Antonio Del Vecchio
21/12/15

Toh chi ci si rivede a Rignano: la tombola! Si giocherà in due serate: il 21(ragazzi) e il 28(anziani)

RIGNANO GARGANICO. Nei giorni 21 e 28 dicembre, alle 17.00, ritorna il gioco della tradizionale tombola, a Rignano Garganico. Il tutto vedrà lo svolgimento nell’ex-edificio di Mussolini memoria, alias Scuole Elementari.

La prima serata è dedicata ai ragazzi, l’altra agli anziani, che si intratterranno presso la loro sede ubicata a piano terra del medesimo stabile. A promuovere la manifestazione, considerata una delle più conosciute e praticate nel mondo, ci ha pensato l’Amministrazione comunale di Vito Di Carlo, unitamente alla Protezione Civile e all’Associazione Vigili del Fuoco in congedo di Gabriele Nido. Chi non ricorda di aver giocato nella sua vita almeno una volta a tombola? Nessuno, a prescindere dall’età. Una volta i più accaniti erano ragazzi ed adolescenti, soprattutto nel periodo invernale, allorché erano costretti a restare al coperto, a causa delle intemperie. Nelle ore serali, soprattutto alla vigilia di qualche grande festa, Natale, Carnevale, Pasqua, amavano trascorrere ore ed ore a casa propria o presso quella del vicinato a fare ambo, terne, quintine e tombola. La “matta” di solito la faceva la padrona di casa, ma anche qualche ragazzo più grande. Si distribuivano le cartelle ed ognuno, se il numero della “pescata” era presente, vi apponeva su di essa qualche riconoscibile segnale. Di solito erano i legumi a farla da padrone, le cosiddette proteine dei poveri, presenti a “crascia” in ogni famiglia (ceci, fagioli, ecc.). Ci si incontrava e scontrava, chiacchierando ad alta voce, talvolta scambiandosi qualche carezza con il “primo” amore.  A quei tempi erano tutti buoni e ci si voleva bene.

 

Letto 506 volte
Vota questo articolo
(0 Voti)
Antonio Del Vecchio

Già funzionario della Regione Puglia in campo culturale, giornalista e pubblicista. Ha diretto vari periodici con scritti a carattere politico e socio – culturale, tra Bari, Foggia e rispettive province.

Dal 1979 ha collaborato e collabora con testate, anche digitali, quali La Gazzetta del Mezzogiorno, l’Attacco, Garganopress, Sanmarcoinlamis.eu, Rignanonews.com.

E’ autore e curatore di parecchi volumi sui beni culturali, sulla storia locale, sull’emigrazione e sulle tradizioni di Rignano, del Gargano, della Puglia e dell'Italia.