Antonio Del Vecchio
06/01/16

Al via il progetto “Erasmus +“ all’Ic “San Giovanni Bosco-De Carolis” di San Marco in Lamis

 SAN MARCO IN LAMIS. E’ pronto per il via il progetto “ERASMUS +”, all’Istituto  Comprensivo “San Giovanni Bosco - De Carolis”, in San Marco in Lamis. All’attività, cui partecipano sette Stati europei, sono coinvolti alunni e docenti della predetta scuola, di cui meglio si dirà in seguito, dopo aver affrontato e specificato contenuti e finalità.

Vediamo di che si tratta. Come noto, l’iniziativa formativa in parola rientra nel programma comunitario finalizzato a promuovere attività di cooperazione e di scambio tra i paesi  Europei. I partenariati strategici nel settore dell'istruzione e della formazione fanno parte della:Azione chiave 2 - Cooperazione per l'innovazione e lo scambio di buone prassi, miglioramento dei metodi di insegnamento e apprendimento, nuovi programmi per lo sviluppo professionale del personale docente. Al progetto: "21st Century Skills:Pathway For School Innovation", partecipano sette Nazioni: Polonia, Italia, Spagna, Cipro, Grecia, Finlandia, Portogallo. Il motto del progetto è: agli  studenti del 21 ° secolo, servono i Teachers del  21 ° secolo! Il progetto è innovativo dal momento che gli scopi, le attività e i risultati sono subordinati allo sviluppo delle abilità del XXI secolo: competenze di base; capacità di pensiero; People Skills; Qualità personali. E, in particolar modo, la cooperazione tra i 7 Paesi  avrà un forte impatto su studenti e insegnanti. Gli studentiavranno modo di migliorare: le abilità di base e sociali; l’apprendimento dell’inglese; l’uso delle nuove tecnologie; le abilità interpersonali attraverso la cooperazione tra studenti provenienti da diverse culture. Inoltre, permetterà loro di ampliare gli orizzonti, nella ricerca di differenze e similitudini tra i7 Paesi diversi per lingua, tradizioni e stile di vita; migliorare la produzione di materiale digitale proprio grazie all’utilizzo delle TIC. Gli insegnanti, dal canto loro, potranno: apprendere metodologie di insegnamento/apprendimento vari e creativi; conoscere nuovi e diversi sistemi educativi;  utilizzare le nuove tecnologie; migliorare il lavoro di squadra; avere un’immagine positiva di una scuola moderna e assicurarne la promozione. La cooperazione - collaborazione tra  tutti i partner del progetto e la condivisione del lavoro avviene attraverso vari canali: via  web,  e-mail personali, FB, piattaforma dell’indire: e-twinning. Il progetto ha la durata di due anni 2014/2016 , il primo incontro si è tenuto in Finlandia: Kokkola dal 23/29 Novembre 2014,dove sono state programmate le attività da svolgere e i prodotti da realizzare. Ogni scuolaèresponsabile per dell'organizzazioneedell’ospitalità del meeting nel proprio paese. Il progetto Erasmus+, fortemente voluto dall’ex Dirigente dell’I.C. “San Giovanni Bosco-De Carolis” Antonio Tosco e portato avanti dalla nuova Dirigente prof.ssa Miriam Totaro,  nasce dalla collaborazione dei coordinatori dei vari Paesi dopo una fitta e intensa attività via web/e.twinning/ mail, di scambi di  idee e attività  per la sua realizzazione. Fasi organizzative del Progetto /Attività a lungo termine: -realizzazione di un logo, (scelto a rappresentare il progetto quello realizzato dall’Italia); -creazione di un sito web come strumentodi diffusione del lavoro degli studenti;creazione di un Gioco online grazie al qualegli studenti potranno sviluppareil loropensiero critico e capacità matematiche; creazione di fumetti relativi alla ''sicurezza in Internet'',(è stato realizzato un book  “Superera”); creazione di un Posterin formato digitale, in cui vengono  rappresentate le abilità acquisite (il poster sarà realizzato dal team italiano da presentare a marzo in Portogallo); creazione di un Cartoon, utilizzando TOONDO come materiale didattico; realizzazione di un Video per visualizzare i momenti chiave dei vari meeting; realizzazione di un Power point finale, (realizzato dal team italiano a chiusura del progetto a giugno 2016 in Polonia). Attività a breve termine: Skills di base sviluppate attraverso le TIC:lettura;matematica;pensiero creativo;abilità sociali e personali.Meetings: con soli docenti  in Finlandia (Kokkola) e Spagna (Alicante) in quanto queste due nazioni non hanno previsto scambi di alunni;con docenti e alunni: Cipro, Grecia, Italia, Portogallo e Polonia.Come accennato all’inizio, gli alunnicoinvolti nei meetings  sono stati scelti in base al merito e alla disponibilità delle famiglie ad ospitare i coetanei dei loro figli provenienti dai  predetti Stati del vecchio Continente. Questi ultimi, che sono 14, dai 9 ai 13 anni, saranno ospitati dai seguenti compagni sammarchesi: Emanuela Battista, Elisabetta Ciavarella, Michele De Lia Michele, Martina Di Carlo, Sabrina Del Mastro, Flavia Grottole, Pasquale Iannacone, Antonio Luciani, Elisabetta Lurdo, Luigi Masullo, Enrico Perta, Giorgio Rubino e Giuseppe Soccio. Al meeting sono chiamati a dare il proprio contributo, nelle varie fasi del programma, tutti i docenti. Quelli direttamente coinvolti nel progetto  sono:  Michelina Iannantuono (coordinatrice-referente);Carolina Scarano ( dicente d’inglese);Maria Del Mastro; Luigi Di Coste; Rosaria D’Addone; Rosanna Ianzano; Maria Limosani; Fernando Napolitano; Antonella Squeo; Luisa Staffolani ; Lorenzina Valerio.

 

 

 

Letto 866 volte
Vota questo articolo
(0 Voti)
Antonio Del Vecchio

Già funzionario della Regione Puglia in campo culturale, giornalista e pubblicista. Ha diretto vari periodici con scritti a carattere politico e socio – culturale, tra Bari, Foggia e rispettive province.

Dal 1979 ha collaborato e collabora con testate, anche digitali, quali La Gazzetta del Mezzogiorno, l’Attacco, Garganopress, Sanmarcoinlamis.eu, Rignanonews.com.

E’ autore e curatore di parecchi volumi sui beni culturali, sulla storia locale, sull’emigrazione e sulle tradizioni di Rignano, del Gargano, della Puglia e dell'Italia.