03/16

Ecco il resoconto della 29^giornata calcistica di Antonio Iannacci

 

RIGNANO GARGANICO. Questa 29esima giornata inaugura il rush finale di un bellissimo campionato, tutto è ancora in ballo: dallo scudetto, ad un piazzamento nell’Europa che conta, fino alla salvezza, tutto è ancora possibile e rende accattivante questo finale di stagione.

Giornata di campionato aperta venerdi dalla capolista Juventus che ospitava allo Stadium il Sassuolo. Furono proprio i neroverdi gli ultimi a battere i bianconeri in campionato un girone fa. Juve che vince 1 a 0 con una perla di Dybala e si porta momentamente a +6 sul Napoli impegnato nel posticipo domenicale. I bianconeri continuano nel loro ruolino di marcia mostruoso, 18 vittorie e 1 pareggio in 19 partite, con Buffon che porta a 925 minuti il suo periodo di imbattibilità a soli 4 minuti da Sebastiano Rossi che detiene il record con 929 minuti.Nell’anticipo delle 18 di sabato, Empoli e Sampdoria non si fanno male e pareggiano 1 a 1: al gol del blucerchiato Quagliarella risponde quasi allo scadere Laurinì. Nell’anticipo serale l’Inter di Mancini ospita il Bologna di Donadoni. Primo tempo piatto dove si segnalano solo gli infortuni dei due bomber di serata. All’11esimo va KO Icardi per un problema al ginocchio e al 17esimo va fuori anche Destro per un problema al piede. Partita che si anima nel terzo quarto di gara. L’Inter colpisce 2 volte in 4 minuti al 72esimo e al 76esimo con Perisic e D’Ambrosio, ci pensa poi Brienza al 90esimo a ridurre lo svantaggio. Seconda vittoria di fila per i neroazzurri che continuano a credere ancora nel terzo posto valido per l’accesso alla Champions. Nel lunch match domenicale il Milan stecca ancora pareggiando 0 a 0 al Bentegodi contro il Chievo. Senza Mihajlovic in panchina (squalificato per essere stato allontanato dal campo per proteste nella partita con il Sassuolo) i rossoneri sono sembrati la brutta copia di quelli ammirati nelle scorse giornate. Con una sconfitta e un pareggio nelle ultime 2 giornate il sogno Champions è definitivamente naufragato ed ora è a rischio anche l’Europa League distante 6 punti: se non dovesse arrivare neanche quella sarebbe l’ennesimo anno fallimentare per i rossoneri e potremmo assistere ad un nuovo ribaltone estivo. Pomeriggio ricco di match importanti per la zona Champions e per la salvezza. Continua la corsa inarrestabile della Roma di Spalletti che regola 2 a 1 un’Udinese sempre più invischiata nella lotta per non retrocedere, con le reti di Dzeko ed un gran gol di Florenzi, per i friulani invece la rete porta la firma di Bruno Fernandes. Per i giallorossi ottava vittoria consecutiva e terzo posto consolidato dato che le rivali (Inter e Fiorentina) sono distanti 5 punti. La Fiorentina spreca la ghiotta occasione di rimanere in scia alla Roma pareggiando 1 a 1 contro il fanalino di coda Verona. A Zarate risponde nel finale di partita un gol di testa di Eros Pisano. Nel match salvezza tra Carpi e Frosinone, Bianco e De Guzman (al 90° su rigore) regalano la vittoria agli emiliani che tornano a sperare nella salvezza distante appena 2 punti. Il suicidio del Torino permette al Genoa di trionfare e allontanarsi così definitivamente dalla zona retrocessione. Match subito scoppiettante con il Toro già in vantaggio 2 a 0 dopo 15minuti con la doppietta di Immobile. Il Genoa prima della fine del primo tempo acciuffa il pareggio con Cerci autore anch’esso di una doppietta su rigore. Nel secondo tempo il gol di Rigoni regala la vittoria ai rossoblù.  Nei posticipi serali la Lazio supera per 2 a 0 un’Atalanta sempre più in crisi con una doppietta dell’eterno Klose. Il Napoli continua nella rincorsa alla Juve. Al Barbera i partenopei superano 1 a 0 un Palermo ancora frastornato dall’ennesimo ribaltone in panchina (Novellino subentra al dimissionario Iachini), grazie al solito Higuain su rigore. Per il Pipita sono 27 i gol in 29 giornate, eguagliato il suo record di gol che risaliva ai tempi del Real (Rubrica"Mai una gioia Club"curato da Gigi, Lorenzo e Vincenzo)

N.B. Articolo pubblicato su face book - Azienda Agricola “La Masseriola”  di Antonio Iannacci

 

 

Letto 330 volte
Vota questo articolo
(0 Voti)
Antonio Del Vecchio

Già funzionario della Regione Puglia in campo culturale, giornalista e pubblicista. Ha diretto vari periodici con scritti a carattere politico e socio – culturale, tra Bari, Foggia e rispettive province.

Dal 1979 ha collaborato e collabora con testate, anche digitali, quali La Gazzetta del Mezzogiorno, l’Attacco, Garganopress, Sanmarcoinlamis.eu, Rignanonews.com.

E’ autore e curatore di parecchi volumi sui beni culturali, sulla storia locale, sull’emigrazione e sulle tradizioni di Rignano, del Gargano, della Puglia e dell'Italia.